Luglio 2016

Anno LXXII - N.07
luglio 2016

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Area riservata

Le stagioni della vita ed il fiorire della consapevolezza
A. Girardi 1

Entrare nel sentiero
T.T.K. Dieu 2

Lo studio è trasformazione
I.H. Hoskins 12

René Guénon, la S.T. e la Teosofia (terza parte)
E. Bratina 15

Skrjabin filosofo, poeta e mistico (terza parte)
A. Bistarelli 18

Pensieri di ricchezza e gratitudine
A. Braggio 23

Testi per l’ituizione (XIV)
29

Pagine della letteratura teosofica
30

Novità Editoriale ETI – Ricordando Jiddu Krishnamurti
33


Segnalazioni 34
Recensioni 37
Dai Gruppi 37

Le stagioni della vita ed il fiorire della consapevolezza

La Teosofia ci insegna che la Vita è una e che l’universo intero è in uno stato di costante comunicazione. Ci insegna anche che è importante per l’essere umano percorrere un duplice cammino: quello che ci permette, attraverso un’osservazione priva di paradigmi, di identificare prima e di comprendere poi le leggi universali che permeano l’intera manifestazione, visibile ed invisibile secondo il noto assioma “Come in altro così in basso”; e quello che ci consente di vivere l’esistenza quotidiana alla luce delle leggi universali appena citate e di vivere quindi il quotidiano secondo quello che in Oriente viene definito il Dharma ed in Occidente Etica.
Questo “processo” costante accompagna le nostre stagioni della vita, che sono differenti fra loro in termini di esperienze, di apprendimenti, di energie, di opinioni, di possibilità e di percezione della realtà, ma che offrono costantemente, in forme diverse regolate dalla legge universale del karma e da quella dell’evoluzione, la possibilità di un fiorire della consapevolezza, attraverso l’incontro con il Bello ed il Buono e anche attraverso l’esperienza del dolore e della comprensione delle sue cause.
La vita ci offre così due doni preziosi: la possibilità che la consapevolezza sia legata al qui ed ora e la possibilità che il processo della presa di coscienza non dipenda da fattori esterni o temporali quanto piuttosto dalla nostra capacità di introspezione non paradigmatica e non legata dunque alle mappe mentali che ci siamo costruiti via via nel tempo.
L’amore è il faro luminoso che può permettere di meglio comprendere l’intero processo. Amore come stato di equilibrio fra la mente ed il cuore; amore da condividere fra le generazioni nell’intero arco dei ruoli individuali, familiari e sociali; amore come solidarietà e giustizia; amore come retto comportamento, come piena consapevolezza dello stato di impermanenza e precarietà che caratterizza l’umano vivere; amore come scelta di non accumulare.
L’essere umano può dunque comprendere che ogni atto di libertà, così come ogni tipo di azione, è determinato dall’intelligenza di miliardi e miliardi di invisibili “agenti” (chiamiamoli pure particelle subatomiche!) che reagiscono istantaneamente a ciò che è nella realtà (visibile e invisibile).
Quando ci guardiamo allo specchio dovremmo vedere non soltanto l’aspetto materiale e legato alla mente concreta, ma anche l’essenza spirituale, ricordando che “Imperscrutabili corrono le vie del cuore ed aprono la dimensione dell’essere all’eterno, manifestando il sacro nella forma”.


Antonio Girardi

Segnalazioni

Seminario Teosofico a Grado
Dal 16 al 18 settembre prossimo si svolgerà a Grado, presso l’Hotel Abbazia, il tradizionale Seminario organizzato dalla S.T.I. in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi Teosofici di Cervignano del Friuli. Il tema che sarà affrontato sarà quello del rapporto fra Paganesimo e Teosofia.
Nel numero di agosto-settembre della Rivista Italiana di Teosofia (che sarà spedito entro il 20 luglio) verranno date in proposito le informazioni organizzative di dettaglio.

Attività al Centro Teosofico St. Michael di Naarden
Segnaliamo due importanti iniziative che avranno luogo prossimamente presso il Centro Teosofico Internazionale di Naarden, in Olanda.
Dal 15 al 19 luglio 2016 si terrà un Seminario dal titolo “Self-Transformation and the Spiritual Life”, condotto da Vicente Hao Chin, conferenziere teosofico di fama internazionale, esperto nel campo dell’educazione. I lavori includono esercizi di auto-consapevolezza e uno studio dettagliato sulla meditazione, nell’ottica di una preparazione di base per intraprendere il cammino spirituale (http://www.itc-naarden.org/blog/).
Il Presidente Internazionale della Società Teosofica, dottor Tim Boyd, visiterà il Centro di Naarden nel primo weekend di settembre 2016 e parteciperà, il 4 settembre, al “Giorno Europeo”, evento in cui i membri della Società Teosofica di tutti i Paesi Europei sono invitati a partecipare, in un programma interattivo, in cui potranno contribuire con le loro idee al lavoro della S.T. E’ un’opportunità davvero unica di incontrare il Presidente e scambiare proposte ed esperienze utili per il futuro della Società Teosofica.

Teosofia e responsabilità sociale
La 18esima edizione delle International Theosophy Conferences avrà luogo dall’11 al 14 agosto 2016 a Santa Barbara, in California, USA.
Il tema previsto sarà “Teosofia e responsabilità sociale. Applicare gli insegnamenti della mente e del cuore di H.P. Blavatsky”.
Anche questo incontro, che unirà teosofi da tutto il mondo appartenenti alle varie tradizioni, sarà certamente ispirante e ricco di nuove energie come i precedenti.
Secondo il desiderio espresso dai partecipanti all’evento del 2015, il focus quest’anno sarà sullo “Studiare insieme”.
Gli incontri avranno luogo nella “Casa de Maria”, uno dei centri di ritiro più famosi della California, una location straordinaria, che il New York Times ha definito come “di puro splendore”.
Per maggiorni informazioni: http://www.theosconf.org/

102° Congresso Nazionale della S.T.I. a Perugia

Un notevole livello di partecipazione e una significativa presenza di giovani hanno caratterizzato il 102° Congresso Nazionale della Società Teosofica Italiana, che si è svolto a Perugia dal 2 al 5 giugno 2016.
I Delegati ed i Soci, provenienti da tutta Italia - dalla Valle d’Aosta alla Sicilia - hanno seguito un intenso lavoro congressuale, che ha approfondito il tema: “Jiddu Krishnamurti e la Teosofia”.
Era presente il Vice Presidente Internazionale della Società Teosofica dott. Chittaranjan Satapathy, che ha tenuto un’interessante conferenza su: “Dove la Teosofia incontra Krishnamurti”.
Le principali relazioni sono state tenute da Pier Giorgio Parola (“Il rapporto tra il pensiero di H.P.B. e quello di Jiddu Krishnamurti”), dalla professoressa Graziella Ricci (“Krishnamurti e la relazione come autoconoscenza”), dal prof. Gaetano Mollo dell’Università di Perugia (“Rapporto fra la pedagogia montessoriana e quella krishnamurtiana”) e dal dott. Antonio Girardi, Segretario Generale della S.T.I. (“Jiddu Krishnamurti e il suo messaggio”).
In occasione del Congresso sono stati presentati due volumi recentemente editi da Edizioni Teosofiche Italiane; il primo “J. Krishnamurti a confronto con la psicoanalisi” di Edoardo Bratina, è stato presentato dal curatore del libro, dott. William Esposito. Prima del suo intervento il dott. Diego Fayenz, Presidente del Gruppo Teosofico di Trieste ha ricordato, con profondi e sinceri accenti la figura dell’autore, il teosofo triestino Edoardo Bratina, Segretario Generale della S.T.I. dal 1971 al 1995. Il secondo volume, “Ricordando Jiddu Krishnamurti - Un gioiello su un vassoio d’argento” del prof. Padmanabhan Krishna, edizione italiana dell’originale in lingua inglese, è stato presentato dalla traduttrice Olga Fedeli.
È intervenuto al Congresso anche il Maestro Alessandro Bistarelli, con una relazione su: “Skrjabin, musicista e teosofo”. È stata questa l’occasione anche per ascoltare alcuni bravi di Skrjabin per pianoforte, registrati dal Maestro Bistarelli.
Le giornate di Perugia, ricche di serenità e di energia, hanno riconfermato l’intensità del lavoro della Società Teosofica Italiana a beneficio di una ricerca a tutto campo ispirata alla Fratellanza Universale senza distinzioni ed alla maieutica, vera arte della condivisone spirituale ed umana.

Rinnovati gli Organi Sociali della S.T.I. per il triennio luglio 2016-luglio 2019
In occasione del 102° Congresso Nazionale, che si è svolto a Perugia dal 2 al 5 giugno, la Società Teosofica Italiana ha eletto gli Organi Sociali per il triennio luglio 2016 - luglio 2019.
Il Segretario Generale uscente, Antonio Girardi, è stato confermato nella carica con il 98% dei voti espressi dai Soci, a suffragio universale. I votanti sono stati 459 su 916 aventi diritto. Il Consiglio Generale (composto dai Presidenti dei Gruppi e dei Centri) ha poi eletto il Comitato Esecutivo, che risulta così composto: Andrea Biasca Caroni, Sergio Calvi, Pietro Francesco Cascino, Patrizia Conte, Marina De Grandis, Patrizia Moschin Calvi, Paolo Romeo, Daniele Urlotti. Sono stati nominati Revisori dei Conti: Laura Bessone, Luigi Marsi e Pier Giorgio Parola, mentre sono stai eletti Probiviri: Augusto Perillo, Graziella Ricci ed Ermanno Vescia.

Decadenza dalla qualità di Soci
Il Comitato Esecutivo della S.T.I. nella riunione del 3 giugno scorso tenutasi a Perugia, vista la delibera di sospensione cautelativa adottata in data 16 maggio 2016 dal Consiglio Direttivo del Gruppo Teosofico Triestino “Edoardo Bratina”; esaminata la documentazione relativa; consultato il Presidente del Gruppo, ha deliberato la decadenza di Fabio Macor dalla qualità di Associato della S.T.I., ai sensi dell’art. 11 dello Statuto dell’Ente, per comportamenti incompatibili con gli scopi e con le finalità istituzionali dalla Società Teosofica e che possono compromettere il buon nome o la reputazione nei rapporti con l’esterno.
La decadenza dalla qualità di Associato ha effetto immediato.

Conferenze del Vice Presidente Internazionale della S.T. a Vicenza e Trieste
Dopo aver partecipato al 102° Congresso Nazionale della Società Teosofica Italiana, che si è svolto a Perugia dal 2 al 5 giugno, Chittaranjan Satapathy, Vice Presidente Internazionale della Società Teosofica, ha fatto visita alle sedi teosofiche di Vicenza e di Trieste, dove ha tenuto due conferenze pubbliche sui seguenti temi: “Introduzione a La Luce sul Sentiero” (Vicenza) e “La Voce del Silenzio è solo per i mistici?” (Trieste).
Le conferenze hanno suscitato un notevole interesse ed hanno visto la partecipazione di un pubblico numeroso ed attento.

Ordine Teosofico di Servizio - nuove designazioni
In occasione del 102° Congresso Teosofico Nazionale della S.T.I., che si è tenuto a Perugia nel giungo scorso, Rosella Milani Fanzio, Responsabile Nazionale dell’Ordine Teosofico di Servizio, ha passato il testimone a Sandra Sartori e Stefania Schiavo, che quindi sono le nuove coordinatrici delle attività dell’Ordine Teosofico di Servizio della Società Teosofica Italiana.
Sandra e Stefania, del Gruppo Teosofico “Aurora” di Vicenza, già molto attive e apprezzate nel campo del Servizio, si sono distinte in questi anni per gli ottimi risultati conseguiti nelle iniziative portate avanti con successo con il Gruppo di Vicenza, iniziative rivolte agli aiuti umanitari ai migranti e alle popolazioni siriane, così duramente colpite dalla guerra.
A loro va tutto il nostro incoraggiamento, con l’augurio di un proficuo lavoro.
A Rosella Milani Fanzio, che tanto si è spesa in questi anni a capo dell’O.T.S., ma che comunque resterà nel Direttivo nazionale per portare il suo contributo, vanno la nostra stima e i più sentiti ringraziamenti per quanto ha fatto nel nome del Servizio.
Chi desiderasse contattare le nuove coordinatrici può scrivere a: ots@teosofica.org

Amministratori delle Sedi di proprietà dell’Ente Morale S.T.I
Il Comitato Esecutivo ha altresì nominato i seguenti amministratori delle Sedi di proprietà dell’Ente Morale: Ermanno Vescia (Torino), Pietro Francesco Cascino (Milano), Sergio Calvi (Vicenza), Nereo Da Ronco e Carla Zanini (Udine), Diego Fayenz (Trieste), Claudia Bonini e Giuseppe Di Rese (Firenze), Oreste Passeri (Perugia) e Paolo Romeo (Roma).

Ordine Teosofico di Servizio - progetto Migranti
Continua la collaborazione fra l'Ordine Teosofico di Servizio italiano e l'organizzazione Hope for Children, impegnata nell'assistenza ai migranti. Il progetto "Scarpe per i fratelli migranti" prosegue positivamente, grazie ad alcune generose donazioni raccolte dall'O.T.S. del Gruppo Teosofico "Aurora" di Vicenza.
I responsabili di Speranza - Hope for Children hanno pubblicato su Facebook il 15 aprile scorso, con alcune foto, la testimonianza dell'impegno dell'O.T.S.: "Prosegue il nostro progetto di aiuti umanitari in Serbia. I rifugiati continuano ad arrivare stremati e con piedi feriti e doloranti, a causa di calzature non adeguate o distrutte lungo il cammino. La collaborazione tra Speranza- Hope for Children e Refugee Aid Serbia è importante e continuerà per tutto l'anno. Con le vostre donazioni è stato possibile acquistare scarpe nuove e adatte alla stagione, poi subito distribuite a Belgrado. Ringraziamo Stefi Schiavo e la Società Teosofica Italiana per la generosità e il contributo determinante per l'acquisto di questa partita di scarpe. Ora ci hanno appena chiamato da Belgrado perché ne servono urgentemente delle altre...".

L’emergenza non è conclusa e noi l’Ordine Teosofico di Servizio Italiano continuerà il proprio sostegno a questo importante progetto nel nome della Fratellanza Universale.

I Bambini che siamo - Percorso Espositivo Educativo a Roma
L’Associazione Crescente Onlus ha organizzato, a giugno scorso, un evento gratuito denominato “I bambini che siamo”, che ha avuto luogo a Roma, presso la Casa della Cultura di Villa de Sanctis in Via Casilina n. 665, all’interno del Parco Casilino Labicano.
L’evento è stato occasione di confronto sull’educazione del bambino e dell’adulto: in un momento di crisi particolare della nostra società si è cercato di riscoprire insieme cosa fa esprimere positivamente il potenziale umano in ogni età della vita. Contestualmente è stata inoltre allestita una mostra artistica, un percorso visivo-sensoriale, che ha stimolato domande sul senso dell’educazione di sé a una vita migliore, attraverso la riscoperta dei poteri dell’infanzia.
Alla fine del percorso espositivo è stato possibile fermarsi in una bella sala circondata dalla natura a discutere di educazione con chiunque volesse liberamente confrontarsi o anche ricevere informazioni da chi nell’ambito educativo, ma anche artistico, studia e opera. La proposta è stata arricchiita da un’esposizione di burattini originali realizzati a mano e dalla proiezione di due film inerenti, di particolare valore artistico ed educativo:
- Leone nel Basilico, regia di Leone Pompucci (2015)
- Il Pianeta Verde, regia di Coline Serreau (1996)
Un evento gratuito, aperto a tutti, per riscoprire la magia della vita attraverso la natura del bambino che è sempre in noi.

Recensioni

Frammenti di una conoscenza segreta
Massimo Frana, saggista che si è occupato di vari pensatori quali Martin Heidegger, Gerhard Ebeling, Friedrich Wilhelm Foerster e Meister Eckhart, ha recentemente pubblicato, con la casa editrice Atanor di Roma, un’opera dal titolo “Frammenti di una conoscenza segreta”.
L’ipotesi di lavoro del testo è che vi sia una conoscenza che attraversa la storia degli uomini e che, per millenni, questa conoscenza sia rimasta celata nelle pieghe dei miti e dei racconti popolari, nelle pagine dei testi religiosi e mistici, nelle icone e nelle grandiose opere edificate a lode dell’Assoluto.
L’autore considera che questa conoscenza sia essenzialmente aristocratica, attribuendo al termine il suo significato originario, cioè di parte spirituale dell’umanità. Quella stessa parte alla quale Maria, sorella di Marta, sedutasi ai piedi di Gesù Cristo ad ascoltarlo, scelse di appartenere, come ci narra il Vangelo di Luca.
Il testo ripercorre una parabola che parte da Mosè ed il monoteismo e dal mito di Gilgames, passa attraverso l’Esagrammaton ed il Cristo, sfiora la magia cerimoniale e la Teurgia, approfondisce il sacerdozio femminile e la Gnosi cristiana ed arriva poi al mistero dell’Amore ed alla luce della Conoscenza.
Nelle conclusioni l’autore fa un interessante riferimento al linguista ed antropologo russo Vladimir Propp, che nella prima metà del Novecento, individuò trentatré funzioni o sequenze all’interno delle fiabe popolari russe, corrispondenti ad una struttura fissa e ricorrente, rintracciabile, in generale, anche all’interno dei miti, delle fiabe, dei testi sacri etc.
In queste funzioni o sequenze emergono chiaramente, secondo Propp, cinque fasi: stato originario, caduta, risveglio, cammino, reintegrazione.

Pari e Uguali
Pari e Uguali è una associazione molto attiva nella diffusione di una cultura di parità e uguaglianza fra i generi, contro la discriminazione, la persecuzione e la violenza nei confronti della donna. Promuove attività culturali, sociali e ricreative, creando così momenti di coinvolgimento, incontro e discussione atti al raggiungimento dello scopo associativo ed evidenzia esempi positivi di donne che si sono distinte negli ambiti della vita sociale, lavorativa e politica, fungendo così da esempio e stimolo nel superamento di questo problema.
Chi fosse interessato alle attività di questa benemerita associazione, presieduta dal dottor Rodolfo Balena, può scrivere a: Pari e Uguali, via Palestro 95 - 35138 Padova, tel. e fax 049 8725082, cell. 348 5338212 - e-mail: info@parieuguali.it

Dalai Lama – La biografia, la storia, le perle
Questo testo, pubblicato da Hermatena , che è marchio esclusivo dell’editore “Mutus Liber” di Riola (BO), raccoglie in sé tre parti distinte, raccolte e tradotte da Mariateresa Bianca, che dal 1993 risiede a Dharamsala in India, dove ha approfondito la conoscenza del Buddhismo e della lingua tibetana, cosa che le ha consentito di tradurre in italiano molti insegnamenti del Dalai Lama.
Le tre parti del testo sono rispettivamente: una breve biografia di S.S. il Dalai Lama, , con una focalizzazione sulla sua visione e sulle sue opere, oltre che sugli episodi della sua vita (questa parte ha preso ispirazione dalla biografia scritta da Sherab Dhargye); una descrizione del tempio Thekcen Cioeling (il luogo del Dharma mahayana) di Dharamsala dove il Dalai Lama vive dal 1° maggio 1960è ispirata (questa parte è la traduzione di un testo scritto dallo stesso Dalai Lama); la terza parte è invece una breve antologia di strofe tratte da testi del buddhismo tibetano, spesso recitate e commentate dallo stesso Dalai lama durante i suoi insegnamenti.
L’insieme del testo vuole rispondere a tre domande fondamentali legate al Dalai Lama : “Chi”, “Dove”, “Cosa”. Le risposte che emergono dalle pagine di quest’opera sono chiare e contribuiscono a mettere il lettore nelle condizioni di conoscere meglio il Dalai Lama, non soltanto sotto l’aspetto umano, ma anche come incarnazione di una importante Tradizione che molto sta facendo per ampliare la consapevolezza dell’umanità nel segno della compassione universale.

Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Articolo del mese

Luglio 2016

Anno LXXII - N.07
luglio 2016

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Le stagioni della vita ed il fiorire della consapevolezza
A. Girardi 1

Entrare nel sentiero
T.T.K. Dieu 2

Lo studio è trasformazione
I.H. Hoskins 12

René Guénon, la S.T. e la Teosofia (terza parte)
E. Bratina 15

Skrjabin filosofo, poeta e mistico (terza parte)
A. Bistarelli 18

Pensieri di ricchezza e gratitudine
A. Braggio 23

Testi per l’ituizione (XIV)
29

Pagine della letteratura teosofica
30

Novità Editoriale ETI – Ricordando Jiddu Krishnamurti
33


Segnalazioni 34
Recensioni 37
Dai Gruppi 37

Le stagioni della vita ed il fiorire della consapevolezza

La Teosofia ci insegna che la Vita è una e che l’universo intero è in uno stato di costante comunicazione. Ci insegna anche che è importante per l’essere umano percorrere un duplice cammino: quello che ci permette, attraverso un’osservazione priva di paradigmi, di identificare prima e di comprendere poi le leggi universali che permeano l’intera manifestazione, visibile ed invisibile secondo il noto assioma “Come in altro così in basso”; e quello che ci consente di vivere l’esistenza quotidiana alla luce delle leggi universali appena citate e di vivere quindi il quotidiano secondo quello che in Oriente viene definito il Dharma ed in Occidente Etica.
Questo “processo” costante accompagna le nostre stagioni della vita, che sono differenti fra loro in termini di esperienze, di apprendimenti, di energie, di opinioni, di possibilità e di percezione della realtà, ma che offrono costantemente, in forme diverse regolate dalla legge universale del karma e da quella dell’evoluzione, la possibilità di un fiorire della consapevolezza, attraverso l’incontro con il Bello ed il Buono e anche attraverso l’esperienza del dolore e della comprensione delle sue cause.
La vita ci offre così due doni preziosi: la possibilità che la consapevolezza sia legata al qui ed ora e la possibilità che il processo della presa di coscienza non dipenda da fattori esterni o temporali quanto piuttosto dalla nostra capacità di introspezione non paradigmatica e non legata dunque alle mappe mentali che ci siamo costruiti via via nel tempo.
L’amore è il faro luminoso che può permettere di meglio comprendere l’intero processo. Amore come stato di equilibrio fra la mente ed il cuore; amore da condividere fra le generazioni nell’intero arco dei ruoli individuali, familiari e sociali; amore come solidarietà e giustizia; amore come retto comportamento, come piena consapevolezza dello stato di impermanenza e precarietà che caratterizza l’umano vivere; amore come scelta di non accumulare.
L’essere umano può dunque comprendere che ogni atto di libertà, così come ogni tipo di azione, è determinato dall’intelligenza di miliardi e miliardi di invisibili “agenti” (chiamiamoli pure particelle subatomiche!) che reagiscono istantaneamente a ciò che è nella realtà (visibile e invisibile).
Quando ci guardiamo allo specchio dovremmo vedere non soltanto l’aspetto materiale e legato alla mente concreta, ma anche l’essenza spirituale, ricordando che “Imperscrutabili corrono le vie del cuore ed aprono la dimensione dell’essere all’eterno, manifestando il sacro nella forma”.


Antonio Girardi

Segnalazioni

Seminario Teosofico a Grado
Dal 16 al 18 settembre prossimo si svolgerà a Grado, presso l’Hotel Abbazia, il tradizionale Seminario organizzato dalla S.T.I. in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi Teosofici di Cervignano del Friuli. Il tema che sarà affrontato sarà quello del rapporto fra Paganesimo e Teosofia.
Nel numero di agosto-settembre della Rivista Italiana di Teosofia (che sarà spedito entro il 20 luglio) verranno date in proposito le informazioni organizzative di dettaglio.

Attività al Centro Teosofico St. Michael di Naarden
Segnaliamo due importanti iniziative che avranno luogo prossimamente presso il Centro Teosofico Internazionale di Naarden, in Olanda.
Dal 15 al 19 luglio 2016 si terrà un Seminario dal titolo “Self-Transformation and the Spiritual Life”, condotto da Vicente Hao Chin, conferenziere teosofico di fama internazionale, esperto nel campo dell’educazione. I lavori includono esercizi di auto-consapevolezza e uno studio dettagliato sulla meditazione, nell’ottica di una preparazione di base per intraprendere il cammino spirituale (http://www.itc-naarden.org/blog/).
Il Presidente Internazionale della Società Teosofica, dottor Tim Boyd, visiterà il Centro di Naarden nel primo weekend di settembre 2016 e parteciperà, il 4 settembre, al “Giorno Europeo”, evento in cui i membri della Società Teosofica di tutti i Paesi Europei sono invitati a partecipare, in un programma interattivo, in cui potranno contribuire con le loro idee al lavoro della S.T. E’ un’opportunità davvero unica di incontrare il Presidente e scambiare proposte ed esperienze utili per il futuro della Società Teosofica.

Teosofia e responsabilità sociale
La 18esima edizione delle International Theosophy Conferences avrà luogo dall’11 al 14 agosto 2016 a Santa Barbara, in California, USA.
Il tema previsto sarà “Teosofia e responsabilità sociale. Applicare gli insegnamenti della mente e del cuore di H.P. Blavatsky”.
Anche questo incontro, che unirà teosofi da tutto il mondo appartenenti alle varie tradizioni, sarà certamente ispirante e ricco di nuove energie come i precedenti.
Secondo il desiderio espresso dai partecipanti all’evento del 2015, il focus quest’anno sarà sullo “Studiare insieme”.
Gli incontri avranno luogo nella “Casa de Maria”, uno dei centri di ritiro più famosi della California, una location straordinaria, che il New York Times ha definito come “di puro splendore”.
Per maggiorni informazioni: http://www.theosconf.org/

102° Congresso Nazionale della S.T.I. a Perugia

Un notevole livello di partecipazione e una significativa presenza di giovani hanno caratterizzato il 102° Congresso Nazionale della Società Teosofica Italiana, che si è svolto a Perugia dal 2 al 5 giugno 2016.
I Delegati ed i Soci, provenienti da tutta Italia - dalla Valle d’Aosta alla Sicilia - hanno seguito un intenso lavoro congressuale, che ha approfondito il tema: “Jiddu Krishnamurti e la Teosofia”.
Era presente il Vice Presidente Internazionale della Società Teosofica dott. Chittaranjan Satapathy, che ha tenuto un’interessante conferenza su: “Dove la Teosofia incontra Krishnamurti”.
Le principali relazioni sono state tenute da Pier Giorgio Parola (“Il rapporto tra il pensiero di H.P.B. e quello di Jiddu Krishnamurti”), dalla professoressa Graziella Ricci (“Krishnamurti e la relazione come autoconoscenza”), dal prof. Gaetano Mollo dell’Università di Perugia (“Rapporto fra la pedagogia montessoriana e quella krishnamurtiana”) e dal dott. Antonio Girardi, Segretario Generale della S.T.I. (“Jiddu Krishnamurti e il suo messaggio”).
In occasione del Congresso sono stati presentati due volumi recentemente editi da Edizioni Teosofiche Italiane; il primo “J. Krishnamurti a confronto con la psicoanalisi” di Edoardo Bratina, è stato presentato dal curatore del libro, dott. William Esposito. Prima del suo intervento il dott. Diego Fayenz, Presidente del Gruppo Teosofico di Trieste ha ricordato, con profondi e sinceri accenti la figura dell’autore, il teosofo triestino Edoardo Bratina, Segretario Generale della S.T.I. dal 1971 al 1995. Il secondo volume, “Ricordando Jiddu Krishnamurti - Un gioiello su un vassoio d’argento” del prof. Padmanabhan Krishna, edizione italiana dell’originale in lingua inglese, è stato presentato dalla traduttrice Olga Fedeli.
È intervenuto al Congresso anche il Maestro Alessandro Bistarelli, con una relazione su: “Skrjabin, musicista e teosofo”. È stata questa l’occasione anche per ascoltare alcuni bravi di Skrjabin per pianoforte, registrati dal Maestro Bistarelli.
Le giornate di Perugia, ricche di serenità e di energia, hanno riconfermato l’intensità del lavoro della Società Teosofica Italiana a beneficio di una ricerca a tutto campo ispirata alla Fratellanza Universale senza distinzioni ed alla maieutica, vera arte della condivisone spirituale ed umana.

Rinnovati gli Organi Sociali della S.T.I. per il triennio luglio 2016-luglio 2019
In occasione del 102° Congresso Nazionale, che si è svolto a Perugia dal 2 al 5 giugno, la Società Teosofica Italiana ha eletto gli Organi Sociali per il triennio luglio 2016 - luglio 2019.
Il Segretario Generale uscente, Antonio Girardi, è stato confermato nella carica con il 98% dei voti espressi dai Soci, a suffragio universale. I votanti sono stati 459 su 916 aventi diritto. Il Consiglio Generale (composto dai Presidenti dei Gruppi e dei Centri) ha poi eletto il Comitato Esecutivo, che risulta così composto: Andrea Biasca Caroni, Sergio Calvi, Pietro Francesco Cascino, Patrizia Conte, Marina De Grandis, Patrizia Moschin Calvi, Paolo Romeo, Daniele Urlotti. Sono stati nominati Revisori dei Conti: Laura Bessone, Luigi Marsi e Pier Giorgio Parola, mentre sono stai eletti Probiviri: Augusto Perillo, Graziella Ricci ed Ermanno Vescia.

Decadenza dalla qualità di Soci
Il Comitato Esecutivo della S.T.I. nella riunione del 3 giugno scorso tenutasi a Perugia, vista la delibera di sospensione cautelativa adottata in data 16 maggio 2016 dal Consiglio Direttivo del Gruppo Teosofico Triestino “Edoardo Bratina”; esaminata la documentazione relativa; consultato il Presidente del Gruppo, ha deliberato la decadenza di Fabio Macor dalla qualità di Associato della S.T.I., ai sensi dell’art. 11 dello Statuto dell’Ente, per comportamenti incompatibili con gli scopi e con le finalità istituzionali dalla Società Teosofica e che possono compromettere il buon nome o la reputazione nei rapporti con l’esterno.
La decadenza dalla qualità di Associato ha effetto immediato.

Conferenze del Vice Presidente Internazionale della S.T. a Vicenza e Trieste
Dopo aver partecipato al 102° Congresso Nazionale della Società Teosofica Italiana, che si è svolto a Perugia dal 2 al 5 giugno, Chittaranjan Satapathy, Vice Presidente Internazionale della Società Teosofica, ha fatto visita alle sedi teosofiche di Vicenza e di Trieste, dove ha tenuto due conferenze pubbliche sui seguenti temi: “Introduzione a La Luce sul Sentiero” (Vicenza) e “La Voce del Silenzio è solo per i mistici?” (Trieste).
Le conferenze hanno suscitato un notevole interesse ed hanno visto la partecipazione di un pubblico numeroso ed attento.

Ordine Teosofico di Servizio - nuove designazioni
In occasione del 102° Congresso Teosofico Nazionale della S.T.I., che si è tenuto a Perugia nel giungo scorso, Rosella Milani Fanzio, Responsabile Nazionale dell’Ordine Teosofico di Servizio, ha passato il testimone a Sandra Sartori e Stefania Schiavo, che quindi sono le nuove coordinatrici delle attività dell’Ordine Teosofico di Servizio della Società Teosofica Italiana.
Sandra e Stefania, del Gruppo Teosofico “Aurora” di Vicenza, già molto attive e apprezzate nel campo del Servizio, si sono distinte in questi anni per gli ottimi risultati conseguiti nelle iniziative portate avanti con successo con il Gruppo di Vicenza, iniziative rivolte agli aiuti umanitari ai migranti e alle popolazioni siriane, così duramente colpite dalla guerra.
A loro va tutto il nostro incoraggiamento, con l’augurio di un proficuo lavoro.
A Rosella Milani Fanzio, che tanto si è spesa in questi anni a capo dell’O.T.S., ma che comunque resterà nel Direttivo nazionale per portare il suo contributo, vanno la nostra stima e i più sentiti ringraziamenti per quanto ha fatto nel nome del Servizio.
Chi desiderasse contattare le nuove coordinatrici può scrivere a: ots@teosofica.org

Amministratori delle Sedi di proprietà dell’Ente Morale S.T.I
Il Comitato Esecutivo ha altresì nominato i seguenti amministratori delle Sedi di proprietà dell’Ente Morale: Ermanno Vescia (Torino), Pietro Francesco Cascino (Milano), Sergio Calvi (Vicenza), Nereo Da Ronco e Carla Zanini (Udine), Diego Fayenz (Trieste), Claudia Bonini e Giuseppe Di Rese (Firenze), Oreste Passeri (Perugia) e Paolo Romeo (Roma).

Ordine Teosofico di Servizio - progetto Migranti
Continua la collaborazione fra l'Ordine Teosofico di Servizio italiano e l'organizzazione Hope for Children, impegnata nell'assistenza ai migranti. Il progetto "Scarpe per i fratelli migranti" prosegue positivamente, grazie ad alcune generose donazioni raccolte dall'O.T.S. del Gruppo Teosofico "Aurora" di Vicenza.
I responsabili di Speranza - Hope for Children hanno pubblicato su Facebook il 15 aprile scorso, con alcune foto, la testimonianza dell'impegno dell'O.T.S.: "Prosegue il nostro progetto di aiuti umanitari in Serbia. I rifugiati continuano ad arrivare stremati e con piedi feriti e doloranti, a causa di calzature non adeguate o distrutte lungo il cammino. La collaborazione tra Speranza- Hope for Children e Refugee Aid Serbia è importante e continuerà per tutto l'anno. Con le vostre donazioni è stato possibile acquistare scarpe nuove e adatte alla stagione, poi subito distribuite a Belgrado. Ringraziamo Stefi Schiavo e la Società Teosofica Italiana per la generosità e il contributo determinante per l'acquisto di questa partita di scarpe. Ora ci hanno appena chiamato da Belgrado perché ne servono urgentemente delle altre...".

L’emergenza non è conclusa e noi l’Ordine Teosofico di Servizio Italiano continuerà il proprio sostegno a questo importante progetto nel nome della Fratellanza Universale.

I Bambini che siamo - Percorso Espositivo Educativo a Roma
L’Associazione Crescente Onlus ha organizzato, a giugno scorso, un evento gratuito denominato “I bambini che siamo”, che ha avuto luogo a Roma, presso la Casa della Cultura di Villa de Sanctis in Via Casilina n. 665, all’interno del Parco Casilino Labicano.
L’evento è stato occasione di confronto sull’educazione del bambino e dell’adulto: in un momento di crisi particolare della nostra società si è cercato di riscoprire insieme cosa fa esprimere positivamente il potenziale umano in ogni età della vita. Contestualmente è stata inoltre allestita una mostra artistica, un percorso visivo-sensoriale, che ha stimolato domande sul senso dell’educazione di sé a una vita migliore, attraverso la riscoperta dei poteri dell’infanzia.
Alla fine del percorso espositivo è stato possibile fermarsi in una bella sala circondata dalla natura a discutere di educazione con chiunque volesse liberamente confrontarsi o anche ricevere informazioni da chi nell’ambito educativo, ma anche artistico, studia e opera. La proposta è stata arricchiita da un’esposizione di burattini originali realizzati a mano e dalla proiezione di due film inerenti, di particolare valore artistico ed educativo:
- Leone nel Basilico, regia di Leone Pompucci (2015)
- Il Pianeta Verde, regia di Coline Serreau (1996)
Un evento gratuito, aperto a tutti, per riscoprire la magia della vita attraverso la natura del bambino che è sempre in noi.

Recensioni

Frammenti di una conoscenza segreta
Massimo Frana, saggista che si è occupato di vari pensatori quali Martin Heidegger, Gerhard Ebeling, Friedrich Wilhelm Foerster e Meister Eckhart, ha recentemente pubblicato, con la casa editrice Atanor di Roma, un’opera dal titolo “Frammenti di una conoscenza segreta”.
L’ipotesi di lavoro del testo è che vi sia una conoscenza che attraversa la storia degli uomini e che, per millenni, questa conoscenza sia rimasta celata nelle pieghe dei miti e dei racconti popolari, nelle pagine dei testi religiosi e mistici, nelle icone e nelle grandiose opere edificate a lode dell’Assoluto.
L’autore considera che questa conoscenza sia essenzialmente aristocratica, attribuendo al termine il suo significato originario, cioè di parte spirituale dell’umanità. Quella stessa parte alla quale Maria, sorella di Marta, sedutasi ai piedi di Gesù Cristo ad ascoltarlo, scelse di appartenere, come ci narra il Vangelo di Luca.
Il testo ripercorre una parabola che parte da Mosè ed il monoteismo e dal mito di Gilgames, passa attraverso l’Esagrammaton ed il Cristo, sfiora la magia cerimoniale e la Teurgia, approfondisce il sacerdozio femminile e la Gnosi cristiana ed arriva poi al mistero dell’Amore ed alla luce della Conoscenza.
Nelle conclusioni l’autore fa un interessante riferimento al linguista ed antropologo russo Vladimir Propp, che nella prima metà del Novecento, individuò trentatré funzioni o sequenze all’interno delle fiabe popolari russe, corrispondenti ad una struttura fissa e ricorrente, rintracciabile, in generale, anche all’interno dei miti, delle fiabe, dei testi sacri etc.
In queste funzioni o sequenze emergono chiaramente, secondo Propp, cinque fasi: stato originario, caduta, risveglio, cammino, reintegrazione.

Pari e Uguali
Pari e Uguali è una associazione molto attiva nella diffusione di una cultura di parità e uguaglianza fra i generi, contro la discriminazione, la persecuzione e la violenza nei confronti della donna. Promuove attività culturali, sociali e ricreative, creando così momenti di coinvolgimento, incontro e discussione atti al raggiungimento dello scopo associativo ed evidenzia esempi positivi di donne che si sono distinte negli ambiti della vita sociale, lavorativa e politica, fungendo così da esempio e stimolo nel superamento di questo problema.
Chi fosse interessato alle attività di questa benemerita associazione, presieduta dal dottor Rodolfo Balena, può scrivere a: Pari e Uguali, via Palestro 95 - 35138 Padova, tel. e fax 049 8725082, cell. 348 5338212 - e-mail: info@parieuguali.it

Dalai Lama – La biografia, la storia, le perle
Questo testo, pubblicato da Hermatena , che è marchio esclusivo dell’editore “Mutus Liber” di Riola (BO), raccoglie in sé tre parti distinte, raccolte e tradotte da Mariateresa Bianca, che dal 1993 risiede a Dharamsala in India, dove ha approfondito la conoscenza del Buddhismo e della lingua tibetana, cosa che le ha consentito di tradurre in italiano molti insegnamenti del Dalai Lama.
Le tre parti del testo sono rispettivamente: una breve biografia di S.S. il Dalai Lama, , con una focalizzazione sulla sua visione e sulle sue opere, oltre che sugli episodi della sua vita (questa parte ha preso ispirazione dalla biografia scritta da Sherab Dhargye); una descrizione del tempio Thekcen Cioeling (il luogo del Dharma mahayana) di Dharamsala dove il Dalai Lama vive dal 1° maggio 1960è ispirata (questa parte è la traduzione di un testo scritto dallo stesso Dalai Lama); la terza parte è invece una breve antologia di strofe tratte da testi del buddhismo tibetano, spesso recitate e commentate dallo stesso Dalai lama durante i suoi insegnamenti.
L’insieme del testo vuole rispondere a tre domande fondamentali legate al Dalai Lama : “Chi”, “Dove”, “Cosa”. Le risposte che emergono dalle pagine di quest’opera sono chiare e contribuiscono a mettere il lettore nelle condizioni di conoscere meglio il Dalai Lama, non soltanto sotto l’aspetto umano, ma anche come incarnazione di una importante Tradizione che molto sta facendo per ampliare la consapevolezza dell’umanità nel segno della compassione universale.

Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Articolo del mese