Novembre 2014

Anno LXX - N.11
Cover novembre 2014

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Area riservata

17 novembre 1875-17 novembre 2014 - Non solo un anniversario
A. Girardi 1

Il contributo della Teosofia allo studio del Cristianesimo (prima parte)
E. Bratina 2

La Luce sul Sentiero: l’enigma di un testo iniziatico
A. Girardi 12

Il rapporto tra la scienza e la spiritualità
P.F. Cascino 17

La generosità
J. Mahnich 20

Etica stoica (prima parte)
A. Braggio 25

Franco Cavazzoni - ad memoriam
31

International Theosophy Conferences, Naarden 2014
22

Fuoco di san Michele (29 settembre 2014)
L. Bessone 32

La Società Teosofica: storia, valori e realtà attuale – novità editoriale ETI 35

Segnalazioni 35
Recensioni 36
Notizie positive 36
Dai Gruppi 37

17 novembre 1875 - 17 novembre 2014 - non solo un anniversario

Sono trascorsi ormai 139 anni dalla fondazione della S.T., avvenuta a New York il 17 novembre 1875, e la ricorrenza non rappresenta solo un anniversario, ma l'occasione innanzi tutto di ricordare con gratitudine i fondatori, in primis Helena Petrovna Blavatsky ed Henry Steel Olcott, ma anche gli altri: il Presidente col. H.S. Olcott (procuratore legale, giornalista, docente), il Vicepresidente dott. S. Pancoast (medico chirurgo, scrittore), l’Amministratore J.S. Cobb (avvocato, editore del giornale New Era, organo degli ebrei riformati), il Tesoriere J.J. Newton (inventore, presidente dell’Ass. Fotografica Americana), il Bibliotecario C. Sotheran (esploratore, scrittore), i Consiglieri rev. J.H. Wiggins e rev. R.B. Westbrook (esponenti della Chiesa Evangelica), E.H. Britten (Editore del Western Star Magazine), C.E. Simmons (medico, scrittore), H.D. Monachesi (giornalista italo-americano), W.Q. Judge (procuratore legale).
Ma i fondatori poco avrebbero potuto fare senza la forza e l'aiuto dei Mahatma Koot Hoomi e Morya, che ispirarono la sperimentazione teosofica nel segno della Fratellanza Universale senza distinzioni, indirizzandola chiaramente lungo la Via del Servizio e di una presa di coscienza che andasse oltre a tutti gli approcci separativi ed alle visioni dualistiche.
Proprio per questo la moderna Teosofia nasce sotto il segno di una possibilità in grado di coniugare religione, filosofia e scienza in un sistema di conoscenza basato su un metodo che oggi definiremmo sistemico, metodo che non si sostanza in un insieme di dogmi, ma che fa leva piuttosto sull’osservazione neutrale e sull'intuizione.
Solo alla luce di questa metodologia ci può essere infatti una reale comprensione del karma e dell'evoluzione e del loro riflesso su quella chiave di comprensione che potremmo definire con il concetto di risonanza cosmica.
Un universo dunque in cui il particolare è in relazione con l'universale e in cui ciascuna parte è in comunicazione con le altre, lasciando quindi grandi spazi ad una presa di coscienza che, valorizzando la responsabilità individuale, si apre alla dimensione dell'empatia come valore etico.
La straordinaria forza del metodo teosofico, quel suo mettere in equilibrio i valori della ricerca, del servizio e della meditazione, non come tecnica ma come stato dell'essere, rendono ragione della continuità nel tempo della Società Teosofica. Essa mai ha dimenticato l'imprinting iniziale e ancor oggi si riconosce pienamente nei suoi tre scopi, conservando nel contempo la capacità di adattare linguaggi e modalità di azione all'evoluzione dei tempi, garantendo così una possibilità di dialogo con le nuove generazioni.
Affermava John Coats, che fu Presidente della Società Teosofica dal 1973 al 1979: “Coloro che hanno il privilegio di appartenere alla Società Teosofica devono considerare questo privilegio come un privilegio di sacrificio. Prendere dal proprio per dare agli altri, pensare ai bisogni di tutti gli uomini, compreso l’uomo della Nuova Età, più che ai propri bisogni od a quelli dell’istituzione. I primi saranno gli ultimi e gli ultimi saranno i primi”.
La S.T. del presente (che guarda al futuro) non dimentica l'appello ai teosofi lanciato dai Mahatma in occasione del passaggio oltre il velo della materia del col. Olcott (1907) “Tenetevi uniti con fraterno amore, poiché fate tutti parte del grande Sé universale... abbiate fiducia in noi”.

Antonio Girardi

Segnalazioni

Quote associative alla Società Teosofica Italiana e abbonamento alla “Rivista Italiana di Teosofia” per il 2015
Si avvicina il momento del rinnovo delle quote associative di adesione alla Società Teosofica Italiana per l’anno 2015.
Essere socio della S.T.I. ha soprattutto un valore ideale e si collega direttamente allo scopo della Fratellanza Universale senza distinzioni.

Per il 2015 il Comitato Esecutivo della S.T.I. ha confermato le quote dell’anno precedente: quota associativa 2015 euro 35,00 (comprende anche l’abbonamento al mensile Rivista Italiana di Teosofia); quota associativa 2015 senza Rivista Italiana di Teosofia euro 20,00; abbonamento alla Rivista Italiana di Teosofia (per non soci) euro 25,00; abbonamento estero euro 40,00.
Quota socio sostenitore (con abbonamento) euro 100,00.
Quota socio benemerito vitalizio (con abbonamento) euro 1.000,00.
I Soci indipendenti e gli Abbonati potranno provvedere direttamente al versamento sul c.c.p. n. 55010367 intestato alla Società Teosofica Italiana - Tesoreria, Viale Q. Sella, 83/E – 36100 Vicenza oppure potranno inviare un bonifico a: Società Teosofica Italiana, codice IBAN IT79 U057 2811 8160 1657 0143 525.
I Soci e i Soci/Abbonati dei Gruppi e dei Centri provvederanno invece al rinnovo contattando i Presidenti dei Gruppi o dei Centri di appartenenza.

Scienza e Spiritualità a Napoli.
Segnaliamo un importante appuntamento che è stato promosso a Napoli da Clara Negri sull’importante tema del rapporto fra scienza e spiritualità.
L’evento ha avuto luogo sabato 25 ottobre 2014, alle ore 18.00, presso la sede dell’Associazione Culturale Natakapa, in Via Sedile di Porto 55.
Relatori sul tema sono stati la stessa Clara Negri, che ha approfondito “I Maestri dell'anima: Ermete, Buddha, Confucio, Pitagora, Gesù”; la dott.ssa Renata D’Eliseo, Presidente del Gruppo Teosofico Partenopeo, che ha trattato il tema “Collegamenti tra il pensiero teosofico, Helena P. Blavatsky e la scienza moderna” e il dott. Antonio Girardi, Segretario Generale della Società Teosofica Italiana, che è intervenuto con una relazione su: “Un ponte fra Scienza e Spiritualità: la Teosofia come elemento unificante della conoscenza”.

Marcia per la pace e per la fraternità
Domenica 19 ottobre 2014 si è svolto il tradizionale appuntamento della “Marcia per la pace e per la fraternità”, con partenza alle ore 9.00 dai Giardini del Frontone di Perugia ed arrivo ad Assisi, alla Rocca Maggiore.
L’avvenimento, che riunisce annualmente tanti uomini di buona volontà provenienti da tutto il mondo, è nato dal sogno di Pace e di Fratellanza di Aldo Capitini (1899-1968), uomo di genio e di utopia, nonché convinto vegetariano.

Incontri su J. Krishnamurti
Segnaliamo il programma dei prossimi incontri che si svolgeranno presso lo Spazio Yomoda (yoga-movimento-danza), in via Papiniano 42, a Milano (a 50 metri dalla fermata S. Agostino della MM2), con proiezioni-video in inglese e lettura simultanea della traduzione in italiano di conferenze di J. Krishnamurti: 24 ottobre, 7 novembre e 21 novembre 2014.
L’inizio è previsto per le ore 20.15.
Nel primo incontro Krishnamurti risponde alle domande: Che cos’è la bellezza? Perché ci piacciono le cose belle? Si può percepire ciò che è attuale senza l’intervento del pensiero?
Nel secondo incontro, le domande a cui risponde Krishnamurti sono: Come si può vivere con un marito che non si cura di sua moglie? e: E’ necessario sposarsi, quando ci si ama? Che cos’è la relazione fisica tra un uomo e una donna?
Nel terzo incontro le domande sono tre: Che differenza c’è tra mente e cervello? Che cos’è la fede? Se la coscienza umana è una, come mai ci sono persone felici ed altre che non lo sono?
Dopo l’ascolto, chi lo desidera può rimanere e riflettere con gli amici sui temi proposti, intessendo un dialogo informale per vedere qual è l’impatto delle parole di Krishnamurti sulla vita di tutti i giorni.
L’ingresso è libero.
Per ulteriori informazioni telefonare a Olga (3470838076), Fabio (3478264012), Daniele (3356112584) o scrivere a Francesca (fraszol@tin.it)

Interviste al Congresso Europeo di Parigi
Tran-Thi-Kim Dieu, Presidente della Federazione Teosofica Europea, ha intervistato, durante le giornate del Congresso Teosofico Europeo che si è svolto a Parigi tra il 30 luglio ed il 3 agosto scorsi, tre ospiti di rilievo: il Presidente Internazionale Tim Boyd, lo scienziato Andrej Detela e il fisico Ulrich Mohrhoff.
Tali conversazioni sono state registrate e si possono vedere collegandosi rispettivamente a: https://vimeo.com/102619786 (Tim Boyd), https://vimeo.com/102918481 (Andrej Detela) e https://vimeo.com/102628213 (Ulrich Mohrhoff).
Il Congresso Teosofico Europeo, giunto alla 37^ Edizione ha approfondito l’importante tema: “Un ponte tra Scienza e Spiritualità”.

Le neuroscienze a servizio di una nuova cultura
Il 27 settembre 2014 la Società Teosofica Italiana ha organizzato a Vicenza, località Creazzo, presso l’Hotel Vergilius, un importante seminario sul tema: “L’urgenza di una nuova cultura: neuroscienze, spiritualità e coscienza”.
Relatore è stato il dott. José Foglia, medico con lauree e specializzazioni presso la Facoltà di Medicina di Montevideo (Uruguay, presso l’Università Cattolica a Roma e pressi l’Università di Montpellier).
Foglia è un medico che si occupa oggi del rapporto fra il funzionamento del cervello e quello dei sistemi endocrino e immunitario; è membro della Società Teosofica ed è oggi impegnato ad investigare il potenziale umano ed a sviluppare un nuovo approccio alla medicina. E’ pure autore del volume “Homo Lux” (Montevideo 2010).
Il seminario ha riscosso un notevole interesse ed ha visto la partecipazione di oltre 90 persone, interessate alla relazione fra neuroscienze e spiritualità.
Il dott. Foglia ha approfondito il tema del rapporto fra stati della coscienza, funzionamento del cervello e la realtà di quella che viene definita “mente”. Ne è emerso che l’essere umano, pur avendo due emisferi che seguono logiche diverse, è caratterizzato da una profonda unità, collegata in tutte le sue parti e in continua risonanza con l’universo.
Il seminario ha altresì risposto ad alcune domande fondamentali: cosa succede nel cervello quando si osserva la realtà, quando ci si relaziona con gli altri e anche quando si medita? E quando si può parlare davvero di meditazione, in relazione ai vari processi cerebrali e mentali? E, ancora: è in atto una tendenza evolutiva che porta ad una espansione di coscienza? E quali sono gli impatti sull’essere umano dell’utilizzo delle nuove tecnologie?
Numerose le domande e gli interventi che hanno seguito l’esposizione della relazione.
La conferenza è stata video-registrata e sarà disponibile, verosimilmente per la fine del mese di ottobre nel sito della Società Teosofica Italiana, all’indirizzo web www.teosofica.org
Per essere aggiornati sulla pubblicazione del video e sulle news mensili della Società Teosofica, è possibile iscriversi alla Newsletter registrandosi come nuovi utenti nell’area riservata del sito.

Recensioni

Maria Zambrano e il sogno del divino femminile
Segnaliamo l’interessante opera di Giuliana Savelli: “Maria Zambrano e il sogno del divino femminile”, pubblicata da Iacobelli editore.
Si tratta di una sintesi del pensiero della filosofa, per quanto riguarda la sua visione dell’uomo e del destino.
Giuliana Savelli segue la virata che Zambrano impone al pensiero, che scende verso la vita per poi risalire. Si apre infatti con i sogni, la vita nel corpo addormentato di cui non siamo consapevoli; e si chiude con il risveglio della coscienza nella luce dell’Aurora. Un aspetto originale del testo è il lavoro delle connessioni: portare i sogni dentro la filosofia; leggere in chiave transpersonale la psiche; ritrovare un nuovo inizio filosofico; ritrovare un metodo del pensiero fondato sul sentire; riproporre una nuova visione del divino femminile, partoriente sempre vergine come le antiche dee, pensante. Centro delle connessioni è il soggetto, quello che Zambrano chiama chi, l’individuo in carne ed ossa, la singola donna nella pienezza del sentire, che finalmente entra a pieno titolo nella filosofia, per trasformare se stessa e la vita. Zambrano resta una filosofa che ha fiducia nel cambiamento e risveglia la speranza.
Scrive Chiara Zamboni nell’introduzione al libro: “Sebbene il testo di Giuliana Savelli non sia affatto accademico e non segua i criteri tradizionali dei testi filosofici, tuttavia ha un’impronta filosofica che ha una certa tonalità, un suono particolare”.
L’autrice, professoressa di lettere in pensione, si è poi laureata in filosofia a Verona, dove vive e partecipa alle iniziative del Circolo della Rosa e frequenta i seminari della Comunità Filosofica Diotima. Ha scritto una serie di racconti e ha tenuto laboratori di lettura e scrittura femminile presso l’Associazione Le Melusine di Milano, di cui fa parte.

100 – Nel centenario della nascita di mio padre 1914- 2014
Il 2 ottobre 2014, presso il Dipartimento Scienze Radiologiche del Policlinico Umberto I in Viale Regina Elena 324, il teosofo romano Claudio Monachesi ha presentato il suo ultimo libro: “100 – Nel centenario della nascita di mio padre 1914- 2014”, pubblicato da Pioda Imaging Edizioni.
Numerosi gli interventi, preceduti dall’introduzione del prof. Vincenzo Tombolini, direttore del DAI del Policlinico, a cominciare da quelli di Antonello Belli (“Dylan-Claudio”) e di Gabriella Bachiorrini (“Due canti per il padre”). Antonello Belli darà poi vita al corto “Mio padre nacque….”, con Francesca Bartoli, Regina Vittoria e lo stesso Claudio Monachesi. In conclusione il musicista e compositore Angelo Bruzzese ha eseguito musiche e canti, con la partecipazione del soprano Annalisa Pellegrini.
Nella prefazione al libro, Antonello Belli scrive: “Claudio Monachesi, in questo libro dedicato al padre, ci catapulta, attraverso 48 brevi racconti, in due diverse dimensioni: una esteriore e storica, l’Italia degli Anni ‘50 e l’altra interiore e indatabile, nel suo rapporto non con un padre ma con il Padre”.
Per un contatto diretto con l’autore del libro: c.monachesi@tiscali.it

Il Logos e Pan
Fabrizio Giusti, avvocato e scrittore nonché presidente del Centro Studi Teosofici “Annie Besant” di Taranto, ha pubblicato nel 2011, presso la casa editrice Tipheret (www.tipheret.org), un testo articolato in 12 capitoli. Il Logos e Pan è un’opera filosofica miltidisciplinare che spazia nell’epopea umana alla ricerca del Logos, la ragione essenziale, prima e unificante, e di Pan, l’anima universale della materia, rievocando le antiche Conoscenze e sapienzialità che hanno reso grande l’umanità fino all’avvento del paradigma razionalista.
Partendo dal superamento della dualità materiale, attraverso il riconoscimento della dimensione metafisica, la capacità dell’uomo di tradurre l’idea immaginifica e la volontà agente in modificazioni della realtà si è sempre maggiormente sviluppata sino a rendere, infine, inestricabile l’unione tra pensiero e materia. Risalendo all’origine degli enti, questo libro si propone di ricongiungere la sensibilità del lettore alla clavis aurea dell’esistenza.
Fabrizio Giusti è convinto assertore che la Conoscenza sia strumento di elezione per il raggiungimento di una diversa consapevolezza etica e spirituale. La sua ricerca è prevalentemente indirizzata verso le ragioni prime e ultime di ciò che è in essere e in divenire.

Notizie positive

Heart babies project – un grande risultato
I ragazzi del “Neverrest team”, partiti in maggio per un’ascensione sull’Everest volta alla sensibilizzazione riguardo l’“Heart Babies Project”, progetto di aiuto ai bambini con malattie cardiache della Tanzania, hanno raccolto l’importante somma di 25.000 dollari, che consentirà di operare al cuore un bel numero di piccoli, che altrimenti non riuscirebbero a sopravvivere, a causa delle malformazioni cardiache congenite che li affliggono.
Il progetto, che ha tra i suoi sponsor anche l’Ordine Teosofico di Servizio italiano, è stato ispirato da Malaika Kapur, giovane teosofa ed entusiasta membro attivo dell’Ordine Teosofico di Servizio di Dar-es-Salaam, in Tanzania. Malaika è riuscita a coinvolgere gli studenti dell’Università della British Columbia di Vancouver, presso la quale studia, riunendo così ragazzi provenienti da Tanzania, India, Belgio, Kenya, Tailandia, Turchia, Sud Africa, Indonesia e Filippine, che con lei hanno scalato l’Everest.
Il grande risultato ottenuto testimonia la passione che li ha animati e quanto si possa fare con entusiasmo, tenacia e quella generosità che infonde il desiderio di essere di beneficio a tutti gli esseri.

Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Avvicendamento gruppo Luce Milano
In seguito alle dimissioni del fratello Marco Rinaldi Chini, il Gruppo Teosofico “Luce” di Milano ha provveduto, il 18 settembre scorso, ad eleggere un nuovo Presidente, nella persona del fratello Luigi Marsi.
Piero Schepis è stato designato quale Vicepresidente, Segretaria e Tesoriera sarà ancora Maria Angela Chiesa e la funzione di Bibliotecario verrà ricoperta da Ernesto Manera.
Auguri di buon lavoro fraterno al Presidente ed a tutti i componenti del direttivo.

Novembre 2014

Anno LXX - N.11
Cover novembre 2014

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

17 novembre 1875-17 novembre 2014 - Non solo un anniversario
A. Girardi 1

Il contributo della Teosofia allo studio del Cristianesimo (prima parte)
E. Bratina 2

La Luce sul Sentiero: l’enigma di un testo iniziatico
A. Girardi 12

Il rapporto tra la scienza e la spiritualità
P.F. Cascino 17

La generosità
J. Mahnich 20

Etica stoica (prima parte)
A. Braggio 25

Franco Cavazzoni - ad memoriam
31

International Theosophy Conferences, Naarden 2014
22

Fuoco di san Michele (29 settembre 2014)
L. Bessone 32

La Società Teosofica: storia, valori e realtà attuale – novità editoriale ETI 35

Segnalazioni 35
Recensioni 36
Notizie positive 36
Dai Gruppi 37

17 novembre 1875 - 17 novembre 2014 - non solo un anniversario

Sono trascorsi ormai 139 anni dalla fondazione della S.T., avvenuta a New York il 17 novembre 1875, e la ricorrenza non rappresenta solo un anniversario, ma l'occasione innanzi tutto di ricordare con gratitudine i fondatori, in primis Helena Petrovna Blavatsky ed Henry Steel Olcott, ma anche gli altri: il Presidente col. H.S. Olcott (procuratore legale, giornalista, docente), il Vicepresidente dott. S. Pancoast (medico chirurgo, scrittore), l’Amministratore J.S. Cobb (avvocato, editore del giornale New Era, organo degli ebrei riformati), il Tesoriere J.J. Newton (inventore, presidente dell’Ass. Fotografica Americana), il Bibliotecario C. Sotheran (esploratore, scrittore), i Consiglieri rev. J.H. Wiggins e rev. R.B. Westbrook (esponenti della Chiesa Evangelica), E.H. Britten (Editore del Western Star Magazine), C.E. Simmons (medico, scrittore), H.D. Monachesi (giornalista italo-americano), W.Q. Judge (procuratore legale).
Ma i fondatori poco avrebbero potuto fare senza la forza e l'aiuto dei Mahatma Koot Hoomi e Morya, che ispirarono la sperimentazione teosofica nel segno della Fratellanza Universale senza distinzioni, indirizzandola chiaramente lungo la Via del Servizio e di una presa di coscienza che andasse oltre a tutti gli approcci separativi ed alle visioni dualistiche.
Proprio per questo la moderna Teosofia nasce sotto il segno di una possibilità in grado di coniugare religione, filosofia e scienza in un sistema di conoscenza basato su un metodo che oggi definiremmo sistemico, metodo che non si sostanza in un insieme di dogmi, ma che fa leva piuttosto sull’osservazione neutrale e sull'intuizione.
Solo alla luce di questa metodologia ci può essere infatti una reale comprensione del karma e dell'evoluzione e del loro riflesso su quella chiave di comprensione che potremmo definire con il concetto di risonanza cosmica.
Un universo dunque in cui il particolare è in relazione con l'universale e in cui ciascuna parte è in comunicazione con le altre, lasciando quindi grandi spazi ad una presa di coscienza che, valorizzando la responsabilità individuale, si apre alla dimensione dell'empatia come valore etico.
La straordinaria forza del metodo teosofico, quel suo mettere in equilibrio i valori della ricerca, del servizio e della meditazione, non come tecnica ma come stato dell'essere, rendono ragione della continuità nel tempo della Società Teosofica. Essa mai ha dimenticato l'imprinting iniziale e ancor oggi si riconosce pienamente nei suoi tre scopi, conservando nel contempo la capacità di adattare linguaggi e modalità di azione all'evoluzione dei tempi, garantendo così una possibilità di dialogo con le nuove generazioni.
Affermava John Coats, che fu Presidente della Società Teosofica dal 1973 al 1979: “Coloro che hanno il privilegio di appartenere alla Società Teosofica devono considerare questo privilegio come un privilegio di sacrificio. Prendere dal proprio per dare agli altri, pensare ai bisogni di tutti gli uomini, compreso l’uomo della Nuova Età, più che ai propri bisogni od a quelli dell’istituzione. I primi saranno gli ultimi e gli ultimi saranno i primi”.
La S.T. del presente (che guarda al futuro) non dimentica l'appello ai teosofi lanciato dai Mahatma in occasione del passaggio oltre il velo della materia del col. Olcott (1907) “Tenetevi uniti con fraterno amore, poiché fate tutti parte del grande Sé universale... abbiate fiducia in noi”.

Antonio Girardi

Segnalazioni

Quote associative alla Società Teosofica Italiana e abbonamento alla “Rivista Italiana di Teosofia” per il 2015
Si avvicina il momento del rinnovo delle quote associative di adesione alla Società Teosofica Italiana per l’anno 2015.
Essere socio della S.T.I. ha soprattutto un valore ideale e si collega direttamente allo scopo della Fratellanza Universale senza distinzioni.

Per il 2015 il Comitato Esecutivo della S.T.I. ha confermato le quote dell’anno precedente: quota associativa 2015 euro 35,00 (comprende anche l’abbonamento al mensile Rivista Italiana di Teosofia); quota associativa 2015 senza Rivista Italiana di Teosofia euro 20,00; abbonamento alla Rivista Italiana di Teosofia (per non soci) euro 25,00; abbonamento estero euro 40,00.
Quota socio sostenitore (con abbonamento) euro 100,00.
Quota socio benemerito vitalizio (con abbonamento) euro 1.000,00.
I Soci indipendenti e gli Abbonati potranno provvedere direttamente al versamento sul c.c.p. n. 55010367 intestato alla Società Teosofica Italiana - Tesoreria, Viale Q. Sella, 83/E – 36100 Vicenza oppure potranno inviare un bonifico a: Società Teosofica Italiana, codice IBAN IT79 U057 2811 8160 1657 0143 525.
I Soci e i Soci/Abbonati dei Gruppi e dei Centri provvederanno invece al rinnovo contattando i Presidenti dei Gruppi o dei Centri di appartenenza.

Scienza e Spiritualità a Napoli.
Segnaliamo un importante appuntamento che è stato promosso a Napoli da Clara Negri sull’importante tema del rapporto fra scienza e spiritualità.
L’evento ha avuto luogo sabato 25 ottobre 2014, alle ore 18.00, presso la sede dell’Associazione Culturale Natakapa, in Via Sedile di Porto 55.
Relatori sul tema sono stati la stessa Clara Negri, che ha approfondito “I Maestri dell'anima: Ermete, Buddha, Confucio, Pitagora, Gesù”; la dott.ssa Renata D’Eliseo, Presidente del Gruppo Teosofico Partenopeo, che ha trattato il tema “Collegamenti tra il pensiero teosofico, Helena P. Blavatsky e la scienza moderna” e il dott. Antonio Girardi, Segretario Generale della Società Teosofica Italiana, che è intervenuto con una relazione su: “Un ponte fra Scienza e Spiritualità: la Teosofia come elemento unificante della conoscenza”.

Marcia per la pace e per la fraternità
Domenica 19 ottobre 2014 si è svolto il tradizionale appuntamento della “Marcia per la pace e per la fraternità”, con partenza alle ore 9.00 dai Giardini del Frontone di Perugia ed arrivo ad Assisi, alla Rocca Maggiore.
L’avvenimento, che riunisce annualmente tanti uomini di buona volontà provenienti da tutto il mondo, è nato dal sogno di Pace e di Fratellanza di Aldo Capitini (1899-1968), uomo di genio e di utopia, nonché convinto vegetariano.

Incontri su J. Krishnamurti
Segnaliamo il programma dei prossimi incontri che si svolgeranno presso lo Spazio Yomoda (yoga-movimento-danza), in via Papiniano 42, a Milano (a 50 metri dalla fermata S. Agostino della MM2), con proiezioni-video in inglese e lettura simultanea della traduzione in italiano di conferenze di J. Krishnamurti: 24 ottobre, 7 novembre e 21 novembre 2014.
L’inizio è previsto per le ore 20.15.
Nel primo incontro Krishnamurti risponde alle domande: Che cos’è la bellezza? Perché ci piacciono le cose belle? Si può percepire ciò che è attuale senza l’intervento del pensiero?
Nel secondo incontro, le domande a cui risponde Krishnamurti sono: Come si può vivere con un marito che non si cura di sua moglie? e: E’ necessario sposarsi, quando ci si ama? Che cos’è la relazione fisica tra un uomo e una donna?
Nel terzo incontro le domande sono tre: Che differenza c’è tra mente e cervello? Che cos’è la fede? Se la coscienza umana è una, come mai ci sono persone felici ed altre che non lo sono?
Dopo l’ascolto, chi lo desidera può rimanere e riflettere con gli amici sui temi proposti, intessendo un dialogo informale per vedere qual è l’impatto delle parole di Krishnamurti sulla vita di tutti i giorni.
L’ingresso è libero.
Per ulteriori informazioni telefonare a Olga (3470838076), Fabio (3478264012), Daniele (3356112584) o scrivere a Francesca (fraszol@tin.it)

Interviste al Congresso Europeo di Parigi
Tran-Thi-Kim Dieu, Presidente della Federazione Teosofica Europea, ha intervistato, durante le giornate del Congresso Teosofico Europeo che si è svolto a Parigi tra il 30 luglio ed il 3 agosto scorsi, tre ospiti di rilievo: il Presidente Internazionale Tim Boyd, lo scienziato Andrej Detela e il fisico Ulrich Mohrhoff.
Tali conversazioni sono state registrate e si possono vedere collegandosi rispettivamente a: https://vimeo.com/102619786 (Tim Boyd), https://vimeo.com/102918481 (Andrej Detela) e https://vimeo.com/102628213 (Ulrich Mohrhoff).
Il Congresso Teosofico Europeo, giunto alla 37^ Edizione ha approfondito l’importante tema: “Un ponte tra Scienza e Spiritualità”.

Le neuroscienze a servizio di una nuova cultura
Il 27 settembre 2014 la Società Teosofica Italiana ha organizzato a Vicenza, località Creazzo, presso l’Hotel Vergilius, un importante seminario sul tema: “L’urgenza di una nuova cultura: neuroscienze, spiritualità e coscienza”.
Relatore è stato il dott. José Foglia, medico con lauree e specializzazioni presso la Facoltà di Medicina di Montevideo (Uruguay, presso l’Università Cattolica a Roma e pressi l’Università di Montpellier).
Foglia è un medico che si occupa oggi del rapporto fra il funzionamento del cervello e quello dei sistemi endocrino e immunitario; è membro della Società Teosofica ed è oggi impegnato ad investigare il potenziale umano ed a sviluppare un nuovo approccio alla medicina. E’ pure autore del volume “Homo Lux” (Montevideo 2010).
Il seminario ha riscosso un notevole interesse ed ha visto la partecipazione di oltre 90 persone, interessate alla relazione fra neuroscienze e spiritualità.
Il dott. Foglia ha approfondito il tema del rapporto fra stati della coscienza, funzionamento del cervello e la realtà di quella che viene definita “mente”. Ne è emerso che l’essere umano, pur avendo due emisferi che seguono logiche diverse, è caratterizzato da una profonda unità, collegata in tutte le sue parti e in continua risonanza con l’universo.
Il seminario ha altresì risposto ad alcune domande fondamentali: cosa succede nel cervello quando si osserva la realtà, quando ci si relaziona con gli altri e anche quando si medita? E quando si può parlare davvero di meditazione, in relazione ai vari processi cerebrali e mentali? E, ancora: è in atto una tendenza evolutiva che porta ad una espansione di coscienza? E quali sono gli impatti sull’essere umano dell’utilizzo delle nuove tecnologie?
Numerose le domande e gli interventi che hanno seguito l’esposizione della relazione.
La conferenza è stata video-registrata e sarà disponibile, verosimilmente per la fine del mese di ottobre nel sito della Società Teosofica Italiana, all’indirizzo web www.teosofica.org
Per essere aggiornati sulla pubblicazione del video e sulle news mensili della Società Teosofica, è possibile iscriversi alla Newsletter registrandosi come nuovi utenti nell’area riservata del sito.

Recensioni

Maria Zambrano e il sogno del divino femminile
Segnaliamo l’interessante opera di Giuliana Savelli: “Maria Zambrano e il sogno del divino femminile”, pubblicata da Iacobelli editore.
Si tratta di una sintesi del pensiero della filosofa, per quanto riguarda la sua visione dell’uomo e del destino.
Giuliana Savelli segue la virata che Zambrano impone al pensiero, che scende verso la vita per poi risalire. Si apre infatti con i sogni, la vita nel corpo addormentato di cui non siamo consapevoli; e si chiude con il risveglio della coscienza nella luce dell’Aurora. Un aspetto originale del testo è il lavoro delle connessioni: portare i sogni dentro la filosofia; leggere in chiave transpersonale la psiche; ritrovare un nuovo inizio filosofico; ritrovare un metodo del pensiero fondato sul sentire; riproporre una nuova visione del divino femminile, partoriente sempre vergine come le antiche dee, pensante. Centro delle connessioni è il soggetto, quello che Zambrano chiama chi, l’individuo in carne ed ossa, la singola donna nella pienezza del sentire, che finalmente entra a pieno titolo nella filosofia, per trasformare se stessa e la vita. Zambrano resta una filosofa che ha fiducia nel cambiamento e risveglia la speranza.
Scrive Chiara Zamboni nell’introduzione al libro: “Sebbene il testo di Giuliana Savelli non sia affatto accademico e non segua i criteri tradizionali dei testi filosofici, tuttavia ha un’impronta filosofica che ha una certa tonalità, un suono particolare”.
L’autrice, professoressa di lettere in pensione, si è poi laureata in filosofia a Verona, dove vive e partecipa alle iniziative del Circolo della Rosa e frequenta i seminari della Comunità Filosofica Diotima. Ha scritto una serie di racconti e ha tenuto laboratori di lettura e scrittura femminile presso l’Associazione Le Melusine di Milano, di cui fa parte.

100 – Nel centenario della nascita di mio padre 1914- 2014
Il 2 ottobre 2014, presso il Dipartimento Scienze Radiologiche del Policlinico Umberto I in Viale Regina Elena 324, il teosofo romano Claudio Monachesi ha presentato il suo ultimo libro: “100 – Nel centenario della nascita di mio padre 1914- 2014”, pubblicato da Pioda Imaging Edizioni.
Numerosi gli interventi, preceduti dall’introduzione del prof. Vincenzo Tombolini, direttore del DAI del Policlinico, a cominciare da quelli di Antonello Belli (“Dylan-Claudio”) e di Gabriella Bachiorrini (“Due canti per il padre”). Antonello Belli darà poi vita al corto “Mio padre nacque….”, con Francesca Bartoli, Regina Vittoria e lo stesso Claudio Monachesi. In conclusione il musicista e compositore Angelo Bruzzese ha eseguito musiche e canti, con la partecipazione del soprano Annalisa Pellegrini.
Nella prefazione al libro, Antonello Belli scrive: “Claudio Monachesi, in questo libro dedicato al padre, ci catapulta, attraverso 48 brevi racconti, in due diverse dimensioni: una esteriore e storica, l’Italia degli Anni ‘50 e l’altra interiore e indatabile, nel suo rapporto non con un padre ma con il Padre”.
Per un contatto diretto con l’autore del libro: c.monachesi@tiscali.it

Il Logos e Pan
Fabrizio Giusti, avvocato e scrittore nonché presidente del Centro Studi Teosofici “Annie Besant” di Taranto, ha pubblicato nel 2011, presso la casa editrice Tipheret (www.tipheret.org), un testo articolato in 12 capitoli. Il Logos e Pan è un’opera filosofica miltidisciplinare che spazia nell’epopea umana alla ricerca del Logos, la ragione essenziale, prima e unificante, e di Pan, l’anima universale della materia, rievocando le antiche Conoscenze e sapienzialità che hanno reso grande l’umanità fino all’avvento del paradigma razionalista.
Partendo dal superamento della dualità materiale, attraverso il riconoscimento della dimensione metafisica, la capacità dell’uomo di tradurre l’idea immaginifica e la volontà agente in modificazioni della realtà si è sempre maggiormente sviluppata sino a rendere, infine, inestricabile l’unione tra pensiero e materia. Risalendo all’origine degli enti, questo libro si propone di ricongiungere la sensibilità del lettore alla clavis aurea dell’esistenza.
Fabrizio Giusti è convinto assertore che la Conoscenza sia strumento di elezione per il raggiungimento di una diversa consapevolezza etica e spirituale. La sua ricerca è prevalentemente indirizzata verso le ragioni prime e ultime di ciò che è in essere e in divenire.

Notizie positive

Heart babies project – un grande risultato
I ragazzi del “Neverrest team”, partiti in maggio per un’ascensione sull’Everest volta alla sensibilizzazione riguardo l’“Heart Babies Project”, progetto di aiuto ai bambini con malattie cardiache della Tanzania, hanno raccolto l’importante somma di 25.000 dollari, che consentirà di operare al cuore un bel numero di piccoli, che altrimenti non riuscirebbero a sopravvivere, a causa delle malformazioni cardiache congenite che li affliggono.
Il progetto, che ha tra i suoi sponsor anche l’Ordine Teosofico di Servizio italiano, è stato ispirato da Malaika Kapur, giovane teosofa ed entusiasta membro attivo dell’Ordine Teosofico di Servizio di Dar-es-Salaam, in Tanzania. Malaika è riuscita a coinvolgere gli studenti dell’Università della British Columbia di Vancouver, presso la quale studia, riunendo così ragazzi provenienti da Tanzania, India, Belgio, Kenya, Tailandia, Turchia, Sud Africa, Indonesia e Filippine, che con lei hanno scalato l’Everest.
Il grande risultato ottenuto testimonia la passione che li ha animati e quanto si possa fare con entusiasmo, tenacia e quella generosità che infonde il desiderio di essere di beneficio a tutti gli esseri.

Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Avvicendamento gruppo Luce Milano
In seguito alle dimissioni del fratello Marco Rinaldi Chini, il Gruppo Teosofico “Luce” di Milano ha provveduto, il 18 settembre scorso, ad eleggere un nuovo Presidente, nella persona del fratello Luigi Marsi.
Piero Schepis è stato designato quale Vicepresidente, Segretaria e Tesoriera sarà ancora Maria Angela Chiesa e la funzione di Bibliotecario verrà ricoperta da Ernesto Manera.
Auguri di buon lavoro fraterno al Presidente ed a tutti i componenti del direttivo.