Agosto-settembre 2015

Anno LXXI - N.8-9
Copertina ago-set 2015

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Area riservata

“Senza volgere lo sguardo altrove”
A. Girardi 1

Involuzione ed evoluzione
I.K. Taimni 2

Il futuro della tradizione teosofica
T.T.K. Diêu 7

La riflessologia “psichica” di Calligaris:
il lavoro di un grande neurologo.

Seconda parte 13

Testi per l’intuizione (V)
18

Pagine dalla letteratura teosofica
19

Relazione del Segretario Generale sull’attività da giugno 2014 a maggio 2015
21

Cronaca del 101° Congresso della Società Teosofica Italiana
27

Ordine Teosofico di Servizio in Italia.
Relazione sulle attività

31

La visita del Presidente Internazionale della S.T. a Trieste, Udine, Vicenza e Milano
33

Convegno a Milano su “Alimentazione vegetariana per un futuro sostenibile”
36


Segnalazioni 38
Recensioni 38
Dai gruppi 39

Senza Volgere Lo Sguardo ALTROVE

Una sottile energia tiene unita la manifestazione: è quella che ci indica come ogni singola componente faccia parte del tutto, secondo una legge di amore, che favorisce l’evoluzione e la consapevolezza.
Ogni essere umano ha la possibilità di sintonizzarsi con questa sottile energia, quando il conosciuto cessa di essere elemento condizionante della visione della realtà.
Tutto ciò ha a che fare con la possibilità di vivere il qui ed ora, concentrando nell’attimo presente la dimensione “pendolare” del tempo che ci fa oscillare fra un passato che non è più e un futuro che non è ancora.
Per ciascuno di noi è come rendersi conto che quello che importa nella comprensione dell’universo è non solo ciò che si percepisce, ma anche quello che sembra “vuoto” e che la scienza definisce talora come materia oscura.
Ma non è questa una faccenda che interessa solo gli scienziati; riguarda anche i poeti e ciascuno di noi solo che si sappia, ad esempio, ascoltare il silenzio che c’è fra un battito e l’altro del nostro cuore e anche di quello tutti gli esseri umani.
Nell’attimo insiste l’intera possibilità di comprensione del sacro e dell’amore della vita.
Nel 1990 la grande soprano statunitense Jessey Norman tenne un indimenticabile concerto di Natale nella chiesa di Notre-Dame a Parigi. Parve quasi che mentre cantava il Sanctus di Gounod, si fosse creata una sorta di “magia” fra lei, l’orchestra, il coro e tutti i presenti. Sotto le ampie volte di Notre-Dame la vita celebrava il suo sacro rito, che quotidianamente si rinnova quando, nel qui ed ora, si infrange, nel segno della Bellezza e della Bontà, la barriera fra l’osservatore e l’osservato. A chi pensasse che ciò è qualcosa di eccezionale e che non lo riguarda, vale la pena di ricordare quanto ha scritto Martin Buber nel suo Il messaggio del chassidismo: “Il grande Abraham Chaim di Zlocow raggiunge l'illuminazione più alta mentre lava e rilava i piatti della sua trattoria, senza volgere il proprio sguardo altrove".

Antonio Girardi

Segnalazioni

Appuntamento ad Adyar per la Scuola di Saggezza 2015-2016
La prima sessione della Scuola di Saggezza edizione 2015-2016 avrà luogo ad Adyar dal 2 al 13 novembre prossimi sul tema “Lo Yoga della Teosofia” e sarà diretta dal Dr Pablo Sender.
La seconda sessione si terrà dal 16 al 27 novembre, sotto la direzione del Prof. R.C. Tampi, su: “I più profondi aspetti della vita”.
Mr Vic Hao Chin Jr guiderà invece la terza sessione, sul tema “Autotrasformazione e vita spirituale”, dal 2 al 12 dicembre prossimi.
L’ultima parte della Scuola di Saggezza, dedicata a “Cenni sulle filosofie cinesi alla luce della Teosofia”, si terrà dall’11 al 22 gennaio 2016 e sarà condotta da Ms Tran-Thi-Kim Dieu.
Chi desiderasse partecipare può contattare la Segreteria Generale della S.T.I., telefono 0444 962921, e-mail sti@teosofica.org

L’elezione dei nuovi Segretari Generali
Le Sezioni Teosofiche di tutta una serie di Paesi hanno provveduto all’elezione di nuovi Segretari Generali. Sono risultati eletti:
Mr Narendra Shah, per l’Africa centrorientale, che succede a Mr Ebrony Peteli; Mrs Jenny Baker, per l’Inghilterra, che succede a Mr Colin Price; Mrs Mirva Jaatinen, per la Finlandia, che succede a Ms Marja Artamaa e Mr Enrique Sanchez Arrieta, per il Messico, che succede a Mrs Lissette Arroyo Jimenez. Anche l’Associazione Regionale Scozzese ha provveduto al rinnovo della carica, eleggendo Mr Stuart Trotter quale Segretario Organizzativo, che succede a Mr Gary Kidgell.

Nuove designazioni ad Adyar
Nei mesi scorsi il Presidente Internazionale della Società Teosofica Tim Boyd ha provveduto ad alcune nuove designazioni in importanti incarichi nello Staff della S.T. ad Adyar: Mr K. Narasimha Rao alla carica di Tesoriere, in sostituzione di Mr T.S. Jambunathan, giunto alla conclusione del suo mandato; Ms H. Sripriya quale nuova Segretaria della Olcott Education Society, al posto del Dr Chittaranjan Satapathy, che ha ricoperto questo incarico per cinque anni e Mr S. Sukesh quale Assistente Soprintendente al Dipartimento Manutenzione. Mr Sukesh, ingegnere, ha oltre venticinque anni di esperienza nel campo dell’ingegneria e delle telecomunicazioni in India e all’estero.

OTS per il Nepal
Continua l’impegno dell’Ordine Teosofico di Servizio Italiano per il Nepal. Alla generosità iniziale dei soci vicentini si è poi aggiunta quella di altri soci, sia con donazioni dirette sia con somme raccolte attraverso il Charity Bazaar allestito in occasione del 101° Congresso Nazionale della S.T.I. che si è svolto a Vicenza, località Creazzo.
L’ammontare complessivo della somma raccolta è stato di oltre 4.000 euro, che sono stati versati per la Children’s Home di Katmandu, a Rokpa International, partner della S.T.I. in questa iniziativa.

Educazione ai valori della Cultura, della Pace e dello Sviluppo dell’uomo
A Firenze, tra il 15 e il 22 novembre 2015, avrà luogo la seconda edizione del Seminario “Educazione ai valori della Cultura, della Pace e dello Sviluppo dell’uomo” organizzata dall’associazione “Life Beyond Tourism”, per il dialogo tra i territori del mondo per uno sviluppo sostenibile.Il Seminario è rivolto a studenti, ricercatori, insegnanti e professionisti capaci, provenienti da Paesi diversi, che interagiranno sui temi fondamentali dell’evento.
Ciascuna giornata dei lavori sarà dedicata all’approfondimento di un aspetto particolare e precisamente: “Traffico illecito di opere antiche come violazione del diritto alla Cultura”, “Capovolgimento del paradigma dello sviluppo umano”, “Pace attraverso la cultura”, “Educazione ai valori: da Swami Vivekananda all’India contemporanea” ed “Educazione ai valori della Cultura, della Pace e dello Sviluppo dell’uomo”. Ricorrendo quest’anno l’80° anniversario del Patto Roerich, in questa edizione del seminario verrà dato ampio risalto al concetto caro a Roerich della “Pace attraverso la cultura”. Nel maggio 2016 il seminario verrà replicato, sotto il coordinamento di Roshnila Gurung, funzionaria del Governo del Sikkim in India.
Per costi e informazioni il link è il seguente: events@lifebeyondtourism. org oppure contattare Alesia Koush: eurasia.ak@lifebeyondtourism.org

Dai Gruppi

Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Recensioni

Bernardino del Boca: un teosofo per il nuovo umanesimo
La Fondazione Bernardino del Boca, presieduta da Enrico Sempi, ha pubblicato, in elegante veste editoriale, gli atti del convegno “Bernardino del Boca e il nuovo umanesimo. Un pioniere del pensiero spirituale”, tenutosi a Novara il 24 novembre 2012 presso la Sala Congressi del Consorzio Est Sesia.
Gli atti raccolgono gli interventi dei relatori: Angelo del Boca, Antonio Girardi, Oscar Toretta, Paola Botta Beltramo, Giorgio Pisani, Filippo Falzoni Gallarani, Riccardo Taraglio, Mariana Tappa, Maurizio Castagnetti, Alessandro Martinisi e Francesca De Col Tana.
Si tratta di un testo di grande qualità ed importanza, che consente, per la prima volta di cogliere a tutto tondo il portato e la straordinaria attualità del messaggio di un uomo che è riuscito a servire la Vita Una in spirito di fratellanza e di originale creatività.
Del Boca viene così visto – non senza note personali- nei suoi collegamenti con la teosofia, con l’antropologia e la medicina, con la scienza, con la psicanalisi, con il sentiero acquariano, nel suo rapporto con l’educazione, con l’arte, con la comunicazione, con l’utopia e con l’intuizione.
Ne emerge uno spaccato complesso, ma ricco di forza, di umanità e di spiritualità.
Nella presentazione del libro Enrico Sempi così riassume la vita e l’opera del prof. Bernardino del Boca:
“Bernardino del Boca nasce a Crodo nel 1919, si diploma all’Accademia di Brera a Milano, studia antropologia e paleontologia a Ginevra. Si dedica dapprima all’insegnamento e poi, nel 1946, parte per il Siam. Fino al 1949 ricopre a Singapore l’incarico di console onorario. Tornato in Italia, riprende a insegnare, continuando a dipingere, scrivere e tenere conferenze. Nel 1970 fonda L’Età dell’Acquario, una rivista fortemente innovativa e di grande valore culturale, che continuerà a curare fin quasi agli ultimi anni della sua vita.
Muore a Borgomanero nel 2001, nei pressi del Villaggio Verde di Cavallirio, che aveva ispirato e in cui si era trasferito alla fine degli anni Ottanta. Amato da molti per la sua autentica spiritualità, che esprimeva attraverso le sue qualità umane, definibili sinteticamente con ‘esercizio costante di amore disinteressato e illimitato nei confronti di tutti e tutto’, ci ha lasciato nei suoi libri la voce vivissima di questa spiritualità. Essi hanno la forza di parlare anche al cuore del lettore che nel leggerli ha la possibilità di sviluppare intuizione e consapevolezza.

Dieci secondi
Segnaliamo il racconto “Dieci secondi” di Baltasar, pubblicato in forma di e–book da www.LaRecherche.it
Si tratta di un intreccio, lirico e intenso, di tre vicende personali, i cui protagonisti trovano, nello sfondo –anche simbolico- di un centro commerciale e nell’arco di brevi attimi, uno stato di autentica consapevolezza, un’intuizione che permette loro di riappropriarsi della dimensione del tempo e dello spazio.
Scrive Baltasar nel preambolo: “All’improvviso, per taluni, il tempo si ferma. Il fluire del tempo si può sospendere per assumere una contratta estensione, di respiro-non respiro, diastolica. Come davanti ad uno specchio, dieci secondi possono bastare per riassaporare la propria individuale capacità introspettiva. Sono gli attimi in cui riaffiorano atavici richiami ormai non più compresi, addirittura ignorati e mai affiorati in ognuno. Antichi richiami che, sprofondati nei meandri del silenzioso intimo, attendono il risveglio e il ritorno alla guida diuturna dell’umano agire. Ebbene, la possibilità di un cambiamento diventa pressoché reale a seguito di un viaggio in un mondo onirico durato soltanto alcuni secondi. Dieci lunghissimi secondi”.
Quello di Baltasar, al secolo Aurelio Aceto, è un racconto che armonizza l’aspetto simbolico con la dimensione personale della possibilità della consapevolezza.

C’è un Islam che crede nella pace
Nei giorni a Londra, un importante esponente del clero islamico pachistano ha lanciato un programma di studi antiterrorismo, per respingere il messaggio dei gruppi estremisti come l’ISIS e impedire la radicalizzazione dei giovani e la loro partecipazione alla guerra in Siria.
Muhammad Tahir ul-Qadri, uomo politico, studioso e appassionato oratore pachistano, ha affermato di aver voluto che il suo programma di 900 pagine, contenente argomentazioni teologiche e ideologiche miranti a contrastare gli estremisti. venisse presentato non solo nelle moschee e nei centri islamici, ma anche nelle scuole della Gran Bretagna.
“Vogliamo mettere in chiaro che tutte le azioni compiute dall’ISIS o da altre organizzazioni terroristiche ed estremistiche nel nome di Dio o della religione o per stabilire qualsiasi forma di Stato islamico mediante atti di violenza… sono in totale violazione del Corano e dell’Islam”, ha dichiarato Qadri alla Reuter.
La presentazione del programma di studi viene dopo che il primo ministro David Cameron aveva invitato le comunità islamiche a fare di più per opporsi alle idee oltranziste diffuse tra i giovani da organizzazioni come l’ISIS, affermando che alcuni musulmani erano stati silenziosamente accondiscendenti nei confronti dell’estremismo.
Le parole di Cameron sono giunte dopo che un diciassettenne proveniente dall’Inghilterra settentrionale si è fatto esplodere in Iraq in un attentato suicida organizzato dall’ISIS e dopo i sospetti su tre sorelle che si pensa abbiano raggiunto la Siria con i loro nove bambini. Pare che circa 700 britannici siano partiti per la Siria e l’Iraq, molti per entrare nelle file dell’ISIS.
“I ragazzi che stanno raggiungendo l’ISIS e combattendo laggiù, abbandonando gli agi della società britannica, stanno andando all’inferno”, ha detto Qadri, che cinque anni fa emise una fatwa con la quale definiva miscredenti i terroristi e gli attentatori suicidi.
“Sono i nostri ragazzi. Sono i nostri figli e le nostre figlie. Dobbiamo salvare il futuro del genere umano”.
Esperti e politici sostengono che l’astuta propaganda dell’ISIS sul web sia in grado di sedurre e diffondere l’estremismo tra i giovani fin nelle loro camere da letto.
A chi gli ha chiesto come il suo lavoro accademico possa contrastare tutto questo, Qadri, capo dell’organizzazione educativa e religiosa “Minhaj ul-Quran” ha affermato che cinquanta giovani britannici e altri cinquanta provenienti dal resto d’Europa sono stati formati attraverso le sue lezioni online.
“Questa sarà una guerra su due fronti, condotta non solo mediante libri diffusi nei circoli di studio, nelle moschee e nelle scuole, ma anche sui social media” ha proseguito altresì Qadri, che ha in progetto di presentare il suo programma in Pakistan, in India e attraverso l’Europa e gli Stati Uniti.
Sayeda Warsi, ex ministro del governo Cameron e prima musulmana a far parte di un esecutivo britannico ha dichiarato, di fronte a un pubblico composto da imam, poliziotti, politici e accademici, che il governo starebbe considerando l’ipotesi di introdurre il programma di Qadri in tutte le scuole.
Warsi ha affermato che “la comunità islamica britannica è parte della soluzione. Non deve avallare con il silenzio l’operato dell’ISIS: deve condannarlo”. (Reuters)

Articolo del mese

Agosto-settembre 2015

Anno LXXI - N.8-9
Copertina ago-set 2015

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

“Senza volgere lo sguardo altrove”
A. Girardi 1

Involuzione ed evoluzione
I.K. Taimni 2

Il futuro della tradizione teosofica
T.T.K. Diêu 7

La riflessologia “psichica” di Calligaris:
il lavoro di un grande neurologo.

Seconda parte 13

Testi per l’intuizione (V)
18

Pagine dalla letteratura teosofica
19

Relazione del Segretario Generale sull’attività da giugno 2014 a maggio 2015
21

Cronaca del 101° Congresso della Società Teosofica Italiana
27

Ordine Teosofico di Servizio in Italia.
Relazione sulle attività

31

La visita del Presidente Internazionale della S.T. a Trieste, Udine, Vicenza e Milano
33

Convegno a Milano su “Alimentazione vegetariana per un futuro sostenibile”
36


Segnalazioni 38
Recensioni 38
Dai gruppi 39

Senza Volgere Lo Sguardo ALTROVE

Una sottile energia tiene unita la manifestazione: è quella che ci indica come ogni singola componente faccia parte del tutto, secondo una legge di amore, che favorisce l’evoluzione e la consapevolezza.
Ogni essere umano ha la possibilità di sintonizzarsi con questa sottile energia, quando il conosciuto cessa di essere elemento condizionante della visione della realtà.
Tutto ciò ha a che fare con la possibilità di vivere il qui ed ora, concentrando nell’attimo presente la dimensione “pendolare” del tempo che ci fa oscillare fra un passato che non è più e un futuro che non è ancora.
Per ciascuno di noi è come rendersi conto che quello che importa nella comprensione dell’universo è non solo ciò che si percepisce, ma anche quello che sembra “vuoto” e che la scienza definisce talora come materia oscura.
Ma non è questa una faccenda che interessa solo gli scienziati; riguarda anche i poeti e ciascuno di noi solo che si sappia, ad esempio, ascoltare il silenzio che c’è fra un battito e l’altro del nostro cuore e anche di quello tutti gli esseri umani.
Nell’attimo insiste l’intera possibilità di comprensione del sacro e dell’amore della vita.
Nel 1990 la grande soprano statunitense Jessey Norman tenne un indimenticabile concerto di Natale nella chiesa di Notre-Dame a Parigi. Parve quasi che mentre cantava il Sanctus di Gounod, si fosse creata una sorta di “magia” fra lei, l’orchestra, il coro e tutti i presenti. Sotto le ampie volte di Notre-Dame la vita celebrava il suo sacro rito, che quotidianamente si rinnova quando, nel qui ed ora, si infrange, nel segno della Bellezza e della Bontà, la barriera fra l’osservatore e l’osservato. A chi pensasse che ciò è qualcosa di eccezionale e che non lo riguarda, vale la pena di ricordare quanto ha scritto Martin Buber nel suo Il messaggio del chassidismo: “Il grande Abraham Chaim di Zlocow raggiunge l'illuminazione più alta mentre lava e rilava i piatti della sua trattoria, senza volgere il proprio sguardo altrove".

Antonio Girardi

Segnalazioni

Appuntamento ad Adyar per la Scuola di Saggezza 2015-2016
La prima sessione della Scuola di Saggezza edizione 2015-2016 avrà luogo ad Adyar dal 2 al 13 novembre prossimi sul tema “Lo Yoga della Teosofia” e sarà diretta dal Dr Pablo Sender.
La seconda sessione si terrà dal 16 al 27 novembre, sotto la direzione del Prof. R.C. Tampi, su: “I più profondi aspetti della vita”.
Mr Vic Hao Chin Jr guiderà invece la terza sessione, sul tema “Autotrasformazione e vita spirituale”, dal 2 al 12 dicembre prossimi.
L’ultima parte della Scuola di Saggezza, dedicata a “Cenni sulle filosofie cinesi alla luce della Teosofia”, si terrà dall’11 al 22 gennaio 2016 e sarà condotta da Ms Tran-Thi-Kim Dieu.
Chi desiderasse partecipare può contattare la Segreteria Generale della S.T.I., telefono 0444 962921, e-mail sti@teosofica.org

L’elezione dei nuovi Segretari Generali
Le Sezioni Teosofiche di tutta una serie di Paesi hanno provveduto all’elezione di nuovi Segretari Generali. Sono risultati eletti:
Mr Narendra Shah, per l’Africa centrorientale, che succede a Mr Ebrony Peteli; Mrs Jenny Baker, per l’Inghilterra, che succede a Mr Colin Price; Mrs Mirva Jaatinen, per la Finlandia, che succede a Ms Marja Artamaa e Mr Enrique Sanchez Arrieta, per il Messico, che succede a Mrs Lissette Arroyo Jimenez. Anche l’Associazione Regionale Scozzese ha provveduto al rinnovo della carica, eleggendo Mr Stuart Trotter quale Segretario Organizzativo, che succede a Mr Gary Kidgell.

Nuove designazioni ad Adyar
Nei mesi scorsi il Presidente Internazionale della Società Teosofica Tim Boyd ha provveduto ad alcune nuove designazioni in importanti incarichi nello Staff della S.T. ad Adyar: Mr K. Narasimha Rao alla carica di Tesoriere, in sostituzione di Mr T.S. Jambunathan, giunto alla conclusione del suo mandato; Ms H. Sripriya quale nuova Segretaria della Olcott Education Society, al posto del Dr Chittaranjan Satapathy, che ha ricoperto questo incarico per cinque anni e Mr S. Sukesh quale Assistente Soprintendente al Dipartimento Manutenzione. Mr Sukesh, ingegnere, ha oltre venticinque anni di esperienza nel campo dell’ingegneria e delle telecomunicazioni in India e all’estero.

OTS per il Nepal
Continua l’impegno dell’Ordine Teosofico di Servizio Italiano per il Nepal. Alla generosità iniziale dei soci vicentini si è poi aggiunta quella di altri soci, sia con donazioni dirette sia con somme raccolte attraverso il Charity Bazaar allestito in occasione del 101° Congresso Nazionale della S.T.I. che si è svolto a Vicenza, località Creazzo.
L’ammontare complessivo della somma raccolta è stato di oltre 4.000 euro, che sono stati versati per la Children’s Home di Katmandu, a Rokpa International, partner della S.T.I. in questa iniziativa.

Educazione ai valori della Cultura, della Pace e dello Sviluppo dell’uomo
A Firenze, tra il 15 e il 22 novembre 2015, avrà luogo la seconda edizione del Seminario “Educazione ai valori della Cultura, della Pace e dello Sviluppo dell’uomo” organizzata dall’associazione “Life Beyond Tourism”, per il dialogo tra i territori del mondo per uno sviluppo sostenibile.Il Seminario è rivolto a studenti, ricercatori, insegnanti e professionisti capaci, provenienti da Paesi diversi, che interagiranno sui temi fondamentali dell’evento.
Ciascuna giornata dei lavori sarà dedicata all’approfondimento di un aspetto particolare e precisamente: “Traffico illecito di opere antiche come violazione del diritto alla Cultura”, “Capovolgimento del paradigma dello sviluppo umano”, “Pace attraverso la cultura”, “Educazione ai valori: da Swami Vivekananda all’India contemporanea” ed “Educazione ai valori della Cultura, della Pace e dello Sviluppo dell’uomo”. Ricorrendo quest’anno l’80° anniversario del Patto Roerich, in questa edizione del seminario verrà dato ampio risalto al concetto caro a Roerich della “Pace attraverso la cultura”. Nel maggio 2016 il seminario verrà replicato, sotto il coordinamento di Roshnila Gurung, funzionaria del Governo del Sikkim in India.
Per costi e informazioni il link è il seguente: events@lifebeyondtourism. org oppure contattare Alesia Koush: eurasia.ak@lifebeyondtourism.org

Dai Gruppi

Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Recensioni

Bernardino del Boca: un teosofo per il nuovo umanesimo
La Fondazione Bernardino del Boca, presieduta da Enrico Sempi, ha pubblicato, in elegante veste editoriale, gli atti del convegno “Bernardino del Boca e il nuovo umanesimo. Un pioniere del pensiero spirituale”, tenutosi a Novara il 24 novembre 2012 presso la Sala Congressi del Consorzio Est Sesia.
Gli atti raccolgono gli interventi dei relatori: Angelo del Boca, Antonio Girardi, Oscar Toretta, Paola Botta Beltramo, Giorgio Pisani, Filippo Falzoni Gallarani, Riccardo Taraglio, Mariana Tappa, Maurizio Castagnetti, Alessandro Martinisi e Francesca De Col Tana.
Si tratta di un testo di grande qualità ed importanza, che consente, per la prima volta di cogliere a tutto tondo il portato e la straordinaria attualità del messaggio di un uomo che è riuscito a servire la Vita Una in spirito di fratellanza e di originale creatività.
Del Boca viene così visto – non senza note personali- nei suoi collegamenti con la teosofia, con l’antropologia e la medicina, con la scienza, con la psicanalisi, con il sentiero acquariano, nel suo rapporto con l’educazione, con l’arte, con la comunicazione, con l’utopia e con l’intuizione.
Ne emerge uno spaccato complesso, ma ricco di forza, di umanità e di spiritualità.
Nella presentazione del libro Enrico Sempi così riassume la vita e l’opera del prof. Bernardino del Boca:
“Bernardino del Boca nasce a Crodo nel 1919, si diploma all’Accademia di Brera a Milano, studia antropologia e paleontologia a Ginevra. Si dedica dapprima all’insegnamento e poi, nel 1946, parte per il Siam. Fino al 1949 ricopre a Singapore l’incarico di console onorario. Tornato in Italia, riprende a insegnare, continuando a dipingere, scrivere e tenere conferenze. Nel 1970 fonda L’Età dell’Acquario, una rivista fortemente innovativa e di grande valore culturale, che continuerà a curare fin quasi agli ultimi anni della sua vita.
Muore a Borgomanero nel 2001, nei pressi del Villaggio Verde di Cavallirio, che aveva ispirato e in cui si era trasferito alla fine degli anni Ottanta. Amato da molti per la sua autentica spiritualità, che esprimeva attraverso le sue qualità umane, definibili sinteticamente con ‘esercizio costante di amore disinteressato e illimitato nei confronti di tutti e tutto’, ci ha lasciato nei suoi libri la voce vivissima di questa spiritualità. Essi hanno la forza di parlare anche al cuore del lettore che nel leggerli ha la possibilità di sviluppare intuizione e consapevolezza.

Dieci secondi
Segnaliamo il racconto “Dieci secondi” di Baltasar, pubblicato in forma di e–book da www.LaRecherche.it
Si tratta di un intreccio, lirico e intenso, di tre vicende personali, i cui protagonisti trovano, nello sfondo –anche simbolico- di un centro commerciale e nell’arco di brevi attimi, uno stato di autentica consapevolezza, un’intuizione che permette loro di riappropriarsi della dimensione del tempo e dello spazio.
Scrive Baltasar nel preambolo: “All’improvviso, per taluni, il tempo si ferma. Il fluire del tempo si può sospendere per assumere una contratta estensione, di respiro-non respiro, diastolica. Come davanti ad uno specchio, dieci secondi possono bastare per riassaporare la propria individuale capacità introspettiva. Sono gli attimi in cui riaffiorano atavici richiami ormai non più compresi, addirittura ignorati e mai affiorati in ognuno. Antichi richiami che, sprofondati nei meandri del silenzioso intimo, attendono il risveglio e il ritorno alla guida diuturna dell’umano agire. Ebbene, la possibilità di un cambiamento diventa pressoché reale a seguito di un viaggio in un mondo onirico durato soltanto alcuni secondi. Dieci lunghissimi secondi”.
Quello di Baltasar, al secolo Aurelio Aceto, è un racconto che armonizza l’aspetto simbolico con la dimensione personale della possibilità della consapevolezza.

C’è un Islam che crede nella pace
Nei giorni a Londra, un importante esponente del clero islamico pachistano ha lanciato un programma di studi antiterrorismo, per respingere il messaggio dei gruppi estremisti come l’ISIS e impedire la radicalizzazione dei giovani e la loro partecipazione alla guerra in Siria.
Muhammad Tahir ul-Qadri, uomo politico, studioso e appassionato oratore pachistano, ha affermato di aver voluto che il suo programma di 900 pagine, contenente argomentazioni teologiche e ideologiche miranti a contrastare gli estremisti. venisse presentato non solo nelle moschee e nei centri islamici, ma anche nelle scuole della Gran Bretagna.
“Vogliamo mettere in chiaro che tutte le azioni compiute dall’ISIS o da altre organizzazioni terroristiche ed estremistiche nel nome di Dio o della religione o per stabilire qualsiasi forma di Stato islamico mediante atti di violenza… sono in totale violazione del Corano e dell’Islam”, ha dichiarato Qadri alla Reuter.
La presentazione del programma di studi viene dopo che il primo ministro David Cameron aveva invitato le comunità islamiche a fare di più per opporsi alle idee oltranziste diffuse tra i giovani da organizzazioni come l’ISIS, affermando che alcuni musulmani erano stati silenziosamente accondiscendenti nei confronti dell’estremismo.
Le parole di Cameron sono giunte dopo che un diciassettenne proveniente dall’Inghilterra settentrionale si è fatto esplodere in Iraq in un attentato suicida organizzato dall’ISIS e dopo i sospetti su tre sorelle che si pensa abbiano raggiunto la Siria con i loro nove bambini. Pare che circa 700 britannici siano partiti per la Siria e l’Iraq, molti per entrare nelle file dell’ISIS.
“I ragazzi che stanno raggiungendo l’ISIS e combattendo laggiù, abbandonando gli agi della società britannica, stanno andando all’inferno”, ha detto Qadri, che cinque anni fa emise una fatwa con la quale definiva miscredenti i terroristi e gli attentatori suicidi.
“Sono i nostri ragazzi. Sono i nostri figli e le nostre figlie. Dobbiamo salvare il futuro del genere umano”.
Esperti e politici sostengono che l’astuta propaganda dell’ISIS sul web sia in grado di sedurre e diffondere l’estremismo tra i giovani fin nelle loro camere da letto.
A chi gli ha chiesto come il suo lavoro accademico possa contrastare tutto questo, Qadri, capo dell’organizzazione educativa e religiosa “Minhaj ul-Quran” ha affermato che cinquanta giovani britannici e altri cinquanta provenienti dal resto d’Europa sono stati formati attraverso le sue lezioni online.
“Questa sarà una guerra su due fronti, condotta non solo mediante libri diffusi nei circoli di studio, nelle moschee e nelle scuole, ma anche sui social media” ha proseguito altresì Qadri, che ha in progetto di presentare il suo programma in Pakistan, in India e attraverso l’Europa e gli Stati Uniti.
Sayeda Warsi, ex ministro del governo Cameron e prima musulmana a far parte di un esecutivo britannico ha dichiarato, di fronte a un pubblico composto da imam, poliziotti, politici e accademici, che il governo starebbe considerando l’ipotesi di introdurre il programma di Qadri in tutte le scuole.
Warsi ha affermato che “la comunità islamica britannica è parte della soluzione. Non deve avallare con il silenzio l’operato dell’ISIS: deve condannarlo”. (Reuters)

Articolo del mese