Progetto di servizio “Quando l’universo ti strizza l’occhio”

Elfi
Lo scopo del progetto, denominato anche “La posta degli Elfi”, è quello di raggiungere le persone in una modalità desueta, trascrivendo stralci di pagine di libri testi che contengano un alto messaggio spirituale e umano usando carta e penna stilografica, utilizzando lo stampatello maiuscolo perché anche le persone anziane siano agevolate nella lettura.
Il progetto vuole trasmettere apertura di cuore, solidarietà, amore, positività, fratellanza, accoglienza e, in tutto questo, vengono escluse le opinioni personali, le tragedie, gli episodi cruenti, i giudizi, le esaltazioni.
Banditi inoltre le critiche religiose, no a posizioni politiche o partitiche, nessuna posizione radicale di alcun genere e in nessun ambito. No bigottismo o esagerato moralismo. No sfoggio di cultura.
Le “letterine” sono scritte dagli aderenti a questa attività di Servizio con “tempo di qualità” e vengono collocate nelle cassette della posta di sconosciuti, sul territorio.
Il progetto si articola su due piani:
1) uno sviluppo relativo a colui che scrive e che conduce a una rivoluzione silenziosa, permettendo di modificare lentamente il quotidiano e quello di chi gli vive accanto, perché avrà forza di trasformare pensieri in azioni.
2) Uno sviluppo relativo a coloro che leggeranno e si renderanno conto che qualcuno ha scritto manualmente quella lettera, ha dedicato tempo nel farlo e tutto questo porta ad “amore che circola”, anche se le letterine potranno finire nella carta straccia, ma questo non ha importanza.
Da gennaio 2020, data di inizio del progetto, a maggio 2021, le “letterine” scritte hanno superato le 4000 e dalla provincia di Venezia hanno raggiunto città come Torino, Pesaro, Vicenza, Roma, Genova e persino Paesi quali la Svizzera e il Cile.