Luglio 2015

Anno LXXI - N.7
cover luglio 2015

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Area riservata

L’armonia della gioia e il collage della vita
A. Girardi 1

Le erbe cattive non esistono
R. Burnier 2

Meditazione nel vuoto
L.J. Bendit 3

La molteplicità nell’unicità dell’Essere
P.F. Cascino 6

L’Assoluto
L. Del Sere 10

La città dalle ombre d’oro
A. Trivellato 14

La riflessologia “psichica” di Calligaris:
il lavoro di un grande neurologo.

Prima parte
16

Concetti della prima sapienza greca
A. Braggio 23

Poteri psichici e spirituali
H. Sabetay 27

Testi per l’intuizione (IV)
31

Pagine dalla letteratura teosofica

32

Segnalazioni 35
Dai Gruppi 36

L’armonia della gioia e il collage della vita

La vita dell’essere umano è simile ad un collage, composto dai vari elementi che caratterizzano l’esistenza. Pensieri, aspirazioni, emozioni, azioni, paure, egoismi, slanci poetici e quant’altro, colorano poco a poco una complessità che, interagendo con il portato dell’evoluzione che ciascuno rappresenta, va a formare un insieme unico: quello del singolo essere umano, ambasciatore di un piano di coscienza, differente nel tempo e nello spazio ma collegato, attraverso i fili che legano gli esseri umani fra loro, all’umanità intera ed alla vita una.
L’interazione fra il portato di millenni di evoluzione, il livello di consapevolezza del singolo, maturato alla luce delle leggi del karma e della reincarnazione e le scelte dell’esistenza, rendono l’esperienza umana davvero qualcosa di particolare e ricco di possibilità.
In questo scenario assume una grande importanza il concetto di gioia di vivere; una gioia che non è una mera conseguenza meccanica delle cose positive che arricchiscono la nostra esistenza ma è anche un atto di riconoscimento della sacralità e della legge d’amore che caratterizzano la manifestazione. Una gioia frutto della capacità di ascolto e di osservazione; di compassione e di volontà; di poesia e di armonia con la natura e l’universo. Una gioia in grado di colorare armonicamente il collage della vita.
È questo il tempo in cui riscoprire il pensiero e le opere di Ralph Waldo Emerson (1803-1882), che cercò di insegnare agli americani il valore del “buon senso”; influenzato dallo scozzese Thomas Carlyle (1775-1881) con cui condivideva il concetto di Fichte di una “Divina Idea” che pervade l’universo visibile e che resta nascosta alla maggioranza degli uomini, divenne famoso con i due volumi dei suoi “Essays” (1841-1844), che contrastavano con la mentalità limitata e conformista del tempo. Emerson molto influenzò altri pensatori e poeti, quali Henry David Thoreau (1817-1862) e Walter Whitman (1819-1892), tutti portatori dei concetti di riscoperta dell’amore, dell’armonia con la natura e del buon senso.
La storia ci insegna che Emerson ed un piccolo gruppo di persone furono in grado di intuire i pericoli del consumismo e della mercificazione delle scoperte scientifiche e di proporre un modo di vivere basato sull’ottimismo e sul superamento della triade formata da paura, egoismo e ignoranza.
Fra gli autori citati ed il pensiero teosofico strettamente inteso non è difficile trovare assonanze e sintonie, nel segno di una comune ricerca del vivere in armonia con l’infinito, com’è evidente in questi versi del poeta Oliver Wendell Holmes (1809-1894): “Costruisciti più nobili dimore, anima mia, / mentre le età passano. / Abbandona il tuo angusto passato! / Che ogni nuovo tempio, più nobile del precedente, / ponga fra te e il cielo una cupola sempre più vasta, / fin che tu sia libero finalmente / lasciando la tua inutile conchiglia / presso il mare irrequieto della vita”.

Antonio Girardi

Segnalazioni

101° Congresso Nazionale della S.T.I.
Il Congresso Nazionale della S.T.I. si è regolarmente svolto dal 12 al 14 giugno presso l’Hotel Vergilius di Creazzo, Vicenza, con la partecipazione del Presidente Internazionale Tim Boyd.
Vari e qualificati relatori hanno trattato il tema del Congresso: “Unità della manifestazione, sacralità di tutti gli esseri”, tema che ha riflettuto pienamente lo “spirito” degli scopi della Società Teosofica, promotrice globale dei principi dell’Unità della Vita e della Fratellanza Universale senza distinzioni.
Nell’ambito del Congresso si è svolta l’Assemblea Straordinaria della S.T.I. per la modifica dello Statuto, che è stata approvata all’unanimità.
Nel prossimo numero della rivista sarà pubblicato un ampio servizio sui lavori congressuali.

Tim Boyd a Trieste, Udine, Vicenza e Milano
A conclusione del 101° congresso nazionale della S.T.I. il Presidente internazionale Tim Boyd, accompagnato dalla gentile signora Lily, ha tenuto relazioni e visitato i Gruppi di Trieste, Udine, Vicenza e Milano, dove ha partecipato anche ad un convegno sul vegetarismo presso il circolo della Stampa.
Anche sul tour del Presidente Boyd sarà pubblicato un ampio reportage, nel prossimo numero della rivista.

Seminario Teosofico a Grado
Informiamo i lettori che torna quest’anno il tradizionale appuntamento del seminario di settembre, che si svolgerà a Grado (GO), da venerdì 25 a domenica 27 sull’importante tema: “Teosofia e Sufismo”.
Il Seminario è organizzato in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi Teosofici di Cervignano del Friuli e sarà ospitato dall’Hotel Abbazia.
La scheda di iscrizione sarà inserita nel numero di agosto- settembre della Rit.
Per informazioni contattare la Segreteria Generale: 0444 962921, e-mail: sti@teosofica.org

Date della Convenzione Internazionale 2015
La prossima Convenzione Internazionale della Società Teosofica si terrà ad Adyar (Chennai, India), presso il Quartiere Generale Internazionale dal 31 dicembre 2015 al 5 gennaio 2016. Coloro che desiderassero partecipare a questo importante evento possono ottenere tutte le informazioni contattando la Segreteria Generale: 0444 962921, e-mail: sti@teosofica.org

Scuola Olcott
La Olcott Memorial Higher Secondary School, una scuola in Tamil fin dalla sua fondazione, ha recentemente individuato la necessità di aumentare le competenze degli studenti nell’ambito dell’informatica e della lingua inglese, così da migliorare le loro opportunità d’impiego. Con il supporto del British Council si sta pertanto introducendo nelle classi la lingua inglese sia per gli insegnanti sia per gli studenti. Un pensiero di gratitudine al British Council, al signor P.M. Beliappa, MBE, e al Pemanda Monappa Trust per aver reso tutto ciò possibile.
Lo scorso anno, con il generoso aiuto della statunitense QUALCOM Corporation, è stato istituito alla scuola Olcott un moderno centro informatico utilizzato dagli insegnanti e dagli allievi.

Teosofia a Quantaradio
Il 6 maggio scorso è stato presentato a Roma, presso la sede della S.T.I. di Corso Trieste 88-90, il volume “La Società Teosofica - Storia, valori e realtà attuale”.
L’illustrazione del volume è stata tenuta dal Segretario Generale della S.T.I., dr. Antonio Girardi, che ne è stato il curatore.
La registrazione dell’evento si può ascoltare nel sito di Quantaradio, all’indirizzo: http://quantaradio.podomatic.com/entry/2015-06-24T14_28_31-07_00
Il sito dà ampio spazio anche alle conferenze che si svolgono presso la sede di Roma della Società Teosofica.

La raccolta dell’acqua piovana
Il Quartier Generale di Adyar non è famoso solo per il suo albero di Banyan vecchio di 450 anni, ma anche per altri alberi, piante e fiori, che costituiscono il secondo polmone verde - per grandezza - della città di Chennai. Per incrementare le risorse della falda acquifera, così vitali per la buona salute della flora, la Società Teosofica ha installato nel campus, grazie al generoso contributo della M/S Asian Paints Limited, un elaborato sistema di raccolta dell’acqua piovana. Con l’aiuto del M/S Akash Ganga Trust sono stati infatti scavati trentuno pozzi di ricarica con una profondità di 4,5 metri e un diametro di 1,5 per raccogliere l’acqua dei tetti e canalizzarla in modo da ricaricare la falda.

È attivo il primo ospedale di medicina alternativa - 2 maggio 2015
È nato nella regione della Toscana il primo ospedale di medicina alternativa. Per questo fine è stato scelto l’Ospedale Petruccioli di Pitigliano, in provincia di Grosseto, dove ci si può curare con agopuntura, fitoterapia, omeopatia e medicina tradizionale cinese insieme alla medicina classica. Fabio Roggiolani, Presidente della commissione Sanità del Consiglio Regionale ha dichiarato: “Finisce una guerra tra la medicina classica e le medicine complementari, che ha causato vittime solo tra i pazienti”. L’attività del Centro di Medicina Integrata dell’ospedale Petruccioli di Pitigliano è iniziata dal mese di febbraio 2011; essa prevede l’utilizzo della medicina ufficiale in maniera integrata con le medicine complementari normate dalla Regione toscana (agopuntura, omeopatia, fitoterapia) nella cura di molte patologie diffuse tra la popolazione. Molti sono stati i consensi per l’integrazione della medicina alternativa a quella tradizionale: la Toscana ha saputo unire università e ospedale per ricondurre omeopatia, fitoterapia, agopuntura nel posto che è loro dovuto nell’ambito della medicina.
In tutto il mondo sono presenti strutture ospedaliere e cliniche universitarie che offrono prestazioni di medicina complementare a fianco della medicina classica, in oriente come in occidente. Lo scopo di Pitigliano è anche quello di avviare sperimentazioni utili a misurare l’efficacia di queste medicine in termini di miglioramento della qualità della vita e di miglioramento della salute dei pazienti/cittadini, in particolar modo di quelli affetti da malattie croniche, chiamate così proprio perché inguaribili con la sola medicina convenzionale. Agopuntura, omeopatia e fitoterapia sono state riconosciute medicine complementari. Una visita specialistica può essere prenotata direttamente, anche senza richiesta medica, attraverso il sistema di prenotazione Cup (centro unico di Prenotazione).
Per quanto riguarda la legislazione in merito, c’è una legge regionale (la n. 9 del 2007) che garantisce il principio della libertà di scelta terapeutica del paziente e la libertà di cura del medico e tutela l’esercizio delle medicine complementari. in particolare, la legge riconosce omeopatia, agopuntura e fitoterapia come parte integrante del Servizio Sanitario Regionale. il video di presentazione della struttura si può vedere all’indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=RO4jvfwSEDQ&feature=youtu.be. Numeri utili: Centralino ospedale Pitigliano 0564 618111, Centro di Medicina integrata – accoglienza 0564 618281

Lavori di sistemazione della casa natale di H.P.B.
Dnepopetrovsk, città oggi collocata in Ucraina, ospita la casa natale di Helena Petrovna Blavatsky (1831-1891), nata von Han, grande pioniera della Società Teosofica e del pensiero teosofico in epoca moderna.
L’edificio, ben proporzionato e con spazi equilibrati, non è privo di eleganza. Nel tempo purtroppo le sue condizioni hanno subito una certa decadenza e la Società Teosofica in Ucraina, la cui Segretaria Organizzativa è Svitlana Gavrilenko, ha chiamato a raccolta i teosofi ucraini, russi e di altri Paesi dell’ex cortina di ferro, per intervenire con lavori di manutenzione, di sistemazione e di pulizia. Sono già state così organizzate due decadi di lavori di volontariato, nell’agosto del 2013 e nello stesso mese del 2014. La terza decade è organizzata dal 12 al 21 agosto di quest’anno. La Società Teosofica Italiana segue da anni con simpatia le iniziative dei teosofi ucraini e russi e contribuirà anche quest’anno ai lavori con una donazione.

Dai Gruppi

Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Luglio 2015

Anno LXXI - N.7
cover luglio 2015

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

L’armonia della gioia e il collage della vita
A. Girardi 1

Le erbe cattive non esistono
R. Burnier 2

Meditazione nel vuoto
L.J. Bendit 3

La molteplicità nell’unicità dell’Essere
P.F. Cascino 6

L’Assoluto
L. Del Sere 10

La città dalle ombre d’oro
A. Trivellato 14

La riflessologia “psichica” di Calligaris:
il lavoro di un grande neurologo.

Prima parte
16

Concetti della prima sapienza greca
A. Braggio 23

Poteri psichici e spirituali
H. Sabetay 27

Testi per l’intuizione (IV)
31

Pagine dalla letteratura teosofica

32

Segnalazioni 35
Dai Gruppi 36

L’armonia della gioia e il collage della vita

La vita dell’essere umano è simile ad un collage, composto dai vari elementi che caratterizzano l’esistenza. Pensieri, aspirazioni, emozioni, azioni, paure, egoismi, slanci poetici e quant’altro, colorano poco a poco una complessità che, interagendo con il portato dell’evoluzione che ciascuno rappresenta, va a formare un insieme unico: quello del singolo essere umano, ambasciatore di un piano di coscienza, differente nel tempo e nello spazio ma collegato, attraverso i fili che legano gli esseri umani fra loro, all’umanità intera ed alla vita una.
L’interazione fra il portato di millenni di evoluzione, il livello di consapevolezza del singolo, maturato alla luce delle leggi del karma e della reincarnazione e le scelte dell’esistenza, rendono l’esperienza umana davvero qualcosa di particolare e ricco di possibilità.
In questo scenario assume una grande importanza il concetto di gioia di vivere; una gioia che non è una mera conseguenza meccanica delle cose positive che arricchiscono la nostra esistenza ma è anche un atto di riconoscimento della sacralità e della legge d’amore che caratterizzano la manifestazione. Una gioia frutto della capacità di ascolto e di osservazione; di compassione e di volontà; di poesia e di armonia con la natura e l’universo. Una gioia in grado di colorare armonicamente il collage della vita.
È questo il tempo in cui riscoprire il pensiero e le opere di Ralph Waldo Emerson (1803-1882), che cercò di insegnare agli americani il valore del “buon senso”; influenzato dallo scozzese Thomas Carlyle (1775-1881) con cui condivideva il concetto di Fichte di una “Divina Idea” che pervade l’universo visibile e che resta nascosta alla maggioranza degli uomini, divenne famoso con i due volumi dei suoi “Essays” (1841-1844), che contrastavano con la mentalità limitata e conformista del tempo. Emerson molto influenzò altri pensatori e poeti, quali Henry David Thoreau (1817-1862) e Walter Whitman (1819-1892), tutti portatori dei concetti di riscoperta dell’amore, dell’armonia con la natura e del buon senso.
La storia ci insegna che Emerson ed un piccolo gruppo di persone furono in grado di intuire i pericoli del consumismo e della mercificazione delle scoperte scientifiche e di proporre un modo di vivere basato sull’ottimismo e sul superamento della triade formata da paura, egoismo e ignoranza.
Fra gli autori citati ed il pensiero teosofico strettamente inteso non è difficile trovare assonanze e sintonie, nel segno di una comune ricerca del vivere in armonia con l’infinito, com’è evidente in questi versi del poeta Oliver Wendell Holmes (1809-1894): “Costruisciti più nobili dimore, anima mia, / mentre le età passano. / Abbandona il tuo angusto passato! / Che ogni nuovo tempio, più nobile del precedente, / ponga fra te e il cielo una cupola sempre più vasta, / fin che tu sia libero finalmente / lasciando la tua inutile conchiglia / presso il mare irrequieto della vita”.

Antonio Girardi

Segnalazioni

101° Congresso Nazionale della S.T.I.
Il Congresso Nazionale della S.T.I. si è regolarmente svolto dal 12 al 14 giugno presso l’Hotel Vergilius di Creazzo, Vicenza, con la partecipazione del Presidente Internazionale Tim Boyd.
Vari e qualificati relatori hanno trattato il tema del Congresso: “Unità della manifestazione, sacralità di tutti gli esseri”, tema che ha riflettuto pienamente lo “spirito” degli scopi della Società Teosofica, promotrice globale dei principi dell’Unità della Vita e della Fratellanza Universale senza distinzioni.
Nell’ambito del Congresso si è svolta l’Assemblea Straordinaria della S.T.I. per la modifica dello Statuto, che è stata approvata all’unanimità.
Nel prossimo numero della rivista sarà pubblicato un ampio servizio sui lavori congressuali.

Tim Boyd a Trieste, Udine, Vicenza e Milano
A conclusione del 101° congresso nazionale della S.T.I. il Presidente internazionale Tim Boyd, accompagnato dalla gentile signora Lily, ha tenuto relazioni e visitato i Gruppi di Trieste, Udine, Vicenza e Milano, dove ha partecipato anche ad un convegno sul vegetarismo presso il circolo della Stampa.
Anche sul tour del Presidente Boyd sarà pubblicato un ampio reportage, nel prossimo numero della rivista.

Seminario Teosofico a Grado
Informiamo i lettori che torna quest’anno il tradizionale appuntamento del seminario di settembre, che si svolgerà a Grado (GO), da venerdì 25 a domenica 27 sull’importante tema: “Teosofia e Sufismo”.
Il Seminario è organizzato in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi Teosofici di Cervignano del Friuli e sarà ospitato dall’Hotel Abbazia.
La scheda di iscrizione sarà inserita nel numero di agosto- settembre della Rit.
Per informazioni contattare la Segreteria Generale: 0444 962921, e-mail: sti@teosofica.org

Date della Convenzione Internazionale 2015
La prossima Convenzione Internazionale della Società Teosofica si terrà ad Adyar (Chennai, India), presso il Quartiere Generale Internazionale dal 31 dicembre 2015 al 5 gennaio 2016. Coloro che desiderassero partecipare a questo importante evento possono ottenere tutte le informazioni contattando la Segreteria Generale: 0444 962921, e-mail: sti@teosofica.org

Scuola Olcott
La Olcott Memorial Higher Secondary School, una scuola in Tamil fin dalla sua fondazione, ha recentemente individuato la necessità di aumentare le competenze degli studenti nell’ambito dell’informatica e della lingua inglese, così da migliorare le loro opportunità d’impiego. Con il supporto del British Council si sta pertanto introducendo nelle classi la lingua inglese sia per gli insegnanti sia per gli studenti. Un pensiero di gratitudine al British Council, al signor P.M. Beliappa, MBE, e al Pemanda Monappa Trust per aver reso tutto ciò possibile.
Lo scorso anno, con il generoso aiuto della statunitense QUALCOM Corporation, è stato istituito alla scuola Olcott un moderno centro informatico utilizzato dagli insegnanti e dagli allievi.

Teosofia a Quantaradio
Il 6 maggio scorso è stato presentato a Roma, presso la sede della S.T.I. di Corso Trieste 88-90, il volume “La Società Teosofica - Storia, valori e realtà attuale”.
L’illustrazione del volume è stata tenuta dal Segretario Generale della S.T.I., dr. Antonio Girardi, che ne è stato il curatore.
La registrazione dell’evento si può ascoltare nel sito di Quantaradio, all’indirizzo: http://quantaradio.podomatic.com/entry/2015-06-24T14_28_31-07_00
Il sito dà ampio spazio anche alle conferenze che si svolgono presso la sede di Roma della Società Teosofica.

La raccolta dell’acqua piovana
Il Quartier Generale di Adyar non è famoso solo per il suo albero di Banyan vecchio di 450 anni, ma anche per altri alberi, piante e fiori, che costituiscono il secondo polmone verde - per grandezza - della città di Chennai. Per incrementare le risorse della falda acquifera, così vitali per la buona salute della flora, la Società Teosofica ha installato nel campus, grazie al generoso contributo della M/S Asian Paints Limited, un elaborato sistema di raccolta dell’acqua piovana. Con l’aiuto del M/S Akash Ganga Trust sono stati infatti scavati trentuno pozzi di ricarica con una profondità di 4,5 metri e un diametro di 1,5 per raccogliere l’acqua dei tetti e canalizzarla in modo da ricaricare la falda.

È attivo il primo ospedale di medicina alternativa - 2 maggio 2015
È nato nella regione della Toscana il primo ospedale di medicina alternativa. Per questo fine è stato scelto l’Ospedale Petruccioli di Pitigliano, in provincia di Grosseto, dove ci si può curare con agopuntura, fitoterapia, omeopatia e medicina tradizionale cinese insieme alla medicina classica. Fabio Roggiolani, Presidente della commissione Sanità del Consiglio Regionale ha dichiarato: “Finisce una guerra tra la medicina classica e le medicine complementari, che ha causato vittime solo tra i pazienti”. L’attività del Centro di Medicina Integrata dell’ospedale Petruccioli di Pitigliano è iniziata dal mese di febbraio 2011; essa prevede l’utilizzo della medicina ufficiale in maniera integrata con le medicine complementari normate dalla Regione toscana (agopuntura, omeopatia, fitoterapia) nella cura di molte patologie diffuse tra la popolazione. Molti sono stati i consensi per l’integrazione della medicina alternativa a quella tradizionale: la Toscana ha saputo unire università e ospedale per ricondurre omeopatia, fitoterapia, agopuntura nel posto che è loro dovuto nell’ambito della medicina.
In tutto il mondo sono presenti strutture ospedaliere e cliniche universitarie che offrono prestazioni di medicina complementare a fianco della medicina classica, in oriente come in occidente. Lo scopo di Pitigliano è anche quello di avviare sperimentazioni utili a misurare l’efficacia di queste medicine in termini di miglioramento della qualità della vita e di miglioramento della salute dei pazienti/cittadini, in particolar modo di quelli affetti da malattie croniche, chiamate così proprio perché inguaribili con la sola medicina convenzionale. Agopuntura, omeopatia e fitoterapia sono state riconosciute medicine complementari. Una visita specialistica può essere prenotata direttamente, anche senza richiesta medica, attraverso il sistema di prenotazione Cup (centro unico di Prenotazione).
Per quanto riguarda la legislazione in merito, c’è una legge regionale (la n. 9 del 2007) che garantisce il principio della libertà di scelta terapeutica del paziente e la libertà di cura del medico e tutela l’esercizio delle medicine complementari. in particolare, la legge riconosce omeopatia, agopuntura e fitoterapia come parte integrante del Servizio Sanitario Regionale. il video di presentazione della struttura si può vedere all’indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=RO4jvfwSEDQ&feature=youtu.be. Numeri utili: Centralino ospedale Pitigliano 0564 618111, Centro di Medicina integrata – accoglienza 0564 618281

Lavori di sistemazione della casa natale di H.P.B.
Dnepopetrovsk, città oggi collocata in Ucraina, ospita la casa natale di Helena Petrovna Blavatsky (1831-1891), nata von Han, grande pioniera della Società Teosofica e del pensiero teosofico in epoca moderna.
L’edificio, ben proporzionato e con spazi equilibrati, non è privo di eleganza. Nel tempo purtroppo le sue condizioni hanno subito una certa decadenza e la Società Teosofica in Ucraina, la cui Segretaria Organizzativa è Svitlana Gavrilenko, ha chiamato a raccolta i teosofi ucraini, russi e di altri Paesi dell’ex cortina di ferro, per intervenire con lavori di manutenzione, di sistemazione e di pulizia. Sono già state così organizzate due decadi di lavori di volontariato, nell’agosto del 2013 e nello stesso mese del 2014. La terza decade è organizzata dal 12 al 21 agosto di quest’anno. La Società Teosofica Italiana segue da anni con simpatia le iniziative dei teosofi ucraini e russi e contribuirà anche quest’anno ai lavori con una donazione.

Dai Gruppi

Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.