Gennaio 2012

Anno LXVIII - N.1
Copertina Gennaio 2012

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Area riservata

Dalla Torre di Babele alla giusta Via di Mezzo
A. Girardi 1

La guarigione spirituale
G. Hodson 2

L'islamismo alla luce della Teosofia
A. Besant 6

Il Canto XXXIII del Paradiso dantesco alla luce del Vedanta
A. Stirati 16

Il Dalai Lama a Chicago
T. Boyd 19

Dopo la morte ci risvegliamo?
J. Algeo 21

La Teosofia e i problemi mondiali del presente
A. Girardi 28

Fuori dal tunnel
P. Zimerle 32

Il Cristianesimo esoterico. Novità Editoriale

pag. 34



Segnalazioni 35
Recensioni 35
Dai Gruppi 36

Dalla Torre di Babele alla giusta Via di Mezzo

La complessità del vivere distoglie l’essere umano dalle possibilità della consapevolezza.
Viviamo nel bel mezzo di un vero e proprio “bombardamento sensoriale”. Informazioni e onde vibrazionali, sempre più veloci e complesse, riempiono gli spazi della mente e il rischio di essere “pensati” diventa sempre più concreto.
Tutto si fa più veloce, più superficiale. E le “macchine” acquistano sempre più importanza nel nostro vivere: vere e proprie “protesi” ormai della nostra azione. Per non dire del loro linguaggio sempre più complesso e quasi iniziatico.

Antonio Girardi

Acquistiamo telefonini, computer, televisori e altro talmente complessi, che finiamo per utilizzare una minima parte delle loro funzioni. E tutto questo mentre miliardi di persone muoiono di fame o sono coinvolte in lotte e guerre a beneficio di pochi ed a detrimento della quasi totalità degli “altri”.
Tutto viene consumato “velocemente” e la crisi economica, sociale e soprattutto morale dell’Occidente ci fa comprendere che la nostra ricchezza è stata accumulata a danno di una parte consistente dell’umanità, che si sta ora “svegliando” e che sta per così dire ribaltando la situazione.
In uno scenario di questo tipo, il cui simbolo appropriato pare essere la Torre di Babele, e a dimostrazione della “confusione” operante a livello sociale e a quello individuale, sempre più importante per l’essere umano diventa considerare il valore della giusta via di mezzo, che nasce dall’attenta osservazione della realtà, ne coglie pienamente il significato karmico, ne verifica la dimensione spirituale attraverso l’ascolto della natura e l’indagine interiore. È quest’ultima che svela una possibilità che va oltre l’io personale, aprendo la strada alla dimensione impersonale e neutrale della realtà spirituale.
La giusta via di mezzo rivoluziona la concezione temporale del vivere: fra i condizionamenti di un passato che non è più e le proiezioni di un futuro che non è ancora, si fa strada il “qui ed ora”, consapevole che il presente, che è certo frutto anche del passato e prepara esso stesso il futuro, apre le porte all’infinito.
La giusta via di mezzo è una via che pratica la maieutica ed è “vulnerabile” alla dimensione della Bellezza.
Ne troviamo traccia culturalmente nel concetto aristotelico di “mesata” e nella celebre affermazione di Lucrezio “in media res stat virtus”.
La giusta via di mezzo rende consapevoli della fratellanza universale senza distinzioni, apre il cuore alla ineffabilità dell’Amore e rappresenta pure una possibilità “vibrazionale” che ci protegge dalle negatività e dagli egoismi.
Nel mirabile testo La Luce sul sentiero, trascritto da Mabel Collins leggiamo: “Cresci come cresce il fiore, inconsciamente, ma ardentemente ansioso di aprire all’aria l’anima sua. Così devi tu anelare ad aprire l’anima tua all’Eterno. Ma dev’essere l’Eterno che trae fuori la tua forza e la tua bellezza, non il desiderio di crescere. Perché nell’un caso ti sviluppi nel rigoglio della purezza, nell’altro l’inevitabile passione per l’elevatezza personale, t’indurisce … la pace che desidererai è quella pace sacra che nulla può turbare e nella quale l’anima cresce come il fiore santo sulle placide lagune. Ed il potere che il discepolo agognerà è quello che lo farà apparire come niente agli occhi degli uomini”.

Segnalazioni

Quote associative e Abbonamento alla “Rivista Italiana di Teosofia” per il 2012
Si sta concludendo il momento del rinnovo delle quote associative di adesione alla Società Teosofica Italiana per l’anno 2012.
Essere socio della S.T.I. ha soprattutto un valore ideale e si collega direttamente allo scopo della Fratellanza Universale senza distinzioni.
Per il 2012 il Comitato Esecutivo della S.T.I. ha confermato i seguenti importi: quota associativa 2012 euro 35,00 (comprende anche l’abbonamento alla Rivista Italiana di Teosofia); quota associativa 2012 senzaRivista Italiana di Teosofia euro 20,00; abbonamento alla Rivista Italiana di Teosofia (per non soci) euro 25,00; abbonamento estero euro 30,00.
Quota socio sostenitore (con abbonamento) euro 100,00.
Quota socio benemerito vitalizio (con abbonamento) euro 1.000,00.
I Soci indipendenti e gli Abbonati potranno provvedere direttamente al versamento sul c.c.p. n. 55010367 intestato alla Società Teosofica Italiana - Tesoreria, Viale Q. Sella, 83/E – 36100 Vicenza oppure potranno inviare un bonifico a: Società Teosofica Italiana, presso Banca Popolare di Vicenza Agenzia n. 3 di Vicenza, codice IBAN: IT79 U057 2811 8160 1657 0143 525
I Soci e i Soci/Abbonati dei Gruppi e dei Centri provvederanno invece al rinnovo contattando i Presidenti dei Gruppi o dei Centri di appartenenza.

Video on line del 97° Congresso nazionale della S.T.I.
Collegandosi al portale della Società Teosofica Italiana, all’indirizzo web www.teosofica.org è possibile consultare i video contenenti le relazioni e i momenti salienti del 97° Congresso Nazionale della S.T.I., che si è svolto ad Assisi nello scorso mese di maggio.
Anche i soci e i simpatizzanti che non hanno potuto partecipare direttamente al Congresso o seguirlo via internet, potranno condividere la fraterna e intensa atmosfera che ha caratterizzato le giornate teosofiche nella terra di San Francesco.

A Roma la musica del cuore
I teosofi israeliani Daphna Koren e il marito Shmuel hanno visitato, nel mese di ottobre, con il loro figlioletto Oria, l’Italia. E’ stata questa anche l’occasione per un incontro con i Gruppi Teosofici romani e con il Centro Internazionale di Studi Teosofici di Cervignano del Friuli.
Presso la sede romana della Società Teosofica in Corso Trieste si è svolta una serata musicale tenuta dal fratello Shmuel che ha suonato e cantato melodie in grado di influenzare positivamente il cuore e l’anima.

Linda Oliveira presidente della Società Teosofica Australiana
Linda Oliveira è stata eletta Presidente nazionale della Società Teosofica australiana e inizierà il suo mandato a gennaio 2012. Il suo incarico avrà la durata di tre anni.
Alla sorella Linda, che ricordiamo con stima e simpatia, la Società Teosofica Italiana invia un fraterno augurio di buon lavoro e di Ogni Bene.

La rosa di Rudolf
Abbiamo ricevuto in redazione La rosa di Rudolf, nuova raccolta di canzoni del fratello Adriano Doronzo di Trieste. Anche questo CD contiene echi teosofici proprio nella canzone che dà il titolo alla raccolta.
Complimenti al fratello Adriano per la sua creatività e per la sua sensibilità artistica.

Saffo, una donna fuori dal tempo
Il 4 novembre 2011 il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino ha ospitato la prima dell’opera lirica “Saffo, una donna fuori dal tempo”, atto unico tratto da “Tra le ali dell’angelo” di Chicca Morone, con musica di Sergio Merletti. L’intero incasso della serata è stato devoluto ad opere umanitarie.



Recensioni

Luoghi di meditazione, di pellegrinaggio, di spiritualità in Italia
La Casa Editrice Mediterranee di Roma (www.edizionimediterranee.net) ha recentemente pubblicato un interessante manuale, la cui autrice è Paola Giovetti, dedicato ai "Luoghi di meditazione, di pellegrinaggio e di spiritualità in Italia".
L'autrice è riuscita, con potere di sintesi e di chiarezza, a costruire una ricca mappa ragionata di luoghi che si ricollegano a diverse tradizioni, da quella cristiana a quella induista, da quella buddhista a quella che si riferisce all'Islam. Per ciascun posto vengono non solo fornite informazioni di tipo pratico, ma anche dei contesti culturali e religiosi che li caratterizzano. Nel libro si parla anche della meditazione in movimento, ovvero del pellegrinaggio: un tema affascinante e suggestivo, ricco di storia, tradizioni e di spiritualità.
Alcune pagine contengono un focus sulla Società Teosofica e sul suo modo di intendere la meditazione.
Fra le citazioni che arricchiscono il volume sul tema riportiamo quella di San Francesco di Sales (1567/1622): "Mezz'ora di meditazione ogni giorno è essenziale, ad eccezione di quando si è indaffarati. Allora c'è bisogno di un'ora intera".

La Saggezza Segreta
Con il titolo "La Saggezza Segreta - Guida alle tradizioni interiori occidentali" Edizioni Crisalide di Saturnia (LT) (www.crisalide.com) ha pubblicato un interssante volume di Richard Smoley (responsabile editoriale di "The Quest", rivista della Società Teosofica Americana) e di Jay Kinney.
È un libro adatto soprattutto a chi è alla ricerca di un sentiero spirituale su cui incamminarsi ed è comunque in grado di fornire una gran quantità di informazioni sulle diverse tradizioni religiose e spirituali dell'Occidente: dallo gnosticismo, al cristianesimo esoterico; dalla kabbalah al paganesimo; dallo sciamanesimo all'alchimia; dall'ermetismo al sufismo; dal penisero di Gurdjieff alla New Age e a Jung.
I contenuti del testo, che parla anche della Teosofia, di Madame Blavatsky, di Jiddu Krishnamurti e della Società Teosofica, evidenziano come il mondo occidentale possieda una ricca tradizione di insegnamenti esoterici e di scuole mistiche. Gli autori presentano in questo libro la storia, le idee, i punti di forza e le debolezze di queste dottrine spirituali.

L'immenso sguardo dei giovani
È questo il titolo del libro di Carlo Climati: “Immenso sguardo. I mondi dei giovani”, pubblicato in questi giorni dall'Editrice Rogate di Roma.
È un volume che analizza, con un linguaggio semplice, diversi temi legati al mondo dei ragazzi: l’amore, la famiglia, lo studio, lo sport, i viaggi, la fede, il lavoro, la politica, il tempo libero, la vita virtuale su internet, la violenza, la sofferenza, l’incomunicabilità, la dittatura dell’insoddisfazione.
L’obiettivo del libro è quello di lanciare un forte messaggio di speranza e di fiducia nei confronti nelle nuove generazioni.
“Prima di scagliare pietre contro i giovani – scrive Carlo Climati nell'introduzione - bisognerebbe chiedersi: quali valori siamo stati in grado di trasmettere loro, in questi ultimi anni? Li abbiamo aiutati a coltivare le virtù umane, oppure abbiamo favorito una condizione di resa e di appiattimento?
La grande speranza per il futuro è proprio questa: avere il coraggio di stimolare nei ragazzi una cultura veramente diversa e controcorrente. Una cultura orientata alla pace, all’impegno, alla giustizia, al dialogo, al rispetto di ogni essere umano.
Nessuno deve sentirsi escluso da questo percorso di rinnovamento, perché i primi a dover dare l’esempio sono proprio gli adulti. Se non c’è il buon esempio, non può esserci alcun tipo di educazione”.

Gli spiriti di Castrovillari
La casa editrice Gruppo Edicom, di Legnano (http://www.gruppoedicom.it) ha pubblicato il romanzo di Franco Prantera “Gli spiriti di Castrovillari”, una favola fra passato e presente, che vede come protagonisti degli spiriti che girovagano indisturbati nella notte attorno agli edifici del centro cittadino, una favola realizzata attingendo da varie fonti: riflessioni empiriche, percezioni personali, figure fantastiche e personaggi realmente vissuti.

Luce e ombra
Il numero luglio-settembre 2011 di Luce e ombra, rivista trimestrale di parapsicologia e dei problemi connessi, contiene, fra gli interessanti articoli, quello di Antonio Girardi, Segretario Generale della Società Teosofica Italiana intitolato: “Helena Petrovna Blavatsky e la Teosofia”, quello di Paola Giovetti su “C.G. Jung, creatore della psicologia analitica” e quello di Gaetano Mollo relativo a: “La visione di Pietro Ubaldi”.
Luce e ombra è pubblicato da 111 anni ed ha la sua redazione a Bologna in piazza Azzarita 5 (tel e fax 051-554033).

Riviste ricevute in redazione: TheoSophia (Theosophy in New Zealand), magazine ufficiale della Società Teosofica in Nuova Zelanda, settembre 2011; Le Lotus Bleu, rivista della Società Teosofica francese, ottobre 2011 (n. 8 del 116° anno di pubblicazione); Infor Theo-Sophia, mensile della Società Teosofica Belga, ottobre 2011; The Theosophist, organo ufficiale del Presidente della Società Teosofica, novembre 2011 (fondato nel 1879, volume 113°); Theosophy in Australia, rivista della Società Teosofica australiana, novembre 2011; Esoterica, autunno 2011, giornale della Foundation for Theosophical Studies che ha sede presso il Quartier Generale della Società Teosofica di Londra.


Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Gruppo “Iside” di Trapani
Il fratello prof. Gianni Grimaudo, presidente del Gruppo Teosofico di Trapani, ci ha inviato una relazione sulla festa per il tesseramento per l’anno sociale 2012. I soci si sono riuniti presso l’Accademia di Belle Arti “Kandinsky” il 18 novembre scorso. Il presidente ha inaugurato i lavori e ha spiegato la funzione e lo scopo dell’adesione alla Società Teosofica. Il Gruppo ha superato il cinquantesimo tesserato, fra l’entusiasmo e la buona accoglienza dei soci ai nuovi arrivati.
All’intervento del presidente ha fatto seguito la conferenza del dott. Giuseppe Adragna, sul valore dei simboli. La conferenza ha suscitato il vivo interesse dei partecipanti. E’ poi intervenuta la vice-presidente del Gruppo, prof. Marina Errante, che ha tracciato e spiegato le linee direttrici che spingono un teosofo alla ricerca della verità.
Vi sono stati poi anche gli interventi del fratello col. De Blasi e della sorella dott. Silvia Guaiana, direttrice dell’Accademia.
La sorella Nadia Almonte è stata nominata responsabile dell’Ordine Teosofico di Servizio.
Confermata nel suo incarico la tesoriera Franca Russo, cui è andato anche il ringraziamento per il lavoro svolto.

Gennaio 2012

Anno LXVIII - N.1
Copertina Gennaio 2012

La Rivista Italiana di Teosofia esce con cadenza mensile, con la sola eccezione del numero di agosto/settembre, che è unico. L'invio avviene tramite il servizio postale. Il costo dell'abbonamento annuo è fissato per il 2017 in euro 25,00 per l’Italia e in euro 40,00 per l’Estero, da versare tramite bollettino di conto corrente postale nr 55010367, intestato a Società Teosofica Italiana - Tesoreria oppure tramite bonifico al conto Bancoposta: Società Teosofica Italiana - CODICE IBAN: IT93 D076 0111 8000 0005 5010 367.

Dalla Torre di Babele alla giusta Via di Mezzo
A. Girardi 1

La guarigione spirituale
G. Hodson 2

L'islamismo alla luce della Teosofia
A. Besant 6

Il Canto XXXIII del Paradiso dantesco alla luce del Vedanta
A. Stirati 16

Il Dalai Lama a Chicago
T. Boyd 19

Dopo la morte ci risvegliamo?
J. Algeo 21

La Teosofia e i problemi mondiali del presente
A. Girardi 28

Fuori dal tunnel
P. Zimerle 32

Il Cristianesimo esoterico. Novità Editoriale

pag. 34



Segnalazioni 35
Recensioni 35
Dai Gruppi 36

Dalla Torre di Babele alla giusta Via di Mezzo

La complessità del vivere distoglie l’essere umano dalle possibilità della consapevolezza.
Viviamo nel bel mezzo di un vero e proprio “bombardamento sensoriale”. Informazioni e onde vibrazionali, sempre più veloci e complesse, riempiono gli spazi della mente e il rischio di essere “pensati” diventa sempre più concreto.
Tutto si fa più veloce, più superficiale. E le “macchine” acquistano sempre più importanza nel nostro vivere: vere e proprie “protesi” ormai della nostra azione. Per non dire del loro linguaggio sempre più complesso e quasi iniziatico.

Antonio Girardi

Acquistiamo telefonini, computer, televisori e altro talmente complessi, che finiamo per utilizzare una minima parte delle loro funzioni. E tutto questo mentre miliardi di persone muoiono di fame o sono coinvolte in lotte e guerre a beneficio di pochi ed a detrimento della quasi totalità degli “altri”.
Tutto viene consumato “velocemente” e la crisi economica, sociale e soprattutto morale dell’Occidente ci fa comprendere che la nostra ricchezza è stata accumulata a danno di una parte consistente dell’umanità, che si sta ora “svegliando” e che sta per così dire ribaltando la situazione.
In uno scenario di questo tipo, il cui simbolo appropriato pare essere la Torre di Babele, e a dimostrazione della “confusione” operante a livello sociale e a quello individuale, sempre più importante per l’essere umano diventa considerare il valore della giusta via di mezzo, che nasce dall’attenta osservazione della realtà, ne coglie pienamente il significato karmico, ne verifica la dimensione spirituale attraverso l’ascolto della natura e l’indagine interiore. È quest’ultima che svela una possibilità che va oltre l’io personale, aprendo la strada alla dimensione impersonale e neutrale della realtà spirituale.
La giusta via di mezzo rivoluziona la concezione temporale del vivere: fra i condizionamenti di un passato che non è più e le proiezioni di un futuro che non è ancora, si fa strada il “qui ed ora”, consapevole che il presente, che è certo frutto anche del passato e prepara esso stesso il futuro, apre le porte all’infinito.
La giusta via di mezzo è una via che pratica la maieutica ed è “vulnerabile” alla dimensione della Bellezza.
Ne troviamo traccia culturalmente nel concetto aristotelico di “mesata” e nella celebre affermazione di Lucrezio “in media res stat virtus”.
La giusta via di mezzo rende consapevoli della fratellanza universale senza distinzioni, apre il cuore alla ineffabilità dell’Amore e rappresenta pure una possibilità “vibrazionale” che ci protegge dalle negatività e dagli egoismi.
Nel mirabile testo La Luce sul sentiero, trascritto da Mabel Collins leggiamo: “Cresci come cresce il fiore, inconsciamente, ma ardentemente ansioso di aprire all’aria l’anima sua. Così devi tu anelare ad aprire l’anima tua all’Eterno. Ma dev’essere l’Eterno che trae fuori la tua forza e la tua bellezza, non il desiderio di crescere. Perché nell’un caso ti sviluppi nel rigoglio della purezza, nell’altro l’inevitabile passione per l’elevatezza personale, t’indurisce … la pace che desidererai è quella pace sacra che nulla può turbare e nella quale l’anima cresce come il fiore santo sulle placide lagune. Ed il potere che il discepolo agognerà è quello che lo farà apparire come niente agli occhi degli uomini”.

Segnalazioni

Quote associative e Abbonamento alla “Rivista Italiana di Teosofia” per il 2012
Si sta concludendo il momento del rinnovo delle quote associative di adesione alla Società Teosofica Italiana per l’anno 2012.
Essere socio della S.T.I. ha soprattutto un valore ideale e si collega direttamente allo scopo della Fratellanza Universale senza distinzioni.
Per il 2012 il Comitato Esecutivo della S.T.I. ha confermato i seguenti importi: quota associativa 2012 euro 35,00 (comprende anche l’abbonamento alla Rivista Italiana di Teosofia); quota associativa 2012 senzaRivista Italiana di Teosofia euro 20,00; abbonamento alla Rivista Italiana di Teosofia (per non soci) euro 25,00; abbonamento estero euro 30,00.
Quota socio sostenitore (con abbonamento) euro 100,00.
Quota socio benemerito vitalizio (con abbonamento) euro 1.000,00.
I Soci indipendenti e gli Abbonati potranno provvedere direttamente al versamento sul c.c.p. n. 55010367 intestato alla Società Teosofica Italiana - Tesoreria, Viale Q. Sella, 83/E – 36100 Vicenza oppure potranno inviare un bonifico a: Società Teosofica Italiana, presso Banca Popolare di Vicenza Agenzia n. 3 di Vicenza, codice IBAN: IT79 U057 2811 8160 1657 0143 525
I Soci e i Soci/Abbonati dei Gruppi e dei Centri provvederanno invece al rinnovo contattando i Presidenti dei Gruppi o dei Centri di appartenenza.

Video on line del 97° Congresso nazionale della S.T.I.
Collegandosi al portale della Società Teosofica Italiana, all’indirizzo web www.teosofica.org è possibile consultare i video contenenti le relazioni e i momenti salienti del 97° Congresso Nazionale della S.T.I., che si è svolto ad Assisi nello scorso mese di maggio.
Anche i soci e i simpatizzanti che non hanno potuto partecipare direttamente al Congresso o seguirlo via internet, potranno condividere la fraterna e intensa atmosfera che ha caratterizzato le giornate teosofiche nella terra di San Francesco.

A Roma la musica del cuore
I teosofi israeliani Daphna Koren e il marito Shmuel hanno visitato, nel mese di ottobre, con il loro figlioletto Oria, l’Italia. E’ stata questa anche l’occasione per un incontro con i Gruppi Teosofici romani e con il Centro Internazionale di Studi Teosofici di Cervignano del Friuli.
Presso la sede romana della Società Teosofica in Corso Trieste si è svolta una serata musicale tenuta dal fratello Shmuel che ha suonato e cantato melodie in grado di influenzare positivamente il cuore e l’anima.

Linda Oliveira presidente della Società Teosofica Australiana
Linda Oliveira è stata eletta Presidente nazionale della Società Teosofica australiana e inizierà il suo mandato a gennaio 2012. Il suo incarico avrà la durata di tre anni.
Alla sorella Linda, che ricordiamo con stima e simpatia, la Società Teosofica Italiana invia un fraterno augurio di buon lavoro e di Ogni Bene.

La rosa di Rudolf
Abbiamo ricevuto in redazione La rosa di Rudolf, nuova raccolta di canzoni del fratello Adriano Doronzo di Trieste. Anche questo CD contiene echi teosofici proprio nella canzone che dà il titolo alla raccolta.
Complimenti al fratello Adriano per la sua creatività e per la sua sensibilità artistica.

Saffo, una donna fuori dal tempo
Il 4 novembre 2011 il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino ha ospitato la prima dell’opera lirica “Saffo, una donna fuori dal tempo”, atto unico tratto da “Tra le ali dell’angelo” di Chicca Morone, con musica di Sergio Merletti. L’intero incasso della serata è stato devoluto ad opere umanitarie.



Recensioni

Luoghi di meditazione, di pellegrinaggio, di spiritualità in Italia
La Casa Editrice Mediterranee di Roma (www.edizionimediterranee.net) ha recentemente pubblicato un interessante manuale, la cui autrice è Paola Giovetti, dedicato ai "Luoghi di meditazione, di pellegrinaggio e di spiritualità in Italia".
L'autrice è riuscita, con potere di sintesi e di chiarezza, a costruire una ricca mappa ragionata di luoghi che si ricollegano a diverse tradizioni, da quella cristiana a quella induista, da quella buddhista a quella che si riferisce all'Islam. Per ciascun posto vengono non solo fornite informazioni di tipo pratico, ma anche dei contesti culturali e religiosi che li caratterizzano. Nel libro si parla anche della meditazione in movimento, ovvero del pellegrinaggio: un tema affascinante e suggestivo, ricco di storia, tradizioni e di spiritualità.
Alcune pagine contengono un focus sulla Società Teosofica e sul suo modo di intendere la meditazione.
Fra le citazioni che arricchiscono il volume sul tema riportiamo quella di San Francesco di Sales (1567/1622): "Mezz'ora di meditazione ogni giorno è essenziale, ad eccezione di quando si è indaffarati. Allora c'è bisogno di un'ora intera".

La Saggezza Segreta
Con il titolo "La Saggezza Segreta - Guida alle tradizioni interiori occidentali" Edizioni Crisalide di Saturnia (LT) (www.crisalide.com) ha pubblicato un interssante volume di Richard Smoley (responsabile editoriale di "The Quest", rivista della Società Teosofica Americana) e di Jay Kinney.
È un libro adatto soprattutto a chi è alla ricerca di un sentiero spirituale su cui incamminarsi ed è comunque in grado di fornire una gran quantità di informazioni sulle diverse tradizioni religiose e spirituali dell'Occidente: dallo gnosticismo, al cristianesimo esoterico; dalla kabbalah al paganesimo; dallo sciamanesimo all'alchimia; dall'ermetismo al sufismo; dal penisero di Gurdjieff alla New Age e a Jung.
I contenuti del testo, che parla anche della Teosofia, di Madame Blavatsky, di Jiddu Krishnamurti e della Società Teosofica, evidenziano come il mondo occidentale possieda una ricca tradizione di insegnamenti esoterici e di scuole mistiche. Gli autori presentano in questo libro la storia, le idee, i punti di forza e le debolezze di queste dottrine spirituali.

L'immenso sguardo dei giovani
È questo il titolo del libro di Carlo Climati: “Immenso sguardo. I mondi dei giovani”, pubblicato in questi giorni dall'Editrice Rogate di Roma.
È un volume che analizza, con un linguaggio semplice, diversi temi legati al mondo dei ragazzi: l’amore, la famiglia, lo studio, lo sport, i viaggi, la fede, il lavoro, la politica, il tempo libero, la vita virtuale su internet, la violenza, la sofferenza, l’incomunicabilità, la dittatura dell’insoddisfazione.
L’obiettivo del libro è quello di lanciare un forte messaggio di speranza e di fiducia nei confronti nelle nuove generazioni.
“Prima di scagliare pietre contro i giovani – scrive Carlo Climati nell'introduzione - bisognerebbe chiedersi: quali valori siamo stati in grado di trasmettere loro, in questi ultimi anni? Li abbiamo aiutati a coltivare le virtù umane, oppure abbiamo favorito una condizione di resa e di appiattimento?
La grande speranza per il futuro è proprio questa: avere il coraggio di stimolare nei ragazzi una cultura veramente diversa e controcorrente. Una cultura orientata alla pace, all’impegno, alla giustizia, al dialogo, al rispetto di ogni essere umano.
Nessuno deve sentirsi escluso da questo percorso di rinnovamento, perché i primi a dover dare l’esempio sono proprio gli adulti. Se non c’è il buon esempio, non può esserci alcun tipo di educazione”.

Gli spiriti di Castrovillari
La casa editrice Gruppo Edicom, di Legnano (http://www.gruppoedicom.it) ha pubblicato il romanzo di Franco Prantera “Gli spiriti di Castrovillari”, una favola fra passato e presente, che vede come protagonisti degli spiriti che girovagano indisturbati nella notte attorno agli edifici del centro cittadino, una favola realizzata attingendo da varie fonti: riflessioni empiriche, percezioni personali, figure fantastiche e personaggi realmente vissuti.

Luce e ombra
Il numero luglio-settembre 2011 di Luce e ombra, rivista trimestrale di parapsicologia e dei problemi connessi, contiene, fra gli interessanti articoli, quello di Antonio Girardi, Segretario Generale della Società Teosofica Italiana intitolato: “Helena Petrovna Blavatsky e la Teosofia”, quello di Paola Giovetti su “C.G. Jung, creatore della psicologia analitica” e quello di Gaetano Mollo relativo a: “La visione di Pietro Ubaldi”.
Luce e ombra è pubblicato da 111 anni ed ha la sua redazione a Bologna in piazza Azzarita 5 (tel e fax 051-554033).

Riviste ricevute in redazione: TheoSophia (Theosophy in New Zealand), magazine ufficiale della Società Teosofica in Nuova Zelanda, settembre 2011; Le Lotus Bleu, rivista della Società Teosofica francese, ottobre 2011 (n. 8 del 116° anno di pubblicazione); Infor Theo-Sophia, mensile della Società Teosofica Belga, ottobre 2011; The Theosophist, organo ufficiale del Presidente della Società Teosofica, novembre 2011 (fondato nel 1879, volume 113°); Theosophy in Australia, rivista della Società Teosofica australiana, novembre 2011; Esoterica, autunno 2011, giornale della Foundation for Theosophical Studies che ha sede presso il Quartier Generale della Società Teosofica di Londra.


Dai Gruppi

Sul sito web della S.T.I. le attività dei Gruppi e dei Centri
Le attività dei Gruppi e dei Centri della Società Teosofica Italiana sono presentate, giorno per giorno, su internet e sono consultabili collegandosi al sito della S.T.I. all’indirizzo: www.teosofica.org
Aprendo la sezione “Eventi e Convegni” è possibile registrarsi accedendo così all’elenco delle riunioni e delle conferenze che vengono organizzate nelle varie località.

Gruppo “Iside” di Trapani
Il fratello prof. Gianni Grimaudo, presidente del Gruppo Teosofico di Trapani, ci ha inviato una relazione sulla festa per il tesseramento per l’anno sociale 2012. I soci si sono riuniti presso l’Accademia di Belle Arti “Kandinsky” il 18 novembre scorso. Il presidente ha inaugurato i lavori e ha spiegato la funzione e lo scopo dell’adesione alla Società Teosofica. Il Gruppo ha superato il cinquantesimo tesserato, fra l’entusiasmo e la buona accoglienza dei soci ai nuovi arrivati.
All’intervento del presidente ha fatto seguito la conferenza del dott. Giuseppe Adragna, sul valore dei simboli. La conferenza ha suscitato il vivo interesse dei partecipanti. E’ poi intervenuta la vice-presidente del Gruppo, prof. Marina Errante, che ha tracciato e spiegato le linee direttrici che spingono un teosofo alla ricerca della verità.
Vi sono stati poi anche gli interventi del fratello col. De Blasi e della sorella dott. Silvia Guaiana, direttrice dell’Accademia.
La sorella Nadia Almonte è stata nominata responsabile dell’Ordine Teosofico di Servizio.
Confermata nel suo incarico la tesoriera Franca Russo, cui è andato anche il ringraziamento per il lavoro svolto.