• it

mercoledì, 24 agosto 2016

Come l’ape raccoglie il nettare e si allontana senza rovinare il fiore, né il suo colore o il suo profumo, così fa il Saggio nel villaggio in cui dimora.

“La Teosofia non è un genere di filosofia vuota, o una nuova setta o religione, ma ha a che fare con l'imparare qualcosa sulla vita e con la realizzazione della sua bellezza e del suo significato.
Quelli che la lavorano in questo senso diventano una luce che irradia amicizia e armonia, gentilezza e amore in atto verso tutti.
Se quello che studiamo non porta un tale cambiamento sulla qualità delle nostre relazioni e del nostro atteggiamento, allora c’è qualcosa che manca nel nostro modo di capire la Teosofia”.

RADHA BURNIER
(Presidente mondiale della S.T.
dal 1980 al 2013)

Area riservata

Ultime notizie

21 grammi di elettroni - Leonardi index

21 grammi di elettroni

Segnaliamo l’uscita presso Eidon Edizioni di Genova del volume “21 grammi di elettroni, il peso dell’anima” del prof. Antonino Leonardi. Secondo la…
Scuola di saggezza ad Adyar - index

Scuola di saggezza ad Adyar

La Scuola di Saggezza, che si tiene con cadenza annuale presso il Quartier Generale della Società Teosofica di Adyar, in India, è indirizzata ai…
Adin Steinsaltz

La rosa dai tredici petali

Segnaliamo il libro “La rosa dai tredici petali – Un incontro con la mistica ebraica”, l’interessante opera del rabbino Adin Steinsaltz pubblicata in…

© 2007-2020 Società Teosofica Italiana. Tutti i diritti riservati.

Tutela della privacy

E-mail: sti@teosofica.org