Giugno 2013

Anno LXIX - N.6
Cover Giugno 2013

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Area riservata

L’Universale è luce per il quotidiano
A. Girardi 1

La trasformazione di sé, un’esplorazione nell’ignoto
Tran-Thi-Kim Dieu 2

La Qabbalah e il Cristianesimo
L. Marsi 8

L’interazione fra spirito e materia nell’evoluzione
M. Boccadoro 11

Le Forme Pensiero: un aiuto nella vita di ogni giorno
D. Fayenz 15

Natura e meditazione
G. Grigorov 20

Ai piedi del maestro
A. Stirati 21

Evoluzione: prospettive teosofiche
A. Perillo 22

Al di là della violenza (seconda parte)
G. Manera 25

Cosmogonia degli angeli-trono
A. Leonardi 31

La guerra è una follia
E. Lucchini 33

Cenni sulla morte – Novità Editoriale ETI
pag. 34

Segnalazioni 35
Recensioni 36
Dai Gruppi 36

L'Universale è luce per il quotidiano

Una delle problematiche più sentite dagli esseri umani che hanno intrapreso un cammino spirituale è quella della conciliazione degli ideali a cui hanno aderito con la concretezza della vita quotidiana. La Teosofia da questo punto di vista fornisce interessanti e utili riflessioni.
Innanzi tutto dando grande importanza sia alla comprensione delle leggi universali sia all'aspetto concreto di una vita spiritualmente intesa. Una attenta lettura della seconda parte de La Chiave della Teosofia di H.P. Blavastky ci permette di cogliere appieno il significato sperimentale del percorso spirituale; l'essere umano riesce così, attraverso la messa in pratica dei principi appresi, a valutarne il valore, ad assaporarne il significato, evitando una frattura fra pensiero e azione.
Il sentire, il pensare e l’agire vengono armonizzati in una dimensione che inizia dall'essere azione e si conclude con una presa di coscienza che è cambiamento. Quella teosofica è sempre una libera ricerca.
Questa possibilità di creare un ponte fra il sentire e l'agire è figlia di una visione del mondo che si basa sul concetto dell'Unità della Vita.
Il contributo forse più importante che il movimento teosofico ha portato alla cultura del tempo, dalla fine dell'Ottocento ad oggi, è questa riaffermazione con forza che la Vita è Una e che tutte le sue parti o componenti sono sempre in reciproca relazione e comunicazione. La portata di tutto ciò è notevole perché mette nelle condizioni l'essere umano di iniziare dal qui ed ora la sua opera di trasformazione spirituale.
Il cambiamento non è' dunque rimandato ad un momento successivo ma inizia attraverso la piena accettazione della dimensione karmica dell'esistenza quotidiana. Ed ogni piccolo cambiamento nella direzione di una maggior consapevolezza sarà' di beneficio non soltanto per se stessi, ma per tutta l'umanità'.
Il vivere teosofico è una sorte di ponte fra l'universale e il particolare, come ben traspare da questo frammento tratto dalle Lettere dei Mahatma ad A.P. Sinnett: " .....Noi non studiamo i fenomeni fisici ma queste idee universali poiché per comprendere i primi dobbiamo innanzi tutto capire queste ultime. esse si riferiscono alla reale posizione dell'uomo nell'universo in relazione alle sue precedenti nascite ed a quelle future; alle sue origini ed al suo destino finale; alla relazione si stente fra il mortale e l'immortale; fra il temporaneo e l'eternita'; fra il finito e l'infinito; idee profonde, grandiose, più' comprensive, che riconoscono il regno universale nella Legge Immutabile, costante e inalterabile rispetto alla quale vi è' un solo eterno presente".
Antonio Girardi

Segnalazioni

Congresso Nazionale 2013 della S.T.I.ad Aosta
Il 99° Congresso Nazionale della Società Teosofica Italiana si è svolto dal 24 al 26 maggio ad Aosta, sul tema, trattato da numerosi relatori: “Karma: impegno teosofico”.
L’Assemblea dei Soci e il Consiglio Generale si sono regolarmente riuniti.
Nel prossimo numero della Rivista verranno riportate le informazioni relative sia all’esito del referendum per l’elezione del Segretario Generale della S.T.I. per il triennio luglio 2013 – luglio 2016 sia alla nomina dei Componenti del Comitato Esecutivo.


5 per mille alla S.T.I.
La Società Teosofica Italiana ha ottenuto l'inserimento nella lista dei soggetti destinatari del 5 per mille.
L’invito è pertanto quello a destinare il 5 per mille delle imposte versate all’Erario alla S.T.I.
La scelta va esercitata in occasione della presentazione della dichiarazione dei redditi (modello 730 o Modello Unico) apponendo la propria firma di adesione.
E’ tassativo indicare il Codice Fiscale della Società Teosofica Italiana che di seguito viene riportato: 80022260329.
Da ultimo, ma certo non ultima cosa in ordine di importanza, sottolineiamo che le somme destinate alla Società Teosofica Italiana verranno utilizzate per il sostegno ad iniziative umanitarie, che verranno opportunamente illustrate sulla Rivista italiana di Teosofia.


Seminario e Ritiro sulla Bhagavad Gita
Dal 14 al 20 giugno prossimi, presso il Centro Teosofico Internazionale di Naarden, in Olanda, avranno luogo un Seminario (dal 14 al 16) e un Ritiro (dal 17 al 20) sulla Bhagavad Gita. Sarà una opportunità unica per approfondire questa opera di antica sapienza in modo interattivo, collegando le filosofie orientali e occidentali. Lo yoga insegnato nella Bhagavad Gita ha lo scopo di aiutare le persone a compiere il proprio dharma, a tutti i livelli, con se stessi, in famiglia, nell’ambito della società, per il pianeta, per il cosmo, con la retta azione, la conoscenza sacra e l’amore.
Relatore sarà il prof. Ravi Ravindra, laureato in Filosofia, professore emerito alla Dalhousie University di Halifax, in Canada, dove ha insegnato nei Dipartimenti di Religioni Comparate, Filosofia e Fisica. Studioso e conferenziere internazionale su temi legati alla religione, scienza e spiritualità, è autore di 14 libri.
Chi desiderasse partecipare può scaricare il modulo di iscrizione dal sito web www.itc-naarden.org Ulteriori informazioni sono disponibili anche alla segreteria generale chiamando allo 0444 962921 o inviando una e-mail a: sti@teosofica.org


Le evoluzioni degli storni: una meraviglia della natura
Le evoluzioni degli storni sono un mistero della natura. Nessuno sa perché le compiono eppure, in autunno, migliaia di questi uccelli, provenienti da Russia e Scandinavia, da dove fuggono i rigori dell’inverno, danzano nel crepuscolo sopra i cieli di Inghilterra e Scozia, radunandosi in stormi che cambiano continuamente forma.
Gli scienziati non hanno ancora definitivamente stabilito come fanno. Queste evoluzioni sono la manifestazione di un’intelligenza di gruppo che, in contesti diversi, è praticata da banchi di pesci, nugoli di api o colonie di formiche.
Nemmeno complessi modelli algoritmici sono riusciti a spiegare le acrobazie degli storni che, quando sono in gruppo, fanno affidamento sulle proprie velocissime reazioni, calcolate in 100 millisecondi, per evitare collisioni aeree e predatori.
Negli anni più recenti il loro numero è diminuito, forse a causa della difficoltà a trovare luoghi adatti dove costruire i nidi. Essi comunque atterrano nella campagna britannica, dopo le loro danze serali, per riposare e chiacchierare.
Due ragazze, che erano uscite in canoa per un giro al tramonto, sono riuscite a filmare, in un breve video, questo meraviglioso spettacolo, nel quale si possono notare la varietà dei colori e la forza delle configurazioni che assumono gli uccelli, gli uni vicini agli altri: http://vimeo.com/31158841
Un altro bel video sul tema si può vedere all’indirizzo: http://vimeo.com/58291553
Queste notizie sono tratte dal bollettino elettronico dell’International Theosophical Order of Service. Per poter accedere e consultarlo in linea collegarsi a: http://international.theoservice.org/enews.html
Chi invece volesse registrarsi per riceverlo regolarmente può rivolgersi a: tos.intouch@gmail.com
Il bollettino riporta le attività dell’Ordine Teosofico di Servizio, con le iniziative locali e internazionali.


Swami Kriyananda oltre il velo della materia
E’ passato oltre il velo della materia Swami Kriyananda, al secolo James Donald Walters, discepolo diretto di Paramahansa Yogananda fondatore, ispiratore e guida spirituale delle Comunità Ananda, presenti anche in Italia, in Umbria.
Durante le sue ultime settimane di vita, Swami Kriyananda aveva cominciato a ritirarsi dalle attività esteriori e ad entrare in uno stato di interiorizzazione sempre più profondo. Si accingeva a intraprendere un periodo di ritiro in India, al suo ritorno in ottobre dagli Stati Uniti.


International Theosophy Conferences
Il 15° incontro annuale dell’International Theosophy Conferences, che è stato fondato per promuovere i tre scopi della Società Teosofica così come enunciati da H.P. Blavatsky nei suoi scritti e incoraggiare la comunicazione e il dialogo fra tutte le tradizioni teosofiche, si svolgerà quest’anno a New York, presso The Bohemian National Hall (321 E 73rd St., New York, NY 10021) dall’8 all’11 agosto.
Il tema proposto è: “How to Awaken Compassion? H. P. Blavatsky and the Eternal Secret Doctrine” (Come risvegliare la compassione? H.P. Blavatsky e l’eterna Dottrina Segreta) e intende celebrare il 125° anniversario dalla pubblicazione de “La Dottrina Segreta”, riconsiderandone l’influenza avuta su scienza, religione e filosofia.
Sono previsti oltre 30 relatori, simposi e lavori di gruppo, per aiutare gli studenti di Teosofia ad approfondire le loro conoscenze di base sulla Teosofia e a comprendere le differenze tra l’approccio teosofico e altri sul tema trattato.
Per ulteriori informazioni chiamare la responsabile dell’organizzazione, Helena Kerekhazi: (+) 914-315-6868 o inviare una e-mail a: helenaeegbio@optonline.net Il modulo di iscrizione si può trovare collegandosi a: www.theosconf.org.


Enchanted Modernities: Theosophy, Modernism and the Arts
Enchanted Modernities: Theosophy, Modernism and the Arts, c. 1875-1960, è il titolo di un convegno che verrà realizzato all’Università di Amsterdam dal 25 al 27 settembre 2013.
L’evento, realizzato in collaborazione con il Centre for the History of Hermetic philosophy and related currents dell’Università di Amsterdam, spiegherà quello che le arti testimoniano riguardo le complesse relazioni tra Teosofia, Modernismo e cultura artistica negli anni tra il 1875 e il 1960 circa. Scopo del Convegno è di mettere insieme un gruppo internazionale di studiosi che, lavorando sul tema, appronti una mappa della ricca varietà di influenze che la teosofia e i movimenti teosofici hanno avuto nel campo dell’arte moderna.
Per ogni ulteriore informazione sull’evento contattare il prof. Marco Pasi, dell’Università di Amsterdam: M.Pasi@uva.nl

Recensioni

Odisseo e le onde dell’anima
Lo conosciamo come Ulisse, ma i greci lo chiamavano Odisseo; lo scrittore Roberto Fantini, membro della S.T.I., affronta un viaggio insolito in compagnia dell’amato eroe, Odisseo e le onde dell’anima, Graphe.it edizioni 2013. Il libro si presenta come un cammino introspettivo, analitico, la fine di una gloriosa vita.
“Odisseo vaga. Odisseo va pensando che il suo vagare è come il sorriso dell’infinito, che il suo vagare è un eterno rilanciarsi di dadi, sa che la sua ricerca rincorre qualcosa che esiste soltanto nel suo cercarla; sa che la sua vela si gonfia, la sua meta forse è già trovata”.
Roberto Fantini accoglie un eroe umano, debolezze e virtù si presentano nella loro totale bellezza, fondendosi nello sfondo della sofferenza, della vecchiaia.
Nel cuore di Odisseo raffiorano frantumi di ricordi, echi del passato, fantasmi della sua inquieta esistenza. Con loro, il vecchio Odisseo impara a dialogare, senza smettere mai di gettare lo sguardo verso i confini dell’Essere.
Il suo viaggio diventa il nostro viaggio, un confronto inesorabile che ci obbliga a fermarci per raccogliere i pensieri; un viaggio che il lettore è invitato a fare, sospinto da una bruniana ansia di infinito per approdare al sentimento dell’Unità della Vita cantato da tutti i grandi mistici.
Odisseo continua il suo andare, metà vagabondo dei mari, metà pellegrino dell’anima.

Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.


Nuovo Centro Studi ad Alcamo
Il 26 marzo scorso è stato costituito ad Alcamo (TP) un nuovo Centro di Studi Teosofici, che ha assunto la denominazione di “Amore e Psiche”.
Lo presiede Giuseppe Caminita, con Giuseppe Sciacca come Vice Presidente. Segretaria del Gruppo è Daniela Cruciata, mentre Rosario Di Maria è il Tesoriere.
Il 27 aprile il Segretario Generale ha partecipato ad Alcamo ad una riunione del neo-costituito Centro Studi, in un clima fraterno e con la presenza di numerosi soci anche del Gruppo Teosofico “Iside” di Trapani.
L’incontro è stato preceduto da un concerto tenuto dall’arpista Adriana Nicolosi e dalla mezzosoprano Maria Messana.
Al Presidente, fratello Giuseppe Caminita e a tutti i componenti del Centro di Alcamo, i più fervidi auguri di buon lavoro teosofico, nel segno della Fratellanza Universale senza distinzioni.

Giugno 2013

Anno LXIX - N.6
Cover Giugno 2013

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

L’Universale è luce per il quotidiano
A. Girardi 1

La trasformazione di sé, un’esplorazione nell’ignoto
Tran-Thi-Kim Dieu 2

La Qabbalah e il Cristianesimo
L. Marsi 8

L’interazione fra spirito e materia nell’evoluzione
M. Boccadoro 11

Le Forme Pensiero: un aiuto nella vita di ogni giorno
D. Fayenz 15

Natura e meditazione
G. Grigorov 20

Ai piedi del maestro
A. Stirati 21

Evoluzione: prospettive teosofiche
A. Perillo 22

Al di là della violenza (seconda parte)
G. Manera 25

Cosmogonia degli angeli-trono
A. Leonardi 31

La guerra è una follia
E. Lucchini 33

Cenni sulla morte – Novità Editoriale ETI
pag. 34

Segnalazioni 35
Recensioni 36
Dai Gruppi 36

L'Universale è luce per il quotidiano

Una delle problematiche più sentite dagli esseri umani che hanno intrapreso un cammino spirituale è quella della conciliazione degli ideali a cui hanno aderito con la concretezza della vita quotidiana. La Teosofia da questo punto di vista fornisce interessanti e utili riflessioni.
Innanzi tutto dando grande importanza sia alla comprensione delle leggi universali sia all'aspetto concreto di una vita spiritualmente intesa. Una attenta lettura della seconda parte de La Chiave della Teosofia di H.P. Blavastky ci permette di cogliere appieno il significato sperimentale del percorso spirituale; l'essere umano riesce così, attraverso la messa in pratica dei principi appresi, a valutarne il valore, ad assaporarne il significato, evitando una frattura fra pensiero e azione.
Il sentire, il pensare e l’agire vengono armonizzati in una dimensione che inizia dall'essere azione e si conclude con una presa di coscienza che è cambiamento. Quella teosofica è sempre una libera ricerca.
Questa possibilità di creare un ponte fra il sentire e l'agire è figlia di una visione del mondo che si basa sul concetto dell'Unità della Vita.
Il contributo forse più importante che il movimento teosofico ha portato alla cultura del tempo, dalla fine dell'Ottocento ad oggi, è questa riaffermazione con forza che la Vita è Una e che tutte le sue parti o componenti sono sempre in reciproca relazione e comunicazione. La portata di tutto ciò è notevole perché mette nelle condizioni l'essere umano di iniziare dal qui ed ora la sua opera di trasformazione spirituale.
Il cambiamento non è' dunque rimandato ad un momento successivo ma inizia attraverso la piena accettazione della dimensione karmica dell'esistenza quotidiana. Ed ogni piccolo cambiamento nella direzione di una maggior consapevolezza sarà' di beneficio non soltanto per se stessi, ma per tutta l'umanità'.
Il vivere teosofico è una sorte di ponte fra l'universale e il particolare, come ben traspare da questo frammento tratto dalle Lettere dei Mahatma ad A.P. Sinnett: " .....Noi non studiamo i fenomeni fisici ma queste idee universali poiché per comprendere i primi dobbiamo innanzi tutto capire queste ultime. esse si riferiscono alla reale posizione dell'uomo nell'universo in relazione alle sue precedenti nascite ed a quelle future; alle sue origini ed al suo destino finale; alla relazione si stente fra il mortale e l'immortale; fra il temporaneo e l'eternita'; fra il finito e l'infinito; idee profonde, grandiose, più' comprensive, che riconoscono il regno universale nella Legge Immutabile, costante e inalterabile rispetto alla quale vi è' un solo eterno presente".
Antonio Girardi

Segnalazioni

Congresso Nazionale 2013 della S.T.I.ad Aosta
Il 99° Congresso Nazionale della Società Teosofica Italiana si è svolto dal 24 al 26 maggio ad Aosta, sul tema, trattato da numerosi relatori: “Karma: impegno teosofico”.
L’Assemblea dei Soci e il Consiglio Generale si sono regolarmente riuniti.
Nel prossimo numero della Rivista verranno riportate le informazioni relative sia all’esito del referendum per l’elezione del Segretario Generale della S.T.I. per il triennio luglio 2013 – luglio 2016 sia alla nomina dei Componenti del Comitato Esecutivo.


5 per mille alla S.T.I.
La Società Teosofica Italiana ha ottenuto l'inserimento nella lista dei soggetti destinatari del 5 per mille.
L’invito è pertanto quello a destinare il 5 per mille delle imposte versate all’Erario alla S.T.I.
La scelta va esercitata in occasione della presentazione della dichiarazione dei redditi (modello 730 o Modello Unico) apponendo la propria firma di adesione.
E’ tassativo indicare il Codice Fiscale della Società Teosofica Italiana che di seguito viene riportato: 80022260329.
Da ultimo, ma certo non ultima cosa in ordine di importanza, sottolineiamo che le somme destinate alla Società Teosofica Italiana verranno utilizzate per il sostegno ad iniziative umanitarie, che verranno opportunamente illustrate sulla Rivista italiana di Teosofia.


Seminario e Ritiro sulla Bhagavad Gita
Dal 14 al 20 giugno prossimi, presso il Centro Teosofico Internazionale di Naarden, in Olanda, avranno luogo un Seminario (dal 14 al 16) e un Ritiro (dal 17 al 20) sulla Bhagavad Gita. Sarà una opportunità unica per approfondire questa opera di antica sapienza in modo interattivo, collegando le filosofie orientali e occidentali. Lo yoga insegnato nella Bhagavad Gita ha lo scopo di aiutare le persone a compiere il proprio dharma, a tutti i livelli, con se stessi, in famiglia, nell’ambito della società, per il pianeta, per il cosmo, con la retta azione, la conoscenza sacra e l’amore.
Relatore sarà il prof. Ravi Ravindra, laureato in Filosofia, professore emerito alla Dalhousie University di Halifax, in Canada, dove ha insegnato nei Dipartimenti di Religioni Comparate, Filosofia e Fisica. Studioso e conferenziere internazionale su temi legati alla religione, scienza e spiritualità, è autore di 14 libri.
Chi desiderasse partecipare può scaricare il modulo di iscrizione dal sito web www.itc-naarden.org Ulteriori informazioni sono disponibili anche alla segreteria generale chiamando allo 0444 962921 o inviando una e-mail a: sti@teosofica.org


Le evoluzioni degli storni: una meraviglia della natura
Le evoluzioni degli storni sono un mistero della natura. Nessuno sa perché le compiono eppure, in autunno, migliaia di questi uccelli, provenienti da Russia e Scandinavia, da dove fuggono i rigori dell’inverno, danzano nel crepuscolo sopra i cieli di Inghilterra e Scozia, radunandosi in stormi che cambiano continuamente forma.
Gli scienziati non hanno ancora definitivamente stabilito come fanno. Queste evoluzioni sono la manifestazione di un’intelligenza di gruppo che, in contesti diversi, è praticata da banchi di pesci, nugoli di api o colonie di formiche.
Nemmeno complessi modelli algoritmici sono riusciti a spiegare le acrobazie degli storni che, quando sono in gruppo, fanno affidamento sulle proprie velocissime reazioni, calcolate in 100 millisecondi, per evitare collisioni aeree e predatori.
Negli anni più recenti il loro numero è diminuito, forse a causa della difficoltà a trovare luoghi adatti dove costruire i nidi. Essi comunque atterrano nella campagna britannica, dopo le loro danze serali, per riposare e chiacchierare.
Due ragazze, che erano uscite in canoa per un giro al tramonto, sono riuscite a filmare, in un breve video, questo meraviglioso spettacolo, nel quale si possono notare la varietà dei colori e la forza delle configurazioni che assumono gli uccelli, gli uni vicini agli altri: http://vimeo.com/31158841
Un altro bel video sul tema si può vedere all’indirizzo: http://vimeo.com/58291553
Queste notizie sono tratte dal bollettino elettronico dell’International Theosophical Order of Service. Per poter accedere e consultarlo in linea collegarsi a: http://international.theoservice.org/enews.html
Chi invece volesse registrarsi per riceverlo regolarmente può rivolgersi a: tos.intouch@gmail.com
Il bollettino riporta le attività dell’Ordine Teosofico di Servizio, con le iniziative locali e internazionali.


Swami Kriyananda oltre il velo della materia
E’ passato oltre il velo della materia Swami Kriyananda, al secolo James Donald Walters, discepolo diretto di Paramahansa Yogananda fondatore, ispiratore e guida spirituale delle Comunità Ananda, presenti anche in Italia, in Umbria.
Durante le sue ultime settimane di vita, Swami Kriyananda aveva cominciato a ritirarsi dalle attività esteriori e ad entrare in uno stato di interiorizzazione sempre più profondo. Si accingeva a intraprendere un periodo di ritiro in India, al suo ritorno in ottobre dagli Stati Uniti.


International Theosophy Conferences
Il 15° incontro annuale dell’International Theosophy Conferences, che è stato fondato per promuovere i tre scopi della Società Teosofica così come enunciati da H.P. Blavatsky nei suoi scritti e incoraggiare la comunicazione e il dialogo fra tutte le tradizioni teosofiche, si svolgerà quest’anno a New York, presso The Bohemian National Hall (321 E 73rd St., New York, NY 10021) dall’8 all’11 agosto.
Il tema proposto è: “How to Awaken Compassion? H. P. Blavatsky and the Eternal Secret Doctrine” (Come risvegliare la compassione? H.P. Blavatsky e l’eterna Dottrina Segreta) e intende celebrare il 125° anniversario dalla pubblicazione de “La Dottrina Segreta”, riconsiderandone l’influenza avuta su scienza, religione e filosofia.
Sono previsti oltre 30 relatori, simposi e lavori di gruppo, per aiutare gli studenti di Teosofia ad approfondire le loro conoscenze di base sulla Teosofia e a comprendere le differenze tra l’approccio teosofico e altri sul tema trattato.
Per ulteriori informazioni chiamare la responsabile dell’organizzazione, Helena Kerekhazi: (+) 914-315-6868 o inviare una e-mail a: helenaeegbio@optonline.net Il modulo di iscrizione si può trovare collegandosi a: www.theosconf.org.


Enchanted Modernities: Theosophy, Modernism and the Arts
Enchanted Modernities: Theosophy, Modernism and the Arts, c. 1875-1960, è il titolo di un convegno che verrà realizzato all’Università di Amsterdam dal 25 al 27 settembre 2013.
L’evento, realizzato in collaborazione con il Centre for the History of Hermetic philosophy and related currents dell’Università di Amsterdam, spiegherà quello che le arti testimoniano riguardo le complesse relazioni tra Teosofia, Modernismo e cultura artistica negli anni tra il 1875 e il 1960 circa. Scopo del Convegno è di mettere insieme un gruppo internazionale di studiosi che, lavorando sul tema, appronti una mappa della ricca varietà di influenze che la teosofia e i movimenti teosofici hanno avuto nel campo dell’arte moderna.
Per ogni ulteriore informazione sull’evento contattare il prof. Marco Pasi, dell’Università di Amsterdam: M.Pasi@uva.nl

Recensioni

Odisseo e le onde dell’anima
Lo conosciamo come Ulisse, ma i greci lo chiamavano Odisseo; lo scrittore Roberto Fantini, membro della S.T.I., affronta un viaggio insolito in compagnia dell’amato eroe, Odisseo e le onde dell’anima, Graphe.it edizioni 2013. Il libro si presenta come un cammino introspettivo, analitico, la fine di una gloriosa vita.
“Odisseo vaga. Odisseo va pensando che il suo vagare è come il sorriso dell’infinito, che il suo vagare è un eterno rilanciarsi di dadi, sa che la sua ricerca rincorre qualcosa che esiste soltanto nel suo cercarla; sa che la sua vela si gonfia, la sua meta forse è già trovata”.
Roberto Fantini accoglie un eroe umano, debolezze e virtù si presentano nella loro totale bellezza, fondendosi nello sfondo della sofferenza, della vecchiaia.
Nel cuore di Odisseo raffiorano frantumi di ricordi, echi del passato, fantasmi della sua inquieta esistenza. Con loro, il vecchio Odisseo impara a dialogare, senza smettere mai di gettare lo sguardo verso i confini dell’Essere.
Il suo viaggio diventa il nostro viaggio, un confronto inesorabile che ci obbliga a fermarci per raccogliere i pensieri; un viaggio che il lettore è invitato a fare, sospinto da una bruniana ansia di infinito per approdare al sentimento dell’Unità della Vita cantato da tutti i grandi mistici.
Odisseo continua il suo andare, metà vagabondo dei mari, metà pellegrino dell’anima.

Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.


Nuovo Centro Studi ad Alcamo
Il 26 marzo scorso è stato costituito ad Alcamo (TP) un nuovo Centro di Studi Teosofici, che ha assunto la denominazione di “Amore e Psiche”.
Lo presiede Giuseppe Caminita, con Giuseppe Sciacca come Vice Presidente. Segretaria del Gruppo è Daniela Cruciata, mentre Rosario Di Maria è il Tesoriere.
Il 27 aprile il Segretario Generale ha partecipato ad Alcamo ad una riunione del neo-costituito Centro Studi, in un clima fraterno e con la presenza di numerosi soci anche del Gruppo Teosofico “Iside” di Trapani.
L’incontro è stato preceduto da un concerto tenuto dall’arpista Adriana Nicolosi e dalla mezzosoprano Maria Messana.
Al Presidente, fratello Giuseppe Caminita e a tutti i componenti del Centro di Alcamo, i più fervidi auguri di buon lavoro teosofico, nel segno della Fratellanza Universale senza distinzioni.