28 ottobre 2019

Monte Verità

Monte Verità
Cresce costantemente l’interesse nei confronti della sperimentazione teosofico-utopistica di Monte Verità.
È recentemente stata pubblicata da EDT Torino l’edizione italiana del testo di Stefan Bollmann “Monte Verità – 1900. Il primo sogno di una vita alternativa”.
La storia di Monte Verità ha inizio dalla volontà di un gruppo di giovani utopisti anticonformisti, che si stabilisce su un’altura nei pressi di Ascona, sul versante svizzero del lago Maggiore. Sono vegetariani, praticano lo yoga e il nudismo e forme innovative di danza e cura e creano una sorta di comune il cui stile di vita divenne via via un polo di attrazione per molti spiriti liberi ma anche per numerosi scrittori, artisti, scienziati e filosofi, tra cui Hermann Hesse, Max Weber, Karl Gustav Jung e tanti altri.
Il testo, ben documentato, pone anche una grande attenzione alle vicende personali dei protagonisti, forse a scapito di un auspicabile maggior approfondimento dei temi più squisitamente spirituali e utopistici legato alla costruzione di un mondo in armonia con la natura e non travolto dalla meccanizzazione selvaggia.