Gennaio 2013

Anno LXIX - N.1
Cover Gennaio 2013

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Area riservata

Idee e continuo infinito presente
A. Girardi 1

Il Centro Teosofico internazionale di Naarden (prima parte)
A. Heijbroek 2

Tra l’oceano e il fiume: ai confini dell’esoterismo religioso
G. Ricci 11

La nostra responsabilità individuale quali Teosofi
H.A. Kirk 21

L’esoterismo nelle religioni
P.F. Cascino 24

Verso un mondo migliore
A. Stirati 29

Il pluralismo delle religioni. L’incontro delle religioni. Le religioni comparate
D. Zangari 31

Proteggiamo i nostri amici animali
G. Boerci 33



Segnalazioni 35
Recensioni 35
Dai Gruppi 36

Idee e continuo infinito presente

In larga parte del mondo occidentale - e non solo - gli anni più recenti sono stati caratterizzati da una forte negatività, oscillante fra le paure per la crisi economica e per lo stato ambientale del pianeta e la tendenza al catastrofismo. L’euforia egoistica dei primi anni del nuovo millennio ha lasciato via via il posto all’incertezza.
In questi fenomeni di massa è riscontrabile il peso delle mode, dei pensieri collettivi, della grande influenza dei media sugli stati d’animo e i comportamenti delle persone. Così facendo si continua ad ignorare che la Vita prosegue incessantemente lungo la via dell’evoluzione, che tutto è regolato dalla legge del karma, inteso non tanto come un cieco sistema di premio/punizione, quanto piuttosto come sintesi di un fluire che mostra come ogni aspetto del particolare si rifletta nell’universale, in un equilibrio dinamico che apre positivamente le porte alla presa di coscienza di un comportamento individuale che, nel qui ed ora, è in grado non solo di influenzare la nostra esistenza, ma di contribuire al bene di tutta l’umanità.
La Teosofia ci insegna a non giudicare la vita, ma piuttosto a comprenderne il profondo significato. Sospendere il giudizio separativo è il primo passo per la comprensione. E’ importante che l’essere umano prenda coscienza del significato di questa affermazione attribuita a Socrate: “Esiste un solo bene, la conoscenza e un solo male, l’ignoranza”. E’ infatti l’ignoranza quella che ci spinge verso l’egoismo, la violenza, la disarmonia. Di contro la conoscenza nasce dall’osservazione e dalla comprensione del fatto di essere parte di un tutto che non è solo quello che i nostri sensi e i nostri paradigmi mentale pensano che sia la realtà.
L’insieme di questi elementi ci spinge a considerare le grandi possibilità che sono racchiuse nel tempo presente, se solo sapremo sostituire la simpatia alla critica, l’amore per la natura alla paura, l’azione e il pensiero positivi alle tendenza distruttive.
La visione teosofica delle cose spinge ad una comprensione del significato del reale che vada oltre agli approcci parziali e sappia riconoscere l’universale. Per questo la Società Teosofica promuove la Fratellanza Universale senza distinzioni e lo studio comparato delle religioni, delle filosofie e delle scienze. Affermava in proposito H.P. Blavatsky: “La Teosofia non è Buddhismo, Induismo, Cristianesimo o Jainismo, ma la sintesi esoterica di tutte le religioni e le filosofie conosciute. E’ la religione-saggezza arcaica, quella conoscenza un tempo nota in ogni paese civilizzato dell’antichità”.
E in una delle lettere di un Mahatma a Sinnett troviamo questa affermazione, foriera di elementi di meditazione: “Noi non studiamo i fenomeni fisici, ma le idee universali, poiché per comprendere i primi dobbiamo innanzi tutto capire queste ultime. Esse si riferiscono alla reale posizione dell’uomo nell’universo in relazione alle sue precedenti nascite e a quelle future, alle sue origini ed al suo destino finale, alla relazione esistente fra il mortale e l’immortale, fra il temporaneo e l’eternità, fra il finito e l’infinito; idee profonde, grandiose, più comprensive, che riconoscono il regno universale della Legge Immutabile costante e inalterabile, rispetto alla quale vi è solo un eterno presente ...”.



Antonio Girardi

Segnalazioni

Quote associative alla Società Teosofica Italiana e abbonamento alla “Rivista Italiana di Teosofia” per il 2013
E’ il momento del rinnovo delle quote associative di adesione alla Società Teosofica Italiana per l’anno 2013.
Essere socio della S.T.I. ha soprattutto un valore ideale e si collega direttamente allo scopo della Fratellanza Universale senza distinzioni.
Per il 2013 il Comitato Esecutivo della S.T.I. ha confermato le quote dell’anno precedente: quota associativa 2013 euro 35,00 (comprende anche l’abbonamento al mensile Rivista Italiana di Teosofia); quota associativa 2013 senza Rivista Italiana di Teosofia euro 20,00; abbonamento alla Rivista Italiana di Teosofia (per non soci) euro 25,00; abbonamento estero euro 30,00.
Quota socio sostenitore (con abbonamento) euro 100,00.
Quota socio benemerito vitalizio (con abbonamento) euro 1.000,00.
I Soci indipendenti e gli Abbonati potranno provvedere direttamente al versamento sul c.c.p. n. 55010367 intestato alla Società Teosofica Italiana - Tesoreria, Viale Q. Sella, 83/E – 36100 Vicenza oppure potranno inviare un bonifico bancario sul conto Bancoposta della Società Teosofica Italiana, Tesoreria codice IBAN IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.
I Soci e i Soci/Abbonati dei Gruppi e dei Centri provvederanno invece al rinnovo contattando i Presidenti dei Gruppi o dei Centri di appartenenza.

Scuola di Saggezza
La Scuola di Saggezza, che si tiene ogni anno presso il Quartier Generale della Società Teosofica ad Adyar (Chennai, India), ha iniziato i lavori il 5 novembre scorso e li concluderà il 1° febbraio 2013.
L’ultima sessione avrà luogo dal 9 gennaio al 1° febbraio 2013, sotto la direzione del prof. Ravi Ravindra, sul tema: “Con Krishna nella battaglia della vita – lezioni sull’esistenza tratte dalla Bhagavad Gita”.
Ulteriori informazioni si possono trovare visitando il sito web www.ts-adyar.org
La Scuola di Saggezza offre ai membri della Società Teosofica l’opportunità di approfondire gli argomenti in programma, in un ambiente sereno, liberi dalle occupazioni quotidiane, circondati dalla bellezza e pace di un luogo unico, meditando o godendo del silenzio che si può trovare nel Quartier Generale internazionale della S.T.

Leggenda metropolitana
Segnaliamo che nella trasmissione radiofonica “Dio e le donne”, RAI Radio 1, di sabato 17 novembre, alle ore 23.50, taluno ha affermato che H.P.B. e la S.T. sarebbero stati fra gli ispiratori del nazismo.
La presunta ispirazione che le opere di Blavatsky avrebbero dato al nazismo è una vera e propria “leggenda metropolitana”. Infatti, il movimento teosofico fu – ed è – osteggiato dai regimi autoritari. La S.T.I., ad esempio, fu sciolta dal regime fascista per non aver aderito alle leggi razziali, cancellando la parola “razza” dal suo primo scopo. Anche in Germania la S.T. venne sciolta, nello stesso periodo.
La vicenda della trasmissione radiofonica ci addolora ancor più perché avvenuta proprio nel giorno della ricorrenza del 137° anniversario della Fondazione della S.T.
Al di là delle nostre giuste proteste non vogliamo però abbandonare la voce della Saggezza Universale, che sempre ripete di “non resistere al male”.
Nel sorriso di H. P. Blavatsky, e di tutti i teosofi, c’è comunque una grande fede in quella che possiamo definire “l’eterna bontà di tutte le cose”.

Recensioni

Riviste ricevute in redazione: TheoSophia, dicembre 2012, organo ufficiale della Società Teosofica in Nuova Zelanda; Centre News, bollettino del Centro Teosofico Internazionale di Naarden (Olanda), quarto trimestre 2012; Theosophical History, trimestrale di ricerche teosofiche californiano (gennaio 2012); Sophia, novembre 2012, periodico della Società Teosofica Spagnola; Luce e Ombra, luglio settembre 2012, rivista italiana di parapsicologia e dei problemi connessi; Le Lotus Bleu, ottobre 2012, mensile della Società Teosofica francese e Infor Theo-sophia, bollettino mensile della Sezione Teosofica Belga.

“Goethe a Roma”, il nuovo libro di Paola Giovetti
Edizioni Mediterranee (www.edizionimediterranee.net) ha pubblicato il volume di Paola Giovetti “Goethe a Roma – un grande poeta nell’Italia del Settecento”.
In questa opera Paola Giovetti accompagna il poeta, all’epoca trentasettenne, nel suo celebre viaggio dalle Alpi alla Sicilia, con particolare attenzione alla città di Roma, dove Goethe visse durante la maggior parte del tempo – quasi due anni – che trascorse in Italia.
Ripercorre le emozioni ed il significato che il grand tour ebbe per lui, spiegando perché fu un evento fondamentale, una vera e propria cesura con ciò che era avvenuto fino a quel momento: un mutamento radicale che si ripercosse poi nei successivi anni della sua vita.
Emerge così la complessa personalità dell’uomo che, nella distanza temporale, si è rivelata sempre più universale, un modello avanti anni luce rispetto al suo tempo e anche rispetto al nostro. Goethe non fu, infatti, soltanto il grande poeta, il saggio maestro di vita che tutta l’Europa conobbe: fu il prototipo di un nuovo modello umano al quale ancora oggi aspiriamo, l’uomo costantemente attivo, che non cessa mai di ricercare, di indagare, di scoprire (Goethe fu anche scienziato, pittore, uomo politico), il grande europeo capace di far sua la sapienza dell’antichità, da Occidente ad Oriente e insieme il grande educatore delle generazioni future. Concreto e realista, Goethe credeva nell’azione creativa, nell’operosità instancabile; conosceva tutti gli errori, le tentazioni, gli abissi dell’anima, ma seppe portarli all’armonia e trasformarli in ricchezza.
Paola Giovetti, giornalista e scrittrice, laureata in letteratura tedesca, è socia della S.T.I. Autrice di numerosi saggi e di varie biografie, tra cui quelle di Helena Petrovna Blavatsky, Emanuel Swedenborg, Rudolf Steiner, Roberto Assagioli, Viktor Frankl, Maria Montessori, tutte edite da Edizioni Mediterranee.

“Occaso”: una nuova raccolta di poesie di Silvano Demarchi
La fervida vena poetica del teosofo bolzanino prof. Silvano Demarchi non cessa di sorprendere. Ne è testimonianza l’intenso lirismo della sua ultima raccolta di poesie, “Occaso”, pubblicata da Ediemme – Cronache Italiane Salerno.
C’è in queste poesie una vena malinconica, legata allo scorrere del tempo, ma c’è anche una forza intima che deriva da una condizione umana in cui c’è spazio per la sacralità della vita.
Scrive l’autore in “Andiamo!”: “Su, svegliati, andiamo! / L’alba già erompe oltre la collina. / lasciamo questo vetusto paese / dove uggiose e uguali / sono le giornate. Irrefrenabile / una voglia di viaggio c’incalza. / Esilaranti sorprese / ci riserva il domani / e forte è il richiamo / di terre lontane, / perché / conoscere è vivere”.
Osserva Antonio Crecchia nella prefazione: “L’esigenza espressiva di Demarchi lo conduce a non insistere troppo su temi esistenziali, ad uscire dalle strettoie pessimistiche del pensiero che precorre i tempi e si affaccia con timore e angoscia sull’abisso dell’ignoto, ma guardare e godere con animo sereno quanto di bello e allettante la Natura e la vita possono offrire ai suoi occhi”.

“La tigre e l’ombra della luna”
La Libreria Editrice Psiche di Torino ha pubblicato “la tigre e la luna”, opera che mette in luce la lirica intensità dell’autrice, Chicca Morone.
Viaggio alchemico fra terra e luna di due anime antiche, nate per incontrarsi, amarsi e tornare ad esistere come pura luce, senza la necessità di legarsi alla materia attraverso il corpo.
Un cammino iniziatico dove il tempo e lo spazio limitano azioni e reazioni dei protagonisti senza lederne il libero arbitrio, ma aiutando entrambi a conoscere se stessi e a comprendere i propri errori, lontano da qualsiasi senso di colpa.
La conoscenza del proprio sé offrirà loro una diversa visione della realtà circostante: sogno e sonno si alterneranno sempre meno virtualmente, permettendo anche al lettore di identificarsi nelle situazioni del proprio quotidiano, con un’interpretazione diversa del significato dell’esistenza umana sulla terra.
Chicca Morone vive e lavora a Torino. Librettista, poetessa, giornalista, scrittrice, grafologa e musico terapeuta, ha collaborato con “Il Giornale dell’Arte” e “Il Sole 24 ore", prima di esordire in campo letterario con romanzi e raccolte poetiche. E’ presidente fondatrice de Il Mondo delle Idee (1994). Ha partecipato a Firenze alla presentazione del Manifesto del Mitomodernismo, corrente letteraria che vuole mettere in luce i simboli legati al mito nella realtà contemporanea.

Universo Massonico
La Casa Editrice Bastogi ha pubblicato il volume "Universo massonico", che raccoglie gran parte degli articoli che Luca Bagatin (socio indipendente della STI) ha pubblicato in riviste specializzate esoteriche e soprattutto sul suo blog www.lucabagatin.ilcannocchiale.it
"Universo massonico", che ha la prefazione del Gran Maestro Luigi Pruneti, inizia dalle origini della Massoneria, tratta del significato dell'Iniziazione, del simbolismo massonico ed esoterico, dei simboli massonici ed esoterici disseminati nella letteratura ed in alcune opere musicali contemporanee. Ci sono peraltro una sezione dedicata specificatamente all'alchimia, alla magia ed al significato del sacro ed un'ampia sezione che raccoglie stralci sulla vita e l'opera di Madame Blavatsky e della Società Teosofica.
Il prezzo del volume è di euro 15,00. Per ulteriori informazioni: burroughs279@yahoo.it

Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Gennaio 2013

Anno LXIX - N.1
Cover Gennaio 2013

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Idee e continuo infinito presente
A. Girardi 1

Il Centro Teosofico internazionale di Naarden (prima parte)
A. Heijbroek 2

Tra l’oceano e il fiume: ai confini dell’esoterismo religioso
G. Ricci 11

La nostra responsabilità individuale quali Teosofi
H.A. Kirk 21

L’esoterismo nelle religioni
P.F. Cascino 24

Verso un mondo migliore
A. Stirati 29

Il pluralismo delle religioni. L’incontro delle religioni. Le religioni comparate
D. Zangari 31

Proteggiamo i nostri amici animali
G. Boerci 33



Segnalazioni 35
Recensioni 35
Dai Gruppi 36

Idee e continuo infinito presente

In larga parte del mondo occidentale - e non solo - gli anni più recenti sono stati caratterizzati da una forte negatività, oscillante fra le paure per la crisi economica e per lo stato ambientale del pianeta e la tendenza al catastrofismo. L’euforia egoistica dei primi anni del nuovo millennio ha lasciato via via il posto all’incertezza.
In questi fenomeni di massa è riscontrabile il peso delle mode, dei pensieri collettivi, della grande influenza dei media sugli stati d’animo e i comportamenti delle persone. Così facendo si continua ad ignorare che la Vita prosegue incessantemente lungo la via dell’evoluzione, che tutto è regolato dalla legge del karma, inteso non tanto come un cieco sistema di premio/punizione, quanto piuttosto come sintesi di un fluire che mostra come ogni aspetto del particolare si rifletta nell’universale, in un equilibrio dinamico che apre positivamente le porte alla presa di coscienza di un comportamento individuale che, nel qui ed ora, è in grado non solo di influenzare la nostra esistenza, ma di contribuire al bene di tutta l’umanità.
La Teosofia ci insegna a non giudicare la vita, ma piuttosto a comprenderne il profondo significato. Sospendere il giudizio separativo è il primo passo per la comprensione. E’ importante che l’essere umano prenda coscienza del significato di questa affermazione attribuita a Socrate: “Esiste un solo bene, la conoscenza e un solo male, l’ignoranza”. E’ infatti l’ignoranza quella che ci spinge verso l’egoismo, la violenza, la disarmonia. Di contro la conoscenza nasce dall’osservazione e dalla comprensione del fatto di essere parte di un tutto che non è solo quello che i nostri sensi e i nostri paradigmi mentale pensano che sia la realtà.
L’insieme di questi elementi ci spinge a considerare le grandi possibilità che sono racchiuse nel tempo presente, se solo sapremo sostituire la simpatia alla critica, l’amore per la natura alla paura, l’azione e il pensiero positivi alle tendenza distruttive.
La visione teosofica delle cose spinge ad una comprensione del significato del reale che vada oltre agli approcci parziali e sappia riconoscere l’universale. Per questo la Società Teosofica promuove la Fratellanza Universale senza distinzioni e lo studio comparato delle religioni, delle filosofie e delle scienze. Affermava in proposito H.P. Blavatsky: “La Teosofia non è Buddhismo, Induismo, Cristianesimo o Jainismo, ma la sintesi esoterica di tutte le religioni e le filosofie conosciute. E’ la religione-saggezza arcaica, quella conoscenza un tempo nota in ogni paese civilizzato dell’antichità”.
E in una delle lettere di un Mahatma a Sinnett troviamo questa affermazione, foriera di elementi di meditazione: “Noi non studiamo i fenomeni fisici, ma le idee universali, poiché per comprendere i primi dobbiamo innanzi tutto capire queste ultime. Esse si riferiscono alla reale posizione dell’uomo nell’universo in relazione alle sue precedenti nascite e a quelle future, alle sue origini ed al suo destino finale, alla relazione esistente fra il mortale e l’immortale, fra il temporaneo e l’eternità, fra il finito e l’infinito; idee profonde, grandiose, più comprensive, che riconoscono il regno universale della Legge Immutabile costante e inalterabile, rispetto alla quale vi è solo un eterno presente ...”.



Antonio Girardi

Segnalazioni

Quote associative alla Società Teosofica Italiana e abbonamento alla “Rivista Italiana di Teosofia” per il 2013
E’ il momento del rinnovo delle quote associative di adesione alla Società Teosofica Italiana per l’anno 2013.
Essere socio della S.T.I. ha soprattutto un valore ideale e si collega direttamente allo scopo della Fratellanza Universale senza distinzioni.
Per il 2013 il Comitato Esecutivo della S.T.I. ha confermato le quote dell’anno precedente: quota associativa 2013 euro 35,00 (comprende anche l’abbonamento al mensile Rivista Italiana di Teosofia); quota associativa 2013 senza Rivista Italiana di Teosofia euro 20,00; abbonamento alla Rivista Italiana di Teosofia (per non soci) euro 25,00; abbonamento estero euro 30,00.
Quota socio sostenitore (con abbonamento) euro 100,00.
Quota socio benemerito vitalizio (con abbonamento) euro 1.000,00.
I Soci indipendenti e gli Abbonati potranno provvedere direttamente al versamento sul c.c.p. n. 55010367 intestato alla Società Teosofica Italiana - Tesoreria, Viale Q. Sella, 83/E – 36100 Vicenza oppure potranno inviare un bonifico bancario sul conto Bancoposta della Società Teosofica Italiana, Tesoreria codice IBAN IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.
I Soci e i Soci/Abbonati dei Gruppi e dei Centri provvederanno invece al rinnovo contattando i Presidenti dei Gruppi o dei Centri di appartenenza.

Scuola di Saggezza
La Scuola di Saggezza, che si tiene ogni anno presso il Quartier Generale della Società Teosofica ad Adyar (Chennai, India), ha iniziato i lavori il 5 novembre scorso e li concluderà il 1° febbraio 2013.
L’ultima sessione avrà luogo dal 9 gennaio al 1° febbraio 2013, sotto la direzione del prof. Ravi Ravindra, sul tema: “Con Krishna nella battaglia della vita – lezioni sull’esistenza tratte dalla Bhagavad Gita”.
Ulteriori informazioni si possono trovare visitando il sito web www.ts-adyar.org
La Scuola di Saggezza offre ai membri della Società Teosofica l’opportunità di approfondire gli argomenti in programma, in un ambiente sereno, liberi dalle occupazioni quotidiane, circondati dalla bellezza e pace di un luogo unico, meditando o godendo del silenzio che si può trovare nel Quartier Generale internazionale della S.T.

Leggenda metropolitana
Segnaliamo che nella trasmissione radiofonica “Dio e le donne”, RAI Radio 1, di sabato 17 novembre, alle ore 23.50, taluno ha affermato che H.P.B. e la S.T. sarebbero stati fra gli ispiratori del nazismo.
La presunta ispirazione che le opere di Blavatsky avrebbero dato al nazismo è una vera e propria “leggenda metropolitana”. Infatti, il movimento teosofico fu – ed è – osteggiato dai regimi autoritari. La S.T.I., ad esempio, fu sciolta dal regime fascista per non aver aderito alle leggi razziali, cancellando la parola “razza” dal suo primo scopo. Anche in Germania la S.T. venne sciolta, nello stesso periodo.
La vicenda della trasmissione radiofonica ci addolora ancor più perché avvenuta proprio nel giorno della ricorrenza del 137° anniversario della Fondazione della S.T.
Al di là delle nostre giuste proteste non vogliamo però abbandonare la voce della Saggezza Universale, che sempre ripete di “non resistere al male”.
Nel sorriso di H. P. Blavatsky, e di tutti i teosofi, c’è comunque una grande fede in quella che possiamo definire “l’eterna bontà di tutte le cose”.

Recensioni

Riviste ricevute in redazione: TheoSophia, dicembre 2012, organo ufficiale della Società Teosofica in Nuova Zelanda; Centre News, bollettino del Centro Teosofico Internazionale di Naarden (Olanda), quarto trimestre 2012; Theosophical History, trimestrale di ricerche teosofiche californiano (gennaio 2012); Sophia, novembre 2012, periodico della Società Teosofica Spagnola; Luce e Ombra, luglio settembre 2012, rivista italiana di parapsicologia e dei problemi connessi; Le Lotus Bleu, ottobre 2012, mensile della Società Teosofica francese e Infor Theo-sophia, bollettino mensile della Sezione Teosofica Belga.

“Goethe a Roma”, il nuovo libro di Paola Giovetti
Edizioni Mediterranee (www.edizionimediterranee.net) ha pubblicato il volume di Paola Giovetti “Goethe a Roma – un grande poeta nell’Italia del Settecento”.
In questa opera Paola Giovetti accompagna il poeta, all’epoca trentasettenne, nel suo celebre viaggio dalle Alpi alla Sicilia, con particolare attenzione alla città di Roma, dove Goethe visse durante la maggior parte del tempo – quasi due anni – che trascorse in Italia.
Ripercorre le emozioni ed il significato che il grand tour ebbe per lui, spiegando perché fu un evento fondamentale, una vera e propria cesura con ciò che era avvenuto fino a quel momento: un mutamento radicale che si ripercosse poi nei successivi anni della sua vita.
Emerge così la complessa personalità dell’uomo che, nella distanza temporale, si è rivelata sempre più universale, un modello avanti anni luce rispetto al suo tempo e anche rispetto al nostro. Goethe non fu, infatti, soltanto il grande poeta, il saggio maestro di vita che tutta l’Europa conobbe: fu il prototipo di un nuovo modello umano al quale ancora oggi aspiriamo, l’uomo costantemente attivo, che non cessa mai di ricercare, di indagare, di scoprire (Goethe fu anche scienziato, pittore, uomo politico), il grande europeo capace di far sua la sapienza dell’antichità, da Occidente ad Oriente e insieme il grande educatore delle generazioni future. Concreto e realista, Goethe credeva nell’azione creativa, nell’operosità instancabile; conosceva tutti gli errori, le tentazioni, gli abissi dell’anima, ma seppe portarli all’armonia e trasformarli in ricchezza.
Paola Giovetti, giornalista e scrittrice, laureata in letteratura tedesca, è socia della S.T.I. Autrice di numerosi saggi e di varie biografie, tra cui quelle di Helena Petrovna Blavatsky, Emanuel Swedenborg, Rudolf Steiner, Roberto Assagioli, Viktor Frankl, Maria Montessori, tutte edite da Edizioni Mediterranee.

“Occaso”: una nuova raccolta di poesie di Silvano Demarchi
La fervida vena poetica del teosofo bolzanino prof. Silvano Demarchi non cessa di sorprendere. Ne è testimonianza l’intenso lirismo della sua ultima raccolta di poesie, “Occaso”, pubblicata da Ediemme – Cronache Italiane Salerno.
C’è in queste poesie una vena malinconica, legata allo scorrere del tempo, ma c’è anche una forza intima che deriva da una condizione umana in cui c’è spazio per la sacralità della vita.
Scrive l’autore in “Andiamo!”: “Su, svegliati, andiamo! / L’alba già erompe oltre la collina. / lasciamo questo vetusto paese / dove uggiose e uguali / sono le giornate. Irrefrenabile / una voglia di viaggio c’incalza. / Esilaranti sorprese / ci riserva il domani / e forte è il richiamo / di terre lontane, / perché / conoscere è vivere”.
Osserva Antonio Crecchia nella prefazione: “L’esigenza espressiva di Demarchi lo conduce a non insistere troppo su temi esistenziali, ad uscire dalle strettoie pessimistiche del pensiero che precorre i tempi e si affaccia con timore e angoscia sull’abisso dell’ignoto, ma guardare e godere con animo sereno quanto di bello e allettante la Natura e la vita possono offrire ai suoi occhi”.

“La tigre e l’ombra della luna”
La Libreria Editrice Psiche di Torino ha pubblicato “la tigre e la luna”, opera che mette in luce la lirica intensità dell’autrice, Chicca Morone.
Viaggio alchemico fra terra e luna di due anime antiche, nate per incontrarsi, amarsi e tornare ad esistere come pura luce, senza la necessità di legarsi alla materia attraverso il corpo.
Un cammino iniziatico dove il tempo e lo spazio limitano azioni e reazioni dei protagonisti senza lederne il libero arbitrio, ma aiutando entrambi a conoscere se stessi e a comprendere i propri errori, lontano da qualsiasi senso di colpa.
La conoscenza del proprio sé offrirà loro una diversa visione della realtà circostante: sogno e sonno si alterneranno sempre meno virtualmente, permettendo anche al lettore di identificarsi nelle situazioni del proprio quotidiano, con un’interpretazione diversa del significato dell’esistenza umana sulla terra.
Chicca Morone vive e lavora a Torino. Librettista, poetessa, giornalista, scrittrice, grafologa e musico terapeuta, ha collaborato con “Il Giornale dell’Arte” e “Il Sole 24 ore", prima di esordire in campo letterario con romanzi e raccolte poetiche. E’ presidente fondatrice de Il Mondo delle Idee (1994). Ha partecipato a Firenze alla presentazione del Manifesto del Mitomodernismo, corrente letteraria che vuole mettere in luce i simboli legati al mito nella realtà contemporanea.

Universo Massonico
La Casa Editrice Bastogi ha pubblicato il volume "Universo massonico", che raccoglie gran parte degli articoli che Luca Bagatin (socio indipendente della STI) ha pubblicato in riviste specializzate esoteriche e soprattutto sul suo blog www.lucabagatin.ilcannocchiale.it
"Universo massonico", che ha la prefazione del Gran Maestro Luigi Pruneti, inizia dalle origini della Massoneria, tratta del significato dell'Iniziazione, del simbolismo massonico ed esoterico, dei simboli massonici ed esoterici disseminati nella letteratura ed in alcune opere musicali contemporanee. Ci sono peraltro una sezione dedicata specificatamente all'alchimia, alla magia ed al significato del sacro ed un'ampia sezione che raccoglie stralci sulla vita e l'opera di Madame Blavatsky e della Società Teosofica.
Il prezzo del volume è di euro 15,00. Per ulteriori informazioni: burroughs279@yahoo.it

Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.